QUAN­DO la mam­ma è PIù BEL­LA

Cre­sce­re con que­sta cer­tez­za, sen­tir­se­lo ri­pe­te­re da sem­pre, al­la fne fa vi­ve­re con ras­se­gna­zio­ne bam­bi­ne e ra­gaz­ze co­stret­te a fa­re i con­ti con un’idea che si leg­ge ne­gli sguar­di de­gli al­tri

Amica - - PATRIMONI DIVERSIFICA - Te­sto Ila­ria Ber­nar­di­ni Fo­to Car­rie Mae Weems

Ogni bam­bi­no del pia­ne­ta Ter­ra ha det­to: mam­ma sei bel­lis­si­ma. Ogni ma­dre del pia­ne­ta Ter­ra si è sen­ti­ta di­re: mam­ma sei bel­lis­si­ma. I bim­bi, i fgli, ci cre­do­no sem­pre. Le ma­dri ci cre­do­no sol­tan­to a vol­te. Di­ver­so è se da tut­ta la vi­ta so­no gli al­tri ad aver­ti det­to: tua ma­dre è bel­lis­si­ma. O fra­si co­me: se lei vo­les­se mi ci fdan­ze­rei su­bi­to, se vo­les­se la ba­ce­rei su­bi­to, se lei vo­les­se la por­te­rei a ce­na, a fa­re una pas­seg­gia­ta, a be­re qual­co­sa. Ec­ce­te­ra. Tut­ta la vi­ta, ogni ami­co, com­pa­gno di clas­se, ami­co di ami­co, com­pa­gno di com­pa­gno di clas­se a me ha ri­pe­tu­to: tua ma­dre è bel­lis­si­ma, com’è bel­la tua ma­dre, cer­to che tua ma­dre è una don­na dav­ve­ro bel­la. Se, per esem­pio, pas­sa­va dal­la cu­ci­na men­tre era­va­mo lì con gli ami­ci e i com­pa­gni di scuo­la e, do­po aver chiac­chie­ra­to con noi, an­da­va via, mia ma­dre avreb­be ri­ce­vu­to dei com­men­ti. Se ve­ni­va a pren­der­ci a scuo­la, sa­reb­be­ro ar­ri­va­ti al­tri com­men­ti. An­che quan­do ero pic­co­la, all’asi­lo, al­le ele­men­ta­ri e al­le me­die, la fra­se mi è sta­ta ri­pe­tu­ta al­me­no un pa­io di vol­te la set­ti­ma­na. I mae­stri di nuo­to. I com­pa­gni di nuo­to. I mae­stri di sci. I com­pa­gni di sci. Al­la fne dei cor­si o al­la fne di una gior­na­ta di scuo­la, se era lei a es­se­re ve­nu­ta a pren­der­mi, mi ero quin­di afe­zio­na­ta all’idea di cer­ca­re ne­gli sguar­di de­gli al­tri lo stes­so pa­re­re: a quel pun­to mi van­ta­vo di lei e ave­vo in­tui­to che del­la sua lu­ce ri­fes­sa bril­la­va an­che la mia usci­ta di sce­na in quel­la gior­na­ta. Ora che di an­ni ne ho 37, la que­stio­ne ri­ma­ne iden­ti­ca. Ah, ma è tua mam­ma quel­la bel­lis­si­ma si­gno­ra? Com’è bel­la tua mam­ma. Quan­do la pre­sen­to a qual­cu­no, or­mai si ca­pi­sce mol­to be­ne che mi van­to: “Co­no­sci mia ma­dre?”, di­co con un sor­ri­so. E aspet­to le con­sue­te pa­ro­le, il con­sue­to sguar­do. Da un la­to la que­stio­ne è an­co­ra e sem­pre pia­ce­vo­le: so­no fe­li­ce

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.