Cat­ti­vi Pro­po­si­ti

Di Ma­ria Lau­ra Ro­do­tà

Amica - - LA LETTERA -

o la so­li­ta ami­ca che han­no tut­te, pe­rò me­glio, an­zi peg­gio. È bel­la, è in­tel­li­gen­tis­si­ma, ha una car­rie­ra paz­ze­sca, è pic­co­li­na e de­li­ca­ta “co­me una sta­tuet­ta di Ta­na­gra”, si leg­ge­va nei ro­man­zi di una vol­ta. È se­pa­ra­ta con una crea­tu­ra. Ha qua­ran­ta­po­chi an­ni, non fa ses­so da tre. Lei vor­reb­be. Al­me­no di­ce. Ogni tan­to rac­con­ta le sue fru­stra­zio­ni e i pre­sun­ti fal­li­men­ti nell’at­trar­re. Io re­pli­co che sba­glia tar­get. Lei ri­bat­te che non ca­pi­sco nien­te e che or­di­nia­mo due bir­re, va’. Lei ri­ven­di­ca, an­che pri­ma del­la bir­ra, il suo sta­tus di ap­par­te­nen­te a una mag­gio­ran­za si­len­zio­sa. ÇSi­len­zio­sa per­chŽ ci ver­go­gnia­mo, por­ca pa­let­ta. In­som­ma, fa­re co­ming out in Ita­lia se sei gay o le­sbi­ca è an­co­ra pi• che sgra­de­vo­le, pe­rò c’è sem­pre qual­cu­no che ti sti­ma per il tuo co­rag­gio e la coe­ren­za. La Non-Fa­cen­te Ses­so (va be’, lei usa un’espres­sio­ne pi• co­lo­ri­ta; qui ab­bre­vie­re­mo in NFS, nda) non può di­re: “Guar­da­te, non fac­cio ses­so (sem­pre va be’, nes­su­na, par­lan­do con un’ami­ca sto­ri­ca, di­ce: “Fa­re ses­so”, nda) da X tem­po”È. Le fem­mi­ne la com­pa­ti­sco­no, di­vi­den­do­si in tre ca­te­go­rie. Le Pie Don­ne che si pre­oc­cu­pa­no di ras­si­cu­rar­ti che l’uo­mo giu­sto, un al­tro do­po al­tri ri­ve­la­ti­si sba­glia­tis­si­mi, ar­ri­ve­rà; che non de­vi dar­ti via nel frat­tem­po, non saresti fe­li­ce e per­de­re­sti il ri­spet­to di te stes­sa. ÇPoi, le di­sgra­zia­te che di­co­no: “Ma quan­to sei carina, non far­ti scru­po­li. Ap­pro­fit­ta dei tan­ti uo­mi­ni spo­sa­ti in cac­cia”. Ma in quel cam­po ho già da­to, e poi non in­te­res­so pi• tan­to. Op­pu­re di­co­no: “Se non vuoi fi­ni­re in si­tua­zio­ni im­ba­raz­zan­ti a Mi­la­no, vat­ti a se­de­re do­po ce­na al bar dell’al­ber­go quan­do sei in tra­sfer­ta in Ame­ri­ca e or­di­na­ti qual­co­sa, an­che un’ac­qua friz­zan­te. Ap­pro­fit­ta dell’hoo­kup cul­tu­re, la cul­tu­ra del ri­mor­chio oc­ca­sio­na­le e co­di­fi­ca­to tra adul­ti con­sen­zien­ti, e se chi si pro­po­ne non ha un’aria da se­rial kil­ler, sa­li con lui in ca­me­ra, è co­me an­da­re in bi­ci­clet­ta, ap­pe­na ti sbloc­chi nuo­ve e pi• in­te­res­san­ti co­se suc­ce­do­no. Ma ti pa­io il ti­po, io?È E poi c’è Çil team an­ti-Boc­ca di Ro­sa, quel­le che se­con­do Fa­bri­zio de An­drŽ dan­no buo­ni con­si­gli non po­ten­do pi• da­re il cat­ti­vo esem­pio. Nean­che pi• lo fan­no. Ti di­co­no: “Benvenuta tra noi”, e hai pau­raÈ. Poi, ov­vio, ci so­no gli uo­mi­ni ete­ro. ÇNon puoi in­for­mar­li che non co­pu­li da tre an­ni. Avreb­be­ro ter­ro­re. Di­reb­be­ro: “Va­do a in­ci­priar­mi il na­so” e non li ve­dre­sti pi•, non reg­ge­reb­be­ro l’an­sia di an­da­re a let­to in­sie­me a una don­na con un si­mi­le ar­re­tra­toÈ. E al­lo­ra non dir­lo. ÇC­re­do mi si leg­ga in fac­ciaÈ. Esa­ge­ra­ta. For­se ti si leg­ge che sei for­tis­si­ma sul la­vo­ro e fra­gi­lis­si­ma nel­la vi­ta per­so­na­le. Sei sei cos“, quan­do ave­vi 30 an­ni i peg­gio­ri su piaz­za trae­va­no gran­de pia­ce­re nel ri­dur­ti un pe­da­li­no. Ora che ne hai 40 non pen­sa­no pi• di sen­tir­si gan­zi gra­zie al­la tua fra­gi­li­tà. Pen­sa­no di sen­tir­si pir­la a cau­sa del tuo cer­vel­lo e dei tuoi suc­ces­si. ÇMa pian­ta­la, mi sem­bra di leg­ge­re una po­sta del cuo­re pro­gres­si­staÈ. Guar­da che ce l’ho, una ru­bri­ca di po­sta del cuo­re pro­gres­si­sta, su Set­te del Cor­rie­re, non sfot­ter­mi pi• di tan­to, gra­zie. ÇP­re­go. Lo sai che di que­ste co­se par­lo con te per­chŽ sei bra­va a da­re con­si­gli cre­ti­niÈ. Va be­ne, e al­lo­ra ec­co un con­si­glio cre­ti­no o due. Per la mia ami­ca fan­ta­sti­ca, che si fa­ce­va per­do­na­re l’es­se­re un ge­nio es­sen­do cos“pic­co­la e fra­gi­le ( cit.) fi­no a una cer­ta età. In­co­min­ci a sen­tir­si la re­gi­na che è; smet­ta di cer­ca­re di pia­ce­re a cin­quan­ta-ses­san­ten­ni de­pres­si in gra­do di ri­sol­le­var­si so­lo gra­zie a una ven­ti­cin­quen­ne mol­da­va non del­le pi• col­te; ini­zi a eser­ci­ta­re lo ius pri­mae noc­tis, o quel che è, sui sim­pa­ti­ci gio­va­ni nerd suoi sot­to­po­sti (al­cu­ni so­no mol­to me­no brut­ti di cer­ti suoi aman­ti co­niu­ga­ti brut­tis­si­mi, per cui sof­fri­va pri­ma di spo­sar­si; a vo­ce non ho mai osa­to dir­glie­lo). Per tut­te le al­tre, sin­gle o spo­sa­te (le spo­sa­te NFS so­no mi­lio­ni di mi­lio­ni): fa­te co­me gli uo­mi­ni. Se vo­le­te ses­so, cer­ca­te­lo. Rea­gi­te co­me gli uo­mi­ni: se du­ra po­co, se co­sta qual­co­sa, fa­te­ve­ne una ra­gio­ne. Poi, ve­de­te voi. In ca­so, or­ga­niz­za­te­vi e fon­da­te un par­ti­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.