I

Adesso - - Passaparol­a -

n que­st’epo­ca dif­fi­ci­le, an­no 2020 d.C. (del Co­ro­na­vi­rus), leg­gen­do l’en­ne­si­mo ar­ti­co­lo sulla no­ia, mi è na­ta una cu­rio­si­tà: ma per­ché di­cia­mo che piz­za! di fron­te a qual­co­sa di te­dio­so e ri­pe­ti­ti­vo? Me­no ma­le che c’è Goo­gle, do­ve tro­vo ben tre al­ter­na­ti­ve. La pri­ma: per piz­za non s’in­ten­de la pie­tan­za ve­ra e pro­pria, ma la cu­sto­dia me­tal­li­ca che con­tie­ne la pel­li­co­la ci­ne­ma­to­gra­fi­ca, chia­ma­ta ap­pun­to piz­za. For­se la lo­cu­zio­ne fa ri­fe­ri­men­to a un film lun­go e no­io­so. L’ipo­te­si è in­te­res­san­te, ma non so­no an­co­ra per­sua­sa. La se­con­da: la è piat­ta; quin­di, per ana­lo­gia, si pas­sa da piat­to a piat­tu­me, fi­no al con­cet­to di no­ia. Mah, la geo­me­tria è ap­pas­sio­nan­te, ep­pu­re in que­sto ca­so non mi sem­bra ba­sta­re. La ter­za: si fa ri­fe­ri­men­to al­la lun­ga lie­vi­ta­zio­ne del­la pa­sta per fa­re la piz­za, che in me­dia ri­chie­de un gior­no in­te­ro. Ma non cre­do che i fe­no­me­ni lin­gui­sti­ci ab­bia­no motivazion­i co­sì con­cre­te. For­se è più fa­ci­le ac­cet­ta­re un ge­ne­ri­co ri­fe­ri­men­to all’idea di pe­san­tez­za, co­me quel­la che la­scia­no cer­te piz­ze che in­du­co­no a be­re per ore, cau­san­do un sen­so di sa­zie­tà e di gon­fio­re, so­prat­tut­to se gli in­gre­dien­ti era­no di bas­sa qua­li­tà. Il di­scor­so di­ven­ta an­co­ra più com­ples­so se si se­gue il fi­lo­ne del­la piz­za,

Qua­li ri­me­di usa­te con­tro la no­ia? piz­za

Newspapers in Italian

Newspapers from Austria

© PressReader. All rights reserved.