L’AJICQ ha ono­ra­to l’avv. Scia­scia

Corriere Italiano - - COMUNITÀ - P.C.

Nel cor­so dell’ot­ta­vo ban­chet­to an­nua­le l’as­so­cia­zio­ne dei Giu­ri­sti Ita­lo-ca­na­de­si ha ono­ra­to, lo scor­so 18 mag­gio, l’avv. An­to­nio Scia­scia per i suoi 38 an­ni di pro­fes­sio­ne giu­ri­di­ca. L’av­ve­ni­men­to si è svol­to pres­so Le Rizz al­la pre­sen­za di ol­tre 250 in­vi­ta­ti tra i qua­li mol­ti giu­ri­sti, uo­mi­ni d’af­fa­ri ed ami­ci del fe­steg­gia­to.

L’as­so­cia­zio­ne dei Giu­ri­sti Ita­lo-ca­na­de­si del Que­bec è com­po­sta da giu­di­ci, av­vo­ca­ti, no­tai, pro­fes­so­ri e stu­den­ti di giu­ri­spru­den­za di ori­gi­ne e di espres­sio­ne ita­lia­na e ha co­me sco­po prin­ci­pa­le, e non il so­lo, di fa­ci­li­ta­re e pro­muo­ve­re l’ag­gre­ga­zio­ne di giu­ri­sti ita­lo-ca­na­de­si. Fu fon­da­ta il 29 mag­gio del 2002 a Mon­treal col no­me di “As­so­cia­zio­ne dei Giu­ri­sti Fal­co­ne-pa­te­ras” in ono­re di due gran­di giu­ri­sti di ori­gi­ne ita­lia­na, no­me che fu poi cam­bia­to nell’at­tua­le.

Que­st’an­no l’as­so­cia­zio­ne ha vo­lu­to ono­ra­re l’avv. An­to­nio Scia­scia per il suo lun­go im­pe­gno in se­no al­la pro­pria co­mu­ni­tà. «Da mol­to tem­po l’avv. Scia­scia fa quel­lo che la no­stra as­so­cia­zio­ne vuo­le fa­re», ha det­to nel suo mes­sag­gio il pre­si­den­te Avv. Filippo Mes­si­na. «Da cir­ca 40 an­ni, egli ha da­to il suo tem­po per la co­mu­ni­tà ita­lia­na, ha di­fe­so i di­rit­ti de­gli ita­lo-ca­na­de­si e non ha avu­to pau­ra di de­nun­cia­re pub­bli­ca­men­te i tan­ti pre­giu­di­zi».

L’avv. An­to­nio Scia­scia è mem­bro del Bar­reau du Que­bec dal 1974; ha ot­te­nu­to il bac­ca­lau­rea­to in di­rit­to all’uni­ver­si­tà di Mon­treal nel 1972 ed un Cer­ti­fi­ca­to uni­ver­si­ta­rio nel­la ge­stio­ne di so­cie­tà all’uni­ver­si­tà di La­val nel 2010

Che l’avv. Scia­scia sia un uo­mo mol­to im­pe­gna­to nel­la no­stra co­mu­ni­tà è fuor di dub­bio, chi lo co­no­sce da vi­ci­no ne sa qual­co­sa. A ti­to­lo di pre­si­den­te del Con­gres­so na­zio­na­le de­gli ita­lo-ca­na­de­si è mol­to im­pe­gna­to co­me rap­pre­sen­tan­te del­la no­stra co­mu­ni­tà pres­so le au­to­ri­tà go­ver­na­ti­ve per le que­stio­ni cul­tu­ra­li, co­me la lin­gua di in­se­gna­men­to, il mul­ti­cul­tu­ra­li­smo, l’im­mi­gra­zio­ne, gli in­ter­na­ti del­la se­con­da Guer­ra mon­dia­le ed al­tro. Quel­la del Con­gres­so è una del­le tan­te sue im­pli­ca­zio­ni, enu­me­rar­le tut­te sa­reb­be lun­go.

La se­ra­ta è stata ral­le­gra­ta dal trio Cian­ciul­lo-com­mo­da­ri-gre­go­rio, ma il mo­men­to cul­mi­nan­te e che ha in­dot­to i pre­sen­ti a fre­quen­ti e scro­scian­ti ap­plau­si, è sta­to quan­do il fe­steg­gia­to ha pre­so la pa­ro­la per rin­gra­zia­re gli in­vi­ta­ti e fa­re una car­rel­la­ta del­la sua vi­ta so­cia­le e pro­fes­sio­na­le a Mon­treal, dal suo ar­ri­vo ad og­gi. Con la sua clas­si­ca flem­ma, ma con lin­guag­gio chia­ro, egli ha ri­per­cor­so i suoi pri­mi an­ni a Mon­treal e re­la­ti­ve dif­fi­col­tà co­mu­ni a tut­ti gli im­mi­gra­ti (la que­stio­ne del­la lin­gua, scuo­la in­gle­se o fran­ce­se...), gli an­ni de­gli stu­di, il suo in­gres­so nel mon­do del­la sua pro­fes­sio­ne e i tan­ti tra­guar­di rag­giun­ti, tra­guar­di ve­ra­men­te ec­ce­zio­na­li che fan­no di que­sto no­stro con­na­zio­na­le un uo­mo di ri­guar­do e di am­mi­re­vo­le. Toc­can­ti so­no sta­te an­che le pa­ro­le del fra­tel­lo Sal­va­to­re in ono­re del fra­tel­lo-pa­dre e che lo­gi­ca­men­te non po­te­va non ren­de­re la se­ra­ta più com­ple­ta con arie di mu­si­ca clas­si­ca e na­po­le­ta­na, coa­diu­va­to da due can­tan­ti e da una pia­ni­sta. Com­pli­men­ti Avvocato (o ami­co) Scia­scia e au­gu­ri di tan­tis­si­mi an­ni an­co­ra di im­pe­gno co­mu­ni­ta­rio e di suc­ces­si pro­fes­sio­na­li.

Newspapers in Italian

Newspapers from Canada

© PressReader. All rights reserved.