AI

WeAr (Italian) - - L'APPROFONDI­MENTO: TECNOLOGIA -

Ben­ti­ve­gna, Fa­shion In­sti­tu­te of Tech­no­lo­gy Ve­do l'IA come la sfe­ra di cri­stal­lo che non esi­ste­va quan­do ero un com­mer­cian­te. I com­mer­cian­ti e i buyer di suc­ces­so han­no tutti un oc­chio per gli af­fa­ri; ma con l'in­du­stria che cam­bia così ra­pi­da­men­te, di­ven­ta dif­fi­ci­le te­ne­re il pas­so con ciò che i con­su­ma­to­ri de­si­de­ra­no. L'in­tel­li­gen­za ar­ti­fi­cia­le ha il po­te­re di com­pren­de­re un clien­te, una co­sa che nes­su­no è sta­to in gra­do di fa­re in pas­sa­to. L'ap­pren­di­men­to au­to­ma­ti­co può aiu­ta­re le aziende a com­pren­de­re co­sa è suc­ces­so, an­ti­ci­pa­re ciò che ac­ca­drà e in­fi­ne for­ni­re con­si­gli su co­sa fa­re per rag­giun­ge­re gli obiet­ti­vi azien­da­li. I da­ti rac­col­ti pos­so­no aiu­ta­re a ot­ti­miz­za­re le ope­ra­zio­ni del­la ca­te­na di ap­prov­vi­gio­na­men­to, for­ni­re un mi­glio­re al­li­nea­men­to del­la do­man­da e dell'of­fer­ta, non­ché an­ti­ci­pa­re le ten­den­ze at­tra­ver­so i so­cial me­dia e i si­ti di e-com­mer­ce per sco­pri­re ciò che è di ten­den­za e di­spo­ni­bi­le sul mer­ca­to. I pro­fes­sio­ni­sti del set­to­re han­no ora gli stru­men­ti di cui han­no bi­so­gno per ge­sti­re un'at­ti­vi­tà più snel­la, che do­vreb­be es­se­re l'obiet­ti­vo di tutti nel mer­ca­to com­pe­ti­ti­vo di oggi.

Sch­midt, Mes­se Frank­furt

Oggi app, soft­ware e in­tel­li­gen­za ar­ti­fi­cia­le si­gni­fi­ca­no che è pos­si­bi­le crea­re look in ba­se al­le esi­gen­ze dei clien­ti e quin­di pro­dur­li con una ve­sti­bi­li­tà per­fet­ta. Esem­pi di que­sto in­clu­do­no bo­dy scan­ner e con­si­gli di­gi­ta­li, [come] [quel­li of­fer­ti da] Hu­man So­lu­tions.

Pa­pa­chri­stou, In­ter­na­tio­nal Hel­le­nic Uni­ver­si­ty L'in­tel­li­gen­za ar­ti­fi­cia­le è già uti­liz­za­ta per so­ste­ne­re la crea­ti­vi­tà del­la mo­da. I ri­cer­ca­to­ri stan­no abi­li­tan­do le GPU (Gra­phi­cal Pro­ces­sing Uni­ts, pro­ces­so­ri che ren­do­no / crea­no immagini, ani­ma­zio­ni e gra­fi­ca) per col­la­bo­ra­re con gli uma­ni (non so­sti­tuen­do­li), rein­ven­tan­do gli abi­ti e in­te­ra­gen­do con il de­si­gner o con il clien­te. In fu­tu­ro ve­dre­mo più mar­chi in­te­ra­gi­re con il pub­bli­co con i si­ste­mi di in­tel­li­gen­za ar­ti­fi­cia­le at­tra­ver­so as­si­sten­ti di­gi­ta­li, for­nen­do sug­ge­ri­men­ti e al­go­rit­mi. L'in­tel­li­gen­za ar­ti­fi­cia­le sta at­tual­men­te ri­vo­lu­zio­nan­do la mo­da per­so­na­liz­za­ta e l’e-com­mer­ce; il ser­vi­zio clien­ti uti­liz­za l'in­tel­li­gen­za ar­ti­fi­cia­le per cam­bia­re la vi­ta dei ri­ven­di­to­ri e mi­glio­ra­re l'in­te­ra­zio­ne del ser­vi­zio clien­ti in ba­se all'ana­li­si del­le tec­no­lo­gie e del ri­co­no­sci­men­to vo­ca­le dei clien­ti.

Le­ry, Trend­squi­re La­vo­ria­mo con le pre­vi­sio­ni su quel­la che sa­rà la do­man­da del pub­bli­co, quin­di la­vo­ra­re con i da­ti è fon­da­men­ta­le. Si ba­sa su due in­no­va­zio­ni. Una è trans­di­sci­pli­na­re: uti­liz­za­re l'ana­li­si pre­dit­ti­va ap­pli­can­do mo­del­li ma­te­ma­ti­ci nell'ana­li­si del­le ten­den­ze. La se­con­da è l'uso del­le re­ti neu­ra­li (in­tel­li­gen­za ar­ti­fi­cia­le) nell'ela­bo­ra­zio­ne dei da­ti: co­di­fi­ca au­to­ma­ti­ca del­le immagini e ri­le­va­men­to del­la cor­re­la­zio­ne. La co­di­fi­ca au­to­ma­ti­ca uti­liz­za la vi­sio­ne ar­ti­fi­cia­le. È in­te­res­san­te no­ta­re che l'API pro­po­sta da Goo­gle si è ri­ve­la­ta me­no ef­fi­cien­te del­la re­te neu­ra­le dei no­stri col­le­ghi di San Pie­tro­bur­go.

Acar, EHI Re­tail In­sti­tu­te

Un me­ga­trend nel re­tail è le­ga­to a in­di­vi­dua­liz­za­zio­ne e per­so­na­liz­za­zio­ne. Oggi esi­sto­no del­le tec­no­lo­gie che i ri­ven­di­to­ri do­vreb­be­ro as­so­lu­ta­men­te co­no­sce­re. Ad esem­pio, l'in­tel­li­gen­za ar­ti­fi­cia­le può ri­vol­ger­si per­so­nal­men­te ai con­su­ma­to­ri e of­fri­re sin­go­li pro­dot­ti a prez­zi su mi­su­ra. Ta­li si­ste­mi pos­so­no es­se­re for­ni­ti da di­ver­si for­ni­to­ri e pren­de­re in con­si­de­ra­zio­ne mol­te­pli­ci fat­to­ri come la po­si­zio­ne dei clien­ti, le pre­fe­ren­ze e per­si­no le con­di­zio­ni me­teo­ro­lo­gi­che. In­ve­ce di of­fri­re lo stes­so scon­to a tutti, le of­fer­te pos­so­no es­se­re per­so­na­liz­za­te in ba­se ai de­si­de­ri e al­le esi­gen­ze, an­che i prez­zi pos­so­no es­se­re adat­ta­ti.

Newspapers in Italian

Newspapers from Austria

© PressReader. All rights reserved.