MA­RI­NA

Adesso - - Passaparol­a -

Mi­chael: Ti ve­do pen­sie­ro­sa. Ma­ri­na: E chi non lo è? Ri­flet­te­vo su co­me cam­bie­rà il mon­do quan­do l’in­cu­bo del­la pan­de­mia sa­rà fi­ni­to. Mi­chael: Cioè?

Ma­ri­na: Que­sto si­ste­ma ca­pi­ta­li­sti­co non fun­zio­na, la­scia in­die­tro la mag­gior par­te del­la gen­te: i ric­chi di­ven­ta­no più ric­chi e non si rie­sce a con­tra­sta­re la po­ver­tà.

Mi­chael: E ne­gli Sta­ti Uni­ti, quan­do è scop­pia­to il Co­ro­na­vi­rus, so­lo nel pri­mo me­se so­no sta­ti li­cen­zia­ti 20 mi­lio­ni di la­vo­ra­to­ri. Hai ra­gio­ne, pe­rò sin­ce­ra­men­te cre­do che non cam­bie­rà un bel nul­la. Ma­ri­na: Co­me fai a es­ser­ne co­sì si­cu­ro?

Mi­chael: Non so­no un ma­go, ma mi ri­cor­do per­fet­ta­men­te co­sa suc­ces­se ai tem­pi del­la cri­si dei mer­ca­ti fi­nan­zia­ri del 2008. Si sca­te­nò un ac­ce­so di­bat­ti­to, si dis­se che la cri­si eco­no­mi­ca era do­vu­ta al di­va­rio gran­dis­si­mo fra ric­chi e po­ve­ri, da­to che i po­ve­ri si in­de­bi­ta­no per man­te­ne­re il li­vel­lo di con­su­mi. Era­va­mo al pun­to d’ar­ri­vo, si af­fer­ma­va, e le co­se an­da­va­no cam­bia­te. Se­con­do te c’è sta­ta una ri­vo­lu­zio­ne?

Ma­ri­na: Leg­go che in Ger­ma­nia i li­bri dell’eco­no­mi­sta fran­ce­se Tho­mas Pi­ket­ty, che par­la di di­se­gua­glian­ze, so­no i più ven­du­ti. In Ita­lia è in cor­so una di­scus­sio­ne sul­le con­se­guen­ze ca­ta­stro­fi­che del­la pri­va­tiz­za­zio­ne del­la sa­ni­tà: una cli­ni­ca pri­va­ta non può per­met­ter­si re­par­ti di te­ra­pia in­ten­si­va, che non fan­no gua­da­gna­re, e co­sì in Lom­bar­dia è suc­ces­sa la tra­ge­dia. Il giu­ri­sta Ugo Mat­tei par­la di ri­va­lu­ta­re i be­ni co­mu­ni e di non per­met­te­re ai pri­va­ti di pren­de­re il so­prav­ven­to: un be­ne comune è il la­vo­ro. Un be­ne comune è l’ac­qua. Be­ni co­mu­ni so­no la sa­lu­te e la cu­ra.

Mi­chael: Ma que­sta di­scus­sio­ne ita­lia­na coin­vol­ge po­che per­so­ne, non i gran­di gior­na­li, né la TV. Ma­ri­na: Si chia­ma Co­mi­ta­to Ro­do­tà e for­mu­la so­lu­zio­ni sem­pli­ci: in que­sta cri­si ci so­no sta­te gran­di azien­de che han­no mol­ti­pli­ca­to i gua­da­gni, per esem­pio Ama­zon. In una lo­gi­ca di be­ne comune, bi­so­gne­reb­be im­por­re a chi ha gua­da­gna­to di più gra­zie al­la tra­ge­dia di con­di­vi­de­re que­gli uti­li. Per­ché lo sta­to si de­ve fa­re ca­ri­co dei dan­ni e le azien­de pri­va­te ri­ce­ve­re so­lo be­ne­fi­ci?

Mi­chael: Ipo­te­si in­te­res­san­te, cer­to. Ma non ver­rà pre­sa in con­si­de­ra­zio­ne. E se da que­sta cri­si na­sce­rà qual­co­sa di nuo­vo, non è det­to che sa­rà po­si­ti­vo… Ma­ri­na: Il quo­ti­dia­no in­gle­se The Guar­dian af­fer­ma che la pan­de­mia ha spaz­za­to via i po­pu­li­smi. Mi­chael: Non cer­to per fa­re spa­zio a una de­mo­cra­zia più mor­bi­da.

Ma­ri­na: Io cre­do che tut­ti noi ab­bia­mo im­pa­ra­to a con­su­ma­re un po’ me­no, a ri­nun­cia­re al su­per­fluo, a es­se­re so­li­da­li: in mol­ti ne­go­zi di ali­men­ta­ri la­scia­mo un po’ di spe­sa per chi sta peg­gio. La­vo­ria­mo da ca­sa, con­tri­buen­do a ren­de­re l’aria del­le cit­tà più pu­li­ta. For­se da que­sto nuo­vo sen­so di co­mu­ni­tà na­sce­rà qual­co­sa di po­si­ti­vo.

Newspapers in Italian

Newspapers from Austria

© PressReader. All rights reserved.