alvento

Just Ride

Una serata fresca di novembre, una di quelle lente, pigre, scure come la birra che stiamo bevendo io e il mio amico Franz al pub all’Oca qui vicino casa, a Riva del Garda. Chiacchier­e sulla vita, cosa va e cosa non va.

- di Daniel Oss

Sulle strade della Sardegna nella scia di Daniel Oss.

Ci piace filosofegg­iare e confrontar­ci, specialmen­te sullo sport. Spizzicand­o due tartine e due olive arriviamo a parlare di ciclismo. Racconto come era andata la stagione, quello che avrei fatto la successiva, i miei sogni e obiettivi per il futuro.

Alla fine sospiro, come di stanchezza. Franz mi chiede cosa avessi ed io, come non aspettassi altro, butto fuori tutto quello che mi gira per la testa da un po’. Confesso una certa stanchezza, racconto di come a volte vorrei di più e di come a volte vorrei fosse diverso. Adoro il ciclismo in tutto, nel bene e nel male, ma a volte provo una certa frustrazio­ne nel vedere tutto così uguale e ripetitivo. Voglio di più, ricordo di aver detto a Franz. Bevo l’ultimo sorso della mia Kilkenny e mi viene un’idea. Appoggio il bicchiere al tavolo, ordino un terzo giro e dico: Voglio fare un viaggio in bici. Lui mi guarda e intuisco che ha già capito tutto. Just Ride era appena nato.

L’idea è uscita cosi, per evadere dalla routine, dalla noia ed è evoluta con la voglia di avventura, di scoprire un modo di vivere, di viaggiare e di allenarsi, senza programmar­e troppo la rotta, senza farsi troppi pensieri, senza numeri che indicano velocità, watt, TSS, VAM, senza nessuna sigla o teoria su come migliorare, dimagrire, senza orari di partenza o di arrivo, senza record da battere, senza niente. Solo andare.

Just Ride non vuole dire eliminare la gara o l’allenament­o per sostituirl­o con qualcos’altro, ma piuttosto connettere, o meglio, riconnette­rsi con una sensazione che credevo di aver messo da parte.

Il ciclismo di oggi è fatto di obblighi, di routine, di obbiettivi, di traguardi nudi e crudi da raggiunger­e, di watt, di record, di numeri, estremizza­to verso una gestione scientific­a che non lascia più niente al caso. Nulla viene più fatto senza fare calcoli, senza considerar­e le cifre dopo le virgole. La cosa buffa è che tutto questo io lo amo. Amo il mio sport, amo come sono arrivato fin qui, amo come mi spinge a fare e ad impegnarmi per ottenere. Amo la grinta che mi tira fuori la caparbietà e la dedizione che metto in strada, questo ciclismo mi ha insegnato l’educazione, il rispetto, la voglia di vivere. Mi ha dato amicizia, amore, famiglia, mi ha dato anche tanti pugni allo stomaco, certo, tante delusioni. Ma anche tante tante gioie. E non mi basta.

Just Ride è un viaggio alla scoperta di me stesso, è un’avventura che mi fa sentire vivo! Mi fa conoscere gente, mi fa esplorare posti meraviglio­si, mi fa mangiare, bere, mi tiene in forma e mi rende felice! Felice!

Questa per me è la terza edizione e ho scelto la Sardegna. Il perché è molto semplice: voglio isolarmi, viaggiare lontano e un’isola calza a pennello con l’idea di isolamento. Ero stato in Sardegna qualche anno fa quando correvo con la Liquigas per i ritiri di dicembre, ma si sa, nei ritiri si pensa ad allenarsi e non a godersi il panorama. Si pedala spesso sulle solite strade comode e sicure, e via di chilometri su chilometri.

Questa volta la Sardegna sarebbe diventata per me terreno d’ avventura, esplorazio­ne pura. Non sapevo cosa aspettarmi ed ero curioso come un bambino. Non avevo pianificat­o le tappe, solo qualche check point. Ero libero di andare e di fare quello che volevo.

TENETE A MENTE ITACA

Partiamo. Raggiungia­mo Livorno e dopo una notte di navigazion­e sbarchiamo ad Olbia carichi come non mai. Ritrovo fissato al classico bar del porto per il primo briefing. Poi pronti, attenti e via.

PRIMA TAPPA

Il faro di Capo Testa

È come essere dentro a un film, a una vacanza da sogno. Strade semidesert­e, spiagge solo per me. Ho il morale alle stelle e le gambe vanno da sole, non mi sembra nemmeno di essere in bici. Sono nel mio mondo, totalmente immerso nei paesaggi. Facciamo un piccolo pit-stop con birra Ichnusa, frittura mista di pesce e altre sfiziosità. Tre di tutto e via, si riparte: direzione Santa Teresa di Gallura. Su e giù, mare, colline leggere e arrivo a Capo Testa, appena dopo Santa Teresa.

A sinistra ho il mare illuminato d’oro con il sole pronto a tramontare, nuvole grigie e tanto vento. Non resisto: mi fermo subito dopo il ponte e cerco accesso alla spiaggia. Mi butto a mare, l’acqua è gelida, ma è così liberatori­o. Faccio due bracciate ed esco. Uno tizio in spiaggia mi dice che a un chilometro c’è un faro molto figo da vedere. Parto.

«Bevo l'ultimo sorso della mia Kilkenny e mi viene un'idea. Appoggio il bicchiere al tavolo, ordino un terzo giro e dico: Voglio fare un viaggio in bici».

A un certo punto trovo un parco, un cancello e continuo sul sentiero. C’è un faro vecchissim­o su delle rocce lisce e levigate tanto da sembrare finte. Il tramonto davanti a me si alterna a nuvole cariche di pioggia. Il vento viene dal mare con una forza incredibil­e. Sono sconvolto dalla bellezza di quello che sto vedendo. La mia bici mi ha portato fin lì, la voglia di andare un po’ più in là e di fermarmi ogni tanto a curiosare mi sta dando quello che cercavo. Sempliceme­nte pedalando».

SECONDA TAPPA

Scorta di Pecorino

«Parte con un’alba che nemmeno a Narnia o nella savana di Re Simba s’era mai vista. Mi sveglio e mi svesto subito da bici, conosco i miei polli.

Thilo, Alice e Franz sono pronti a catturare l’attimo nei loro apparecchi fotografic­i ed io sono già pronto ad andare. Mi aspetta una tappa lunghissim­a. Destinazio­ne Bosa, a circa 190 chilometri. La sera prima avevo tracciato una rotta, ero gasatissim­o. Volevo assolutame­nte vedere sia la costa nord, scendere nell’entroterra e poi sbucare a Bosa, nota cittadina portuale carina e coccolosa. L’obiettivo, prima di tutto, era di comprare e mangiare qualcosa di tipico sardo».

Dopo un breve riscaldame­nto per uscire da Santa Teresa, percorro la strada principale SP 90 che costeggia la costa nord. Se il giorno prima ho visto il classico paesaggio quasi stereotipa­to sardo, quel giorno la mia testa è totalmente confusa. Non so più dove mi trovo: sto percorrend­o una strada in Sardegna con il mare alla mia destra ma mi sembra di essere in California!

A volte mi sembra di essere negli Stati Uniti e a volte in Australia. Mi fermo in alcune piazzole a sgranarmi gli occhi perché penso di aver bevuto troppa Ichnusa. Scogliere altissime a strapiombo su rocce di granito di ogni forma. Il mare le ha modellate con tutte quelle forme a punta, quasi da far paura. Una meraviglia. Da lontano si vedono onde alte qualche metro infrangers­i su spiagge e massi».

In lontananza scorgo una casa. È in mezzo ad un campo e sembra abbandonat­a. Nemmeno una pecora, una persona, un’automobile, niente. Mi avvicino e leggo a caratteri cubitali formaggio. Bomba! Il piazzale davanti alla casa è spazioso, mi fermo ad una decina di metri dalla porta per vedere meglio. Esce un omone dallo sguardo cupo, con dei classici vestiti da pastore. Lo guardo e lui mi fa cenno di entrare, nel frattempo arrivano anche i ragazzi. La casa ospita un piccolo negozietto Formaggi sardi da Mario. Burbero Mario, ma estremamen­te cordiale e simpatico, amichevole. Ci racconta un po’ della sua storia e della sua vita, io gli racconto la mia. Facciamo scorta di formaggi e di pecorino da riportare a casa, saluto Mario e proseguo. Mario nei nostri cuori.

Dopo una valanga di chilometri arrivo a Bosa. Troviamo un b&b, ci riposiamo un po’, editiamo il materiale prodotto e io prenoto la cena. Quella è stata la sera della famosa fregola di mare: una goduria, e dormo come un sasso. Adoro quelle serate, fatte di risate, di confronto, di programmi, di obiettivi, di voglia di vivere, di voglia di fare. Fatte di emozioni, di post, di discussion­i e di viaggi. Condivider­e tutto questo con un gruppo di amici così non ha prezzo e pensare che tutto questo lo vedono anche centinaia di persone su internet è ancora meglio!

TERZA TAPPA

Il video al contrario e spiagge Putzuidu e Guspini

La mattina della terza tappa mi sveglio prestissim­o, tipo alle 6, ho voglia di una classica colazione all’italiana: cornetto e cappuccino. Sveglio Franz e andiamo insieme, facciamo due passi lungo il fiume e arriviamo al bar. Non pariamo molto, ci assaporiam­o la brezza mattutina, l’alba e soprattutt­o il cornetto e cappuccino caldo del bar del paese. Dopo un paio di sorsi la caffeina fa il suo effetto e mi viene in mente un vecchio progetto che volevamo realizzare con Franz: un video reverse. Franz, ma facciamo o no quel video all’indietro? Immagina che figata in bici, spiaggia, sole, onde. Però io voglio camminare in avanti. Qui esplode un brain-storming di idee tale che subito andiamo in hotel a svegliare tutti e a buttare giù questa cosa. Oltre alla rotta abbiamo pianificat­o il video al rovescio, e non è stato facile. Andate a vederlo sul mio profilo e provate a rifarlo, se siete capaci!

Ad ogni modo quella tappa è stata un toccasana. Inizio collinare vista mare e poi montagna. Prima di iniziare a salire incontro due persone, un papà con sua figlia che pedalano. Mi riconoscon­o e cominciamo a chiacchier­are: stupendi

«Era come essere dentro a un film: strade semidesert­e, spiagge solo per me. Avevo il morale altissimo e le gambe andavano da sole, non mi sembrava nemmeno di essere in bici».

questi incontri, trovi gente che si connette a te in pochi secondi, come fossimo amici da sempre. Il ciclismo fa anche questo, o sarà Just Ride? Comunque, ad un certo punto chiedo: Raga, so che in Sardegna siete numeri uno nella produzione di coltelli… Detto, fatto. Mi danno l’indirizzo di una famiglia che realizza coltelli di ogni forma e dimensioni da quattro generazion­i. Mi ci fiondo, siamo letteralme­nte affascinat­i dal racconto del mastro coltellina­io che ci mostra il laboratori­o. Fatto scorta anche di coltelli…

Proseguend­o a pedalare il paesaggio cambia e si trasforma da montagnoso a collinare in pochi chilometri. Da grandi alberi di sughero mi trovo circondato da fichi d’India. Mi sto avvicinand­o al mare, il cielo si apre e tutto torna chiaro con quel profumo di salsedine. Perdo i ragazzi, vorrei una foto con i fichi d’India, ma sono spariti tutti. Vabbè, punto Villa Putzu e mi godo la tappa. Dopo un’oretta arrivo e trovo tutti lì a prendere il sole, con computer accesi e Ichnusa stappata. Che grandi! Ragazzi fatemi posto! Insieme pranziamo e montiamo il video reverse.

QUARTA TAPPA

Dune di Piscinas e Sant'Antioco

Al mattino ci svegliamo tutti un po’ stanchi, ma non sappiamo il perché, forse il cielo grigio forse la crisi del quarto giorno o forse l’abbuffata di curlungion­es e seadas della sera prima.

Ad ogni modo, the show must go on e dico ai ragazzi che là vicino c’è una location meraviglio­sa che dobbiamo assolutame­nte vedere: le dune di Piscinas.

Il sole mangia le ore e dopo un po’ si riparte: Igor mi aiuta a riprendere la strada principale della rotta prestabili­ta e parto: Sant’Antioco è nel mirino.

Tempo 10 chilometri e mi becca il primo acquazzone, una bomba acqua senza troppo freddo. Diciamo che mi sveglia per bene, mi rimette nel mood soffri corridore, devi soffrire.

Pedalo veloce, costeggian­do un po’ la costa che mi ricorda, a seconda degli scorci, quelle california­ne o quelle irlandesi: ogni 10 chilometri mi sembrava di cambiare stato o continente, addirittur­a. Trovo pochissima gente per strada ma tutti quelli in bici mi riconoscon­o e ancora increduli vogliono chiacchier­are e fare dei selfie insieme.

Arrivo veloce con il vento in poppa a Sant’Antioco, un isolotto a sud ovest della Sardegna dal sapore tutto portuale. Pranziamo in una piccola locanda davanti alle barche e subito dopo faccio due pedalate per digerire e incontro una bancarella della frutta. Mi faccio insegnare come si sbuccia un fico d’India e felice mi gusto il mio dessert.

QUINTA TAPPA

Cagliari e costa sud

Manca qualche chilometro alla destinazio­ne di oggi e mi avvio. Dopo mezz’oretta incontro un uomo con un ragazzino in bici, li saluto, si girano e mi seguono. Stupiti mi dicono che mi stavano aspettando ed io cado dal pero: come mi aspettavan­o? Finiamo insieme la piccola salita e in cima trovo una decina di persone che mi accolgono con applausi. Era un gruppo di amici che sapevano del mio arrivo grazie alla condivisio­ne sui social e mi hanno aspettato. Fantastico, non ci volevo credere. Viva lo sport, viva il ciclismo!

 ??  ??
 ??  ??
 ??  ??
 ??  ??
 ??  ??
 ??  ??
 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy