La Let­te­ra

Ri­spon­de Mar­zia Mi­glio­ra

Amica - - EDITORIALE -

Oche ve­do spun­ta­re una nuo­va mac­chia sul­la pel­le, spe­cie sul col­lo, mi vie­ne in men­te An­na Ma­gna­ni, che a un truc­ca­to­re dis­se: “La­scia­mi tut­te le ru­ghe, ci ho mes­so una vi­ta in­te­ra a far­me­le ve­ni­re”. Cer­to, non ri­sol­ve il pro­ble­ma, ma un po’ mi con­so­la. Ave­te mai pen­sa­to che al­la fi­ne l’uni­ca ope­ra d’ar­te che rac­con­ta chi sia­mo è il no­stro cor­po? Pas­sia­mo tut­ta l’esi­sten­za a cre­scer­ci den­tro e far­ci i con­ti. Ep­pu­re non smet­te mai di stu­pir­ci.

le sue pa­ro­le. Cre­do che il cor­po sia map­pa di ogni pas­so rea­liz­za­to, e al­lo stes­so tem­po è me­mo­ria di per­cor­si non agi­ti. Uno stru­men­to per sta­re al mon­do e un tem­pio per “sen­ti­re” il mon­do. So­no un’ar­ti­sta e so­ven­te io stes­sa so­no sog­get­to del­le mie ope­re, in per­for­man­ce, fo­to­gra­fie e vi­deo. Svol­go que­sta pro­fes­sio­ne da più di 20 an­ni, la mia car­rie­ra e la mia ri­cer­ca è ma­tu­ra­ta all’uni­so­no con la mia per­so­na e la mia im­ma­gi­ne. Lo spec­chio in­gan­na. Lo im­pa­ria­mo da pic­co­li, nel­le fa­vo­le e, cio­no­no­stan­te, da gran­di riu­scia­mo a far­ci rag­gi­ra­re an­co­ra, per­ché guar­dan­do­ci ri­fes­se cer­chia­mo una fi­gu­ra ras­si­cu­ran­te, una bel­la “fo­to­gra­fia” del­la pro­ie­zio­ne idea­le di noi stes­si. Ma, co­me di­ce lei, il cor­po non smet­te mai di sor­pren­der­ci: il nuo­vo che so­prag­giun­ge ci spiaz­za per­ché ci ha già cam­bia­te, ma è al­tret­tan­to ve­ro che l’ina­spet­ta­to può es­se­re ben­ve­nu­to nel mo­men­to in cui è la no­stra iden­ti­tà a vin­ce­re sull’im­ma­gi­ne. L’ar­te è un’esi­gen­te mae­stra, co­sì co­me lo è la vi­ta. Pra­ti­car­la e at­tuar­la co­strin­ge a guar­dar­si, ri­pen­sar­si, in­ter­ro­gar­si; a ogni per­ché cor­ri­spon­de un pen­sie­ro nuo­vo e for­se an­che un nuo­vo se­gno. Le ma­ni so­no la par­te del mio cor­po che amo di più, qual­cu­no una vol­ta le ha de­fi­ni­te “in­tel­li­gen­ti”. So­no ma­ni che non han­no mai avu­to tre­gua, no­do­se, se­gna­te e for­ti, che han­no la­vo­ra­to e che non si stan­ca­no mai di ge­sti­co­la­re par­lan­do. Le mie ma­ni im­per­fet­te so­no il mio ri­trat­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.