Un te­schio per un DOL­CE FI­NE PRAN­ZO. Un tri­stel­la­to chef da­ne­se gio­ca con un mi­to del Pae­se.

Sor­pre­sa: i da­ne­si a ta­vo­la so­no prov­vi­sti di un vi­va­ce hu­mour ne­ro. Al­tri­men­ti co­me si po­treb­be af­fron­ta­re un TE­SCHIO con for­chet­ta e col­tel­lo nel­la pa­tria di Am­le­to?

AD (Italy) - - Sommario - di FIAM­MET­TA FAD­DA

Nul­la può tur­ba­re la se­re­ni­tà degli abi­tan­ti di Co­pe­na­ghen, cit­tà che fi­gu­ra ai pri­mi po­sti nel Rap­por­to sul­la fe­li­ci­tà mon­dia­le sti­la­to dall’Onu. Nep­pu­re ve­der­si ar­ri­va­re co­me des­sert al Ge­ra­nium, il più fa­mo­so ri­sto­ran­te del­la cit­tà, un te­schio. Gran­de co­me un’al­bi­coc­ca, è co­sti­tui­to da una mous­se sa­la­ta di li­qui­ri­zia rac­chiu­sa in un gu­scio di bur­ro di ca­cao e car­bo­ne ve­ge­ta­le. L’ex­ploit fa par­te del­la chi­rur­gia dei det­ta­gli che ca­rat­te­riz­za la cu­ci­na di Ra­smus Ko­foed, chef di mo­struo­sa bra­vu­ra in cui coin­ci­do­no pre­ci­sio­ne e fan­ta­sia, due ele­men­ti di so­li­to di­sto­ni­ci, che gli han­no val­so, an­no su an­no, tut­ti i più pre­sti­gio­si ri­co­no­sci­men­ti. «Il dol­ce si chia­ma The End, per­ché è l’ul­ti­ma por­ta­ta», af­fer­ma lui iro­ni­co. «E da­to che tut­to nel­la vi­ta ha una fi­ne que­sto è il mio mo­ni­to scher­zo­so a go­de­re del pre­sen­te”. In ef­fet­ti, do­po il te­schio-gio­iel­lo di Da­mien Hir­st, quel­li tempestati di cri­stal­li Swaro­v­ski di Jan Roe­de­ma, e quel­li stam­pa­ti sul­le opu­len­te T-shirt di Phi­lipp Plein, il te­schio co­me espres­sio­ne di al­ta cu­ci­na man­ca­va. Ma an­che il re­sto al Ge­ra­nium è sor­pren­den­te. Si sa che è all’ot­ta­vo e ul­ti­mo pia­no di un edi­fi­cio con­tem­po­ra­neo, ma non si è pre­pa­ra­ti al fat­to che l’in­ter­no guar­da a stra­piom­bo sul­lo sta­dio; si sa che il me­nu è a sor­pre­sa e uni­co ma, te­schi a par­te, non ci si aspet­ta di ve­der na­sce­re in­tri­ca­te tap­pez­ze­rie di sa­po­ri in pre­pa­ra­zio­ni in­ti­to­la­te “Ac­qua con gras­so di maiale ed er­be aro­ma­ti­che” op­pu­re “Bie­te ma­ri­na­te con suc­co di yo­gurt affumicato e olio di sa­li­cor­nia”. Tut­to lus­suo­so, tut­to co­sì mi­nu­sco­lo che se tra un ex­ploit e l’al­tro non ar­ri­vas­se a mo’ di en­tre­me­ts un ce­sti­no di pa­ni straor­di­na­ri, si usci­reb­be mor­ti di fa­me.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.