Amica

Cu­ba con­ser­va

Da que­ste par­ti il 2015 sa­rà ri­cor­da­to co­me l’an­no in cui tut­to è cam­bia­to. Tut­to, tran­ne l’ani­ma ru­ra­le. Una scrit­tri­ce si è ar­ram­pi­ca­ta in una val­le in­can­ta­ta, a ove­st del­la ca­pi­ta­le L’Ava­na, sco­pren­do un mon­do fuo­ri dal tem­po: “Par­ti­cu­lar e bio­lo­gi­co”

-

Il 2015 è un an­no d’oro per il tu­ri­smo a Cu­ba. So­no in tan­ti a par­ti­re con l’idea di vi­si­ta­re l’iso­la pri­ma che tut­to cam­bi, con il so­gno ma­lin­co­ni­co di ave­re già dei rim­pian­ti. Ma in un cer­to sen­so par­te del cam­bia­men­to è pro­prio que­sto: la no­stal­gia pre­ven­ti­va per qual­co­sa che non ci sa­rà più. La sma­nia tut­ta oc­ci­den­ta­le di an­da­re in cer­ca di ri­cor­di mai vis­su­ti in ter­re eso­ti­che. Se c’è una Cu­ba che cam­bie­rà inseguendo i fe­tic­ci del ca­pi­ta­li­smo glo­ba­liz­za­to, da McDo­nald’s al­la Co­ca-Co­la, ce n’è un’al­tra che sta cam­bian­do, re­stan­do fe­de­le a se stes­sa, pre­ser­van­do la sua iden­ti­tà non tan­to so­cia­li­sta, quan­to ru­ra­le e fuo­ri dal tem­po, co­me un luo­go di me­mo­ria in­can­ta­ta per tu­ri­sti in cer­ca di quel­la se­du­zio­ne. Nel­la par­te del Pae­se, a ove­st del­la ca­pi­ta­le L’Ava­na, que­sta Cu­ba già esi­ste, ed è la val­le di Viña­les. “Nel mo­men­to in cui ve­de­te un gua­ji­ro che ma­sti­ca il suo si­ga­ro, gui­dan­do i buoi all’ara­tu­ra”, scri­ve la Lo­ne­ly Pla­net, “sie­te si­cu­ri di es­se­re a po­ca di­stan­za da Viña­les”. Una de­scri­zio­ne ac­cu­ra­ta an­che se, in­sie­me al gua­ji­ro che ma­sti­ca ta­bac­co, vi ca­pi­te­rà pro­ba­bil­men­te di scor­ge­re un tu­ri­sta con la gui­da in ma­no

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy