Bar­ba, ca­pel­li ed ... emi­gra­zio­ne!

Corriere Italiano - - INCONTRO CON... -

SMe­glio o peg­gio? «Di­pen­de da co­me si ve­do­no le co­se. Se i chia­ma Sa­lon Be­ni e si t ro­va all’ 8756 del bou­le­vard Lan­ge­lier, a St-Léonard. Il suo pro­prie­ta­rio, Be­ni, ov­ve­ro Bia­gio Si­mo­net­ti, vi la­vo­ra or­mai da ol­tre 35 an­ni. Di bar­be e ca­pel­li ne ha vi­ste pas­sa­re un’in­fi­ni­tà, di tut­ti i “colori” e di tut­te le “raz­ze”. Da un an­no e mez­zo cir­ca, Be­ni ha tro­va­to un “aiu­tan­te”, o me­glio, un “brac­cio de­stro”, Lui­gi To­te­da, an­che lui esper­to bar­bie­re, non più gio­va­nis­si­mo, ar­ri­va­to qui da po­co por­tan­do­si die­tro il suo ba­ga­glio di espe­rien­ze ita­lia­ne. Vec­chia e nuo­va emi­gra­zio­ne ita­lia­na a Mon­treal. Sul­lo sfon­do una pro­fes­sio­ne “intramontabile”. Ec­co le lo­ro sto­rie.

«So­no ori­gi­na­rio di Po­ten­za (Ba­si­li­ca­ta) – rac­con­ta Bia­gio - e so­no ar­ri­va­to a Mon­treal nel 1971 all’età di 21 an­ni non pri­ma di es­se­re sta­to un po’ di tem­po in Germania do­ve fa­ce­vo il la­mie­ri­sta, me­stie­re im­pa­ra­to a Li­vor­no pri­ma di emi­gra­re all’este­ro. So­no ve­nu­to in Ca­na­da per­ché qui ave­vo già due fra­tel­li e una so­rel­la che de­si­de­ra­va­no che li rag­giun­ges­si. Ar­ri­va­to qui ho co­min­cia­to a stu­dia­re il fran­ce­se e ad im­pa­ra­re il me­stie­re di par­ruc­chie­re. Mio fra­tel­lo ave­va già un sa­lo­ne a Ro­se­mè­re e uno sul­la via Jean Ta­lon e vo­len­do aprir­ne un al­tro, cioè que­sto do­ve so­no ora, mi dis­se che se vo­le­vo avrei po­tu­to oc­cu­par­me­ne e co­sì è sta­to. Ab­bia­mo aper­to il Sa­lon Be­ni ver­so la fi­ne del 1977....e so­no pas­sa­ti 36 an­ni!»

In tut­ti que­sti an­ni co­me è cam­bia­ta, se è cam­bia­ta, la pro­fes­sio­ne di bar­bie­re?

«Al­la fi­ne de­gli an­ni ‘70 gli uo­mi­ni, i gio­va­ni, por­ta­va­no i ca­pel­li mol­to più lun­ghi; og­gi è il con­tra­rio. Ma per noi, ne­gli an­ni, c’è sem­pre sta­to la­vo­ro, pri­ma o poi tut­ti pas­sa­no dal bar­bie­re. Quel­lo che og­gi sia fa un po’ me­no è la bar­ba per­ché la gen­te non ac­cet­ta il prez­zo, non vuo­le pa­ga­re quei 10-15 dol­la­ri in più ma so­prat­tut­to non vuo­le “per­de­re tem­po”. Og­gi la gen­te vuo­le tut­to “fa­st”, pre­sto e be­ne. Una vol­ta il bar­bie­re di­ven­ta­va, in di­ver­si ca­si, an­che un ami­co, un con­fi­den­te del clien­te, la per­so­na con cui par­la­re del più e del me­no ma an­che di fat­ti per­so­na­li. Og­gi que­sto av­vie­ne un po’ me­no, so­prat­tut­to qui in Ca­na­da, do­ve sem­bra­no ave­re tut­ti fret­ta». Stai pre­pa­ran­do la “re­lè­ve”? «Io ho due fi­gli, uno dei due ha fat­to un cor­so per par­ruc­chie­re ma poi è an­da­to a la­vo­ra­re in ban­ca...» aves­se con­ti­nua­to per lui sa­reb­be sta­to sem­pre un la­vo­ro in­di­pen­den­te, pa­dro­ne di se stes­so, non co­me in ban­ca che de­vi ri­spon­de­re ai tuoi su­pe­rio­ri; ma i gio­va­ni og­gi la pen­sa­no di­ver­sa­men­te!»

Qual è la co­sa più bel­la e più brut­ta del tuo me­stie­re?

«La co­sa più bel­la è il contatto con il clien­te, stai sem­pre in mez­zo al­la gen­te e mol­ti ti pos­so­no in­se­gna­re tan­te co­se e la co­sa più brut­ta, for­se, è sem­pre il clien­te nel sen­so che sei un po’ il lo­ro “schia­vo”; pe­rò, se que­sto me­stie­re ti pia­ce sei di­spo­sto a sop­por­ta­re an­che ta­li pic­co­li pro­ble­mi». E Lui­gi, co­me è “fi­ni­to” nel tuo sa­lo­ne? «La­scia­mo­lo rac­con­ta­re a lui!». «So­no ar­ri­va­to a Mon­treal il 24 mar­zo 2011 – spie­ga Lui­gi – e ho ini­zia­to a la­vo­ra­re do­po tre gior­ni co­me bar­bie­re in un sa­lo­ne del­la via Jean Ta­lon. Po­co do­po, una no­stra co­no­scen­za co­mu­ne mi ha pre­sen­ta­to Be­ni che cer­ca­va un aiu­tan­te e vi­sto che la sua pro­po­sta di la­vo­ro era in­te­res­san­te so­no ve­nu­to qui».

« La tua, dun­que, è un’emi­gra­zio­ne re­cen­te... «Si, re­cen­te ma par­te da “lon­ta­no”». In che sen­so?

«Par­te dal­la me­tà de­gli an­ni ‘80 quan­do ho co­no­sciu­to Lin­da quel­la che poi, il 12 ago­sto 1989, è di­ven­ta­ta mia mo­glie. È una ca­na­de­se d’ori­gi­ne ita­lia­na. Ci sia­mo co­no­sciu­ti in Ita­lia quan­do, mor­ta la ma­dre, il pa­dre non vo­le­va più ri­ma­ne­re in Ca­na­da e de­ci­se di tra­sfe­rir­si con il re­sto del­la fa­mi­glia, tre fi­gli e una fi­glia, a Co­sen­za do­ve ave­va­no con­ser­va­to del­le pro­prie­tà. Apri­ro­no un bar ri­sto­ran­te piz­ze­ria do­ve, sa­pen­do che cer­ca­va­no del per­so­na­le, an­dai a la­vo­ra­re la se­ra per­ché di gior­no fa­ce­vo il bar­bie­re e fu co­sì che la co­nob­bi. Do­po un po’ di tem­po pas­sai da ca­me­rie­re a ge­sto­re del­le sa­le. Con il pas­sa­re del tem­po il pa­dre e i tre fra­tel­li, an­che se il “bu­si­ness” an­da­va be­ne, si re­se­ro con­to che non vo­le­va­no più ri­ma­ne­re a Co­sen­za e nel 1994 de­ci­se­ro di af­fit­ta­re tut­to e ri­tor­na­re a Mon­treal. Io e mia mo­glie in­ve­ce, ri­ma­nem­mo. Al­la fi­ne de­gli an­ni ‘ 80, sem­pre a Co­sen­za, aprii un mio sa­lo­ne di par­ruc­chie­re per uo­mi­ni e don­ne che por­tai avan­ti fi­no al 2011. Mia mo­glie, nel frat­tem­po, di­ven­ta­ta an­che cit­ta­di­na ita­lia­na per via del ma­tri­mo­nio, ave­va vin­to un con­cor­so e ave­va co­min­cia­to a in­se­gna­re in­gle­se e fran­ce­se nel­le scuo­le.

Poi è ar­ri­va­ta la “crisi”. Una par­te dei miei clien­ti non ave­va più i sol­di per pa­ga­re e mia mo­glie do­vet­te su­bi­re il “ta­glio” del per­so­na­le im­po­sto dall’al­lo­ra Mi­ni­stra dell’Edu­ca­zio­ne Gel­mi­ni (go­ver­no Ber­lu­sco­ni). Co­sì, non aven­do fi­gli e non aven­do più le­ga­mi par­ti­co­la­ri, pren­dem­mo “la” de­ci­sio­ne; nel gen­na­io del 2011 ven­dem­mo il Sa­lo­ne e de­ci­dem­mo di gio­car­ci la “car­ta” Mon­treal. Al­la “te­ne­ra” età di 45 an­ni so­no emi­gra­to. Mia mo­glie, es­sen­do ca­na­de­se, ha po­tu­to fa­re la ri­chie­sta per far­mi ot­te­ne­re i do­cu­men­ti di re­si­den­za ed ora è “re­spon­sa­bi­le” per me. Nel 2014, fi­ni­ta la spon­so­riz­za­zio­ne di mia mo­glie, di­ven­te­rò au­to­ma­ti­ca­men­te cit­ta­di­no ca­na­de­se».

E com’è al­lo­ra la vi­ta da “neo-emi­gran­te”? Si può fa­re un pri­mo bi­lan­cio?

«Po­si­ti­vo per tut­to». Si la­vo­ra me­glio qui o in Ita­lia? È dif­fi­ci­le dir­lo e pa­ra­go­na­re le due co­se, di­pen­de dall’espe­rien­za di ognu­no. Io mi so­no tro­va­to be­ne in Ita­lia ma mi tro­vo be­ne an­che qui, il so­lo pro­ble­ma qui, non es­sen­do­ci an­co­ra abi­tua­to, è il cli­ma, l’in­ver­no, per il re­sto si vi­ve be­ne, non man­ca nul­la e si la­vo­ra. Un po’ di no­stal­gia c’è sem­pre; il pri­mo an­no è sta­ta più du­ra ma ades­so va me­glio e pen­so che ora mi ria­bi­tue­rei me­no fa­cil­men­te a vi­ve­re in Ita­lia». E i clien­ti, so­no di­ver­si da quel­li ita­lia­ni? « Bi­so­gna abi­tuar­si alle lo­ro esi­gen­ze. Co­me di­ce­va Be­ni, qui van­no un po’ più di fret­ta. Si ten­de ad uti­liz­za­re più la clip piut­to­sto che le for­bi­ci ma in fon­do in fon­do noi sia­mo e re­stia­mo ita­lia­ni. Ta­gliar­si i ca­pel­li non è so­lo un sem­pli­ce “at­to” da as­sol­ve­re. Ta­gliar­si i ca­pel­li spes­so si­gni­fi­ca an­che...tro­va­re un ami­co!»

Fa­bri­zio In­tra­va­ia

Lui­gi To­te­da (Foto Isa­bel­le Ber­ge­ron)

Bia­gio Si­mo­net­ti (Foto Fa­bri­zio In­tra­va­ia)

Newspapers in Italian

Newspapers from Canada

© PressReader. All rights reserved.