UN CA­NE do­po l’al­tro

Amica - - RISVEGLI - Te­sto Oli­vie­ro La Stel­la

el­la mia vi­ta ci so­no sta­ti due ca­ni, ben di­ver­si tra lo­ro. Non tan­to nel ca­rat­te­re - en­tram­bi cor­dia­li, gio­che­rel­lo­ni, un po’ anar­chi­ci - quan­to nel­le sta­tu­re. Il pri­mo si chia­ma­va Jor ed era un ala­no di 75 chi­li men­tre il se­con­do, Flea, quel­lo at­tua­le, è uno York­shi­re che pe­sa die­ci vol­te di me­no. Il no­me Jor era un omag­gio all’ala­no di Mi­còl, la pro­ta­go­ni­sta de Il Giar­di­no dei Fin­zi-Con­ti­ni in­ter­pre­ta­ta da Do­mi­ni­que San­da nel flm di De Si­ca. Flea, in­ve­ce, è un tri­bu­to all’omo­ni­ma can­zo­ne dei Red Hot Chi­li Pep­pers, grup­po mol­to ama­to da Ca­te­ri­na, la fglia del­la mia fdan­za­ta Ma­ri­na. Jor e Flea: un vi­tel­lo e una pul­ce. Le lo­ro di­men­sio­ni han­no ine­vi­ta­bil­men­te in­dot­to com­por­ta­men­ti mol­to dif­fe­ren­ti nei con­fron­ti dell’uno e dell’al­tro. Ge­sti­re un ca­ne gran­de co­me un ala­no avreb­be im­po­sto una di­sci­pli­na fer­rea. Con Jor ci so­no riu­sci­to a me­tà. In­fat­ti mi era dif­fi­ci­le fa­re l’edu­ca­to­re se­ve­ro, né vo­le­vo vio­len­ta­re la sua aspi­ra­zio­ne a un mi­ni­mo di in­di­pen­den­za. D’al­tron­de era un ca­ne dol­cis­si­mo e non ha mai crea­to pro­ble­mi di al­cun ti­po, se non una vol­ta, quan­do a fa­ti­ca è sta­to ti­ra­to via da una pe­co­ra che ave­va ad­den­ta­to al col­lo e che - pre­su­mo - avreb­be vo­lu­to sgoz­za­re. Tut­ta­via a Jor era se­ve­ra­men­te proi­bi­to sa­li­re sul let­to e ve­ni­va ener­gi­ca­men­te dis­sua­so quan­do ci pro­va­va. Ma lui era mol­to fur­bo, tan­to da apri­re il fri­go e ru­ba­re la car­ne. Per ve­ni­re a dor­mi­re con me, at­ten­de­va le pri­me lu­ci del gior­no. A quei tem­pi, par­lia­mo del­la me­tà de­gli An­ni 70, ave­vo uno di quei let­ti bas­si che an­da­va­no di moda. Per­tan­to Jor, co­no­scen­do la con­di­zio­ne co­ma­to­sa in cui ver­sa­vo di pri­ma mat­ti­na (la­vo­ra­vo in un quo­ti­dia­no e rin­ca­sa­vo a not­te tar­da), piaz­za­va il mu­so so­pra il mio vi­so per sag­gia­re la ca­pa­ci­tà di re­si­sten­za e, do­po aver ac­cer­ta­to che era nul­la, che riu­sci­vo ap­pe­na a mu­gu­gnar­gli qual­co­sa in mo­do po­co con­vin­cen­te, sa­li­va sul let­to, pog­gia­va la te­sta sul cu­sci­no, met­te­va una del­le lun­ghe zam­pe su di me e si ap­pi­so­la­va. Dor­mi­va­mo co­sì, ab­brac­cia­ti, per qual­che ora. Flea è be­ne­du­ca­to, sep­pu­re an­che lui con le sue pre­te­se di au­to­no­mia. Il me­ri­to è di Ma­ri­na, la mia com­pa­gna. An­che Flea pe­rò ado­ra, co­me tut­ti i ca­ni pen­so, as­so­pir­si con i pa­dro­ni. Nep­pu­re a lui è teo­ri­ca­men­te con­sen­ti­to. In ge­ne­re lo fac­cia­mo sa­li­re sul let­to so­lo quan­do ci sve­glia­mo, ma è una re­go­la che su­bi­sce fre­quen­ti ec­ce­zio­ni. Do­po­tut­to è di pic­co­la ta­glia, pu­re lui buo­nis­si­mo, non­ché per­fet­ta­men­te ade­ren­te ai no­stri ora­ri e abi­tu­di­ni: dor­me quan­do noi dor­mia­mo, si sve­glia quan­do ci al­zia­mo - an­che se tar­di - e pri­ma di al­lo­ra non chie­de né di man­gia­re e né di es­se­re por­ta­to fuo­ri. Nel let­to Flea si ac­cuc­cia ora ac­can­to a Ma­ri­na, ora ac­can­to a me, sem­bra cer­ca­re pro­te­zio­ne. Men­tre Jor, con il suo ab­brac­cio, pa­re­va vo­ler­mi pro­teg­ge­re, for­se dal­le in­quie­tu­di­ni che spes­so tur­ba­va­no - e tur­ba­no - i miei ri­sve­gli.

IL MON­DO DI AME­LIA La sto­ria del­la bam­bi­na e dei suoi ami­ci ca­ni, gat­ti ma an­che ele­fan­ti, ti­gri, la­ma, scim­pan­zé... è un li­bro che si in­ti­to­la Ame­lia & The Ani­mals, pub­bli­ca­to da Aper­tu­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.