Amica

PAN­ZA­NEL­LA DI ASTICE

-

Cu­ci­na­re l’astice por­ta sem­pre quel tan­to di cri­si esi­sten­zia­le, la mia co­min­cia quan­do lo com­pro vi­vo e lo ri­por­to a ca­sa sul se­di­le po­ste­rio­re dell’au­to, in­ca­pret­ta­to co­me un se­que­stra­to. In pe­sche­ria si im­prov­vi­sa­no psi­co­lo­gi: non è una crea­tu­ra con un gra­do di con­sa­pe­vo­lez­za avan­za­to, pro­va­no a con­so­lar­ti, non c’è dav­ve­ro mo­ti­vo di so­li­da­riz­za­re. Di cer­to il do­lo­re lo sen­te - a pro­po­si­to: non get­ta­te­lo nell’ac­qua bol­len­te da vi­vo, una mo­da­li­tà inu­til­men­te cruen­ta: me­glio as­si­de­rar­lo in free­zer op­pu­re cuo­cer­lo nel for­no a va­po­re a 98°C - ma non pen­sa al­la fa­mi­glia che non ri­ve­drà più. Il pri­vi­le­gio del­la so­fe­ren­za emo­ti­va è di al­tri ani­ma­li, più in al­to nel­la ca­te­na evo­lu­ti­va: quan­do ve­dia­mo l’an­go­scia dei no­stri ca­ni in­tuia­mo che è spec­chio del­la no­stra. Del re­sto, si sa che il do­lo­re fsi­co e quel­lo emo­ti­vo so­no mol­to più im­pa­ren­ta­ti di quan­to cre­de­va­mo un tem­po. Pren­dia­mo mio pa­dre, per esem­pio. Non al­za la vo­ce con nes­su­no dal 1963, co­me ri­sul­ta­to è una spe­cie di re­per­to­rio en­ci­clo­pe­di­co di ma­lat­tie psi­co­so­ma­ti­che - per for­tu­na il sen­so dell’umo­ri­smo lo as­si­ste, di­ce di “cu­rar­si con la ga­stri­te cro­ni­ca”. Ho let­to di un espe­ri­men­to in cui han­no pre­so un grup­po di per­so­ne so­fe­ren­ti di pe­ne amo­ro­se, a me­tà han­no da­to il pla­ce­bo, a me­tà un an­ti­do­lo­ri­f­co ge­ne­ri­co, ti­po ca­chet per il mal di te­sta. Quel­li con l’an­ti­do­lo­ri­f­co sta­va­no me­glio, l’ex man­ca­va di me­no. Sia­mo an­che noi crea­tu­re sem­pli­ci, pen­sa­te­ci men­tre pre­pa­ra­te que­sta stu­pen­da pan­za­nel­la, la ri­cet­ta è di Mat­teo Co­sta, cuo­co del ri­sto­ran­te ge­no­ve­se Le Ci­ca­le in cit­tà.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy