Amica

La Let­te­ra

Ri­spon­de San­dro Ve­ro­ne­si

-

Gla no­stra fi­glia pi• gran­de ci ha det­to: “Do­po la ma­tu­ri­tà va­do in va­can­za con le mie ami­che”. Sta­vo per escla­ma­re: “Fi­nal­men­te” (io l’ave­vo fat­to an­che pri­ma del­la ma­tu­ri­tà), quan­do il pa­dre è esplo­so in una se­rie di “non se ne par­la nean­che”, “è pe­ri­co­lo­so”, “non sie­te pron­te”. Ab­bia­mo di­scus­so da­van­ti a lei, fer­man­do­ci un at­ti­mo pri­ma del li­ti­gio. Mi ha av­vi­li­to e mi so­no chie­sta per­chŽ non rie­sca a ca­pir­lo. Tut­to per do­man­dar­vi: co­me fac­cio a en­tra­re nel­le men­te di un uo­mo che pen­sa­vo di co­no­sce­re? per­do­na­mi ma non cre­do che la rea­zio­ne del pa­dre ti ab­bia sor­pre­so. Non è pos­si­bi­le che un at­teg­gia­men­to del ge­ne­re spun­ti dal nul­la, all’im­prov­vi­so, so­lo per­chŽ lui spro­fon­da nel­la ge­lo­sia per la fi­glia ado­le­scen­te. Tu non hai cer­to la re­spon­sa­bi­li­tà del­la sua po­si­zio­ne, nŽ del fat­to che que­sto ge­ne­ri con­flit­to e pro­ba­bil­men­te sof­fe­ren­za in lei, ma hai quel­la di ave­re scel­to lui, tra tut­ti gli uo­mi­ni del mon­do, per da­re un pa­dre a tua fi­glia. Se di­nan­zi al pro­ble­ma si com­por­ta in que­sto mo­do, è evi­den­te che è un ti­po di per­so­na che è in­cli­ne a com­por­tar­si cos“, che ha una fac­cia da fa­re e un to­no di vo­ce da pren­de­re per di­re quel­le co­se - e non può es­se­re che sia la pri­ma vol­ta che le ti­ra fuo­ri. Ri­pen­sa dun­que a ciò che ti è pia­ciu­to di lui, quan­do l’hai scel­to, e a tut­ti i mo­men­ti in cui quel suo “es­se­re fat­to cos“” ti ha pro­tet­to, lu­sin­ga­to, at­trat­to. Que­sto per con­te­stua­liz­za­re, per­chŽ tu non ab­bia a di­re l’enor­mi­tà che hai det­to (“un uo­mo che pen­sa­vo di co­no­sce­re”). Do­po­di­chŽ, se dav­ve­ro ti sem­bra che ab­bia tor­to, non mol­la­re, ma­le­di­zio­ne, ri­par­la­ci, di­scu­ti­ci pi• a fon­do, li­ti­ga­ci se ne­ces­sa­rio, e al­la fi­ne strap­pa­gli il con­sen­so. È un do­ve­re nei con­fron­ti di tua fi­glia. Do­po­di­chŽ, se non ti riu­scis­se, se al­la fi­ne la spun­tas­se lui, il tuo do­ve­re di­ven­te­reb­be quel­lo di sdram­ma­tiz­za­re la co­sa, e di­fen­de­re il pa­dre che ha tor­to, fa­re in mo­do che lei non lo odi, che ac­cet­ti il suo “es­se­re fat­to cos“”. Se ti scap­pas­se det­to con lei quel­lo che hai scrit­to a noi sta­re­ste fre­schi, tut­ti e tre.

 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy