LA PA­RI­TÀ IM­POS­SI­BI­LE DEI SES­SI È ME­GLIO se re­sti ma­schio

Se l’uo­mo in ca­sa met­te la gon­na e fa le pu­li­zie, lei • fe­li­ce. Fi­no a quan­do, per˜, • ora di an­da­re a let­to. Per­chŽ il de­si­de­rio se ne in­fi­schia dell’equa sud­di­vi­sio­ne dei la­vo­ri do­me­sti­ci

Amica - - GIRO DEL MONDO - Te­sto Paola Ta­vel­la ~ Il­lu­stra­zio­ni Ales­san­dro To­ta

Le cop­pie che di­vi­do­no in mo­do tra­di­zio­na­le i la­vo­ri di ca­sa han­no un’at­ti­vi­tà ses­sua­le più fre­quen­te e ap­pas­sio­na­ta di quel­le an­ti­con­for­mi­ste, so­stie­ne uno stu­dio con­dot­to dai so­cio­lo­gi del­la Uni­ver­si­ty of Wa­shing­ton pub­bli­ca­to sull’Ame­ri­can So­cio­lo­gi­cal Re­view. Se­con­do al­tre ri­cer­che in­ve­ce, più la­vo­ri do­me­sti­ci svol­go­no i ma­ri­ti più ses­so con­ce­do­no le mo­gli, co­me se ci fos­se un ta­ci­to scam­bio fra i co­niu­gi. Poi, si è ca­pi­to che il pun­to non è tan­to la col­la­bo­ra­zio­ne, che può an­che es­se­re to­ta­le ed equi­li­bra­tis­si­ma, quan­to piut­to­sto di che na­tu­ra so­no le at­ti­vi­tà svol­te da­gli uo­mi­ni. Le cop­pie che se­guo­no i ca­no­ni di ge­ne­re per cui le mo­gli si oc­cu­pa­no di ci­bo, pu­li­zie, bu­ca­to men­tre i ma­ri­ti ten­go­no die­tro al­la bu­ro­cra­zia, al giar­di­no e al­le au­to, sem­bre­reb­be­ro in­ve­ro ave­re più rap­por­ti ses­sua­li di quel­le in cui il ca­no­ne di ge­ne­re non è ri­spet­ta­to. Co­me se il ge­ne­re fos­se un principio tut­to­ra vi­gen­te nell’or­ga­niz-

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.