Edi­to­ria­le

Amica - - EDITORIALE -

Ci stia­mo in­na­mo­ran­do di Mi­la­no. Da quan­do è sta­ta inau­gu­ra­ta l’Ex­po, è co­me se la cit­tà si fos­se ri­sve­glia­ta im­prov­vi­sa­men­te da un lun­go tor­po­re. È in­ne­ga­bi­le che sia cam­bia­ta, in me­glio, tut­ti ne par­la­no, con un at­teg­gia­men­to po­si­ti­vo, qua­si sor­pre­so, co­me se le abi­tua­li la­men­te­le dei mi­la­ne­si si fos­se­ro dis­sol­te da­van­ti a una nuo­va bel­lez­za. Al­la fac­cia dei de­trat­to­ri (in que­sto noi ita­lia­ni sia­mo mae­stri) l’Espo­si­zio­ne In­ter­na­zio­na­le ha aper­to le por­te nei tem­pi sta­bi­li­ti, ac­co­glien­do mi­glia­ia di vi­si­ta­to­ri e abi­tan­ti en­tu­sia­sti. La me­tro­po­li si è tra­sfor­ma­ta da piaz­za do­ve era so­lo pos­si­bi­le la­vo­ra­re a luo­go da esplo­ra­re. Fi­nal­men­te è sta­ta mes­sa a po­sto an­che la Dar­se­na sui Na­vi­gli, che era un co­vo di to­pi e ora è una spiag­gia do­ve si può pren­de­re il so­le, pe­sca­re, an­da­re in bar­ca, com­pra­re pro­dot­ti lo­ca­li nel nuo­vo mer­ca­to e ozia­re sul­le spon­de. E i mi­la­ne­si, che non ve­de­va­no l’ora di fug­gi­re nei wee­kend, am­met­to­no che è bel­lo e pia­ce­vo­le per­der­si nel­le viuz­ze ot­to­cen­te­sche o in­du­gia­re nei giar­di­ni, man­gia­re all’aper­to, pre­no­tar­si per am­mi­ra­re la Pie­tà Ron­da­ni­ni al Ca­stel­lo Sfor­ze­sco o pas­sa­re la gior­na­ta vi­si­tan­do uno de­gli straor­di­na­ri mu­sei ap­pe­na inau­gu­ra­ti. Mi­la­no era fa­mo­sa nel mon­do per il bu­si­ness e lo shop­ping nel qua­dri­la­te­ro del­la Moda, og­gi è di­ven­ta­ta una cit­tà da vi­ve­re e ama­re, per noi che l’abi­tia­mo e per i tu­ri­sti, con gio­iel­li d’ar­te e ar­chi­tet­tu­ra, nuo­vi quar­tie­ri che nien­te han­no da in­vi­dia­re a me­tro­po­li fu­tu­ri­ste. Con un va­lo­re ag­giun­to con­qui­sta­to con an­ni di la­vo­ro e crea­ti­vi­tà: il ma­de in Ita­ly.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.