IO NEL TEM­PO del MON­DO

Den­tro la bel­lez­za quo­ti­dia­na, do­ve l’im­per­fe­zio­ne non ta­glia l’ener­gia che esce da un’an­ti­ca sta­tua. E un pon­ti­le uni­to al cie­lo ap­pa­re co­me il so­gno di ogni par­ten­za. In mo­stra a Na­po­li il rac­con­to so­spe­so e sen­za li­mi­ti di un gran­de fo­to­gra­fo

Amica - - MOSTRE - Te­sto Giu­sep­pe Mon­te­sa­no Fo­to Mim­mo Jo­di­ce

Il mon­do, le co­se che so­no nel mon­do e le per­so­ne che ado­pe­ra­no le co­se aspet­ta­no che av­ven­ga un mi­ra­co­lo: sia­mo in at­te­sa, que­sto sus­sur­ra­no i si­len­zi di Mim­mo Jo­di­ce, e han­no il po­te­re di por­tar­ci lon­ta­no da fret­ta e an­sia. Non lo di­men­ti­chia­mo: c’è sta­ta per ognu­no un’ora del­la vi­ta in cui ab­bia­mo cam­mi­na­to len­ta­men­te, pro­tet­ti da una bol­la di pen­sie­ri va­ga­bon­di e non as­sil­lan­ti, un’ora in cui pian pia­no la stra­da ha per­so la fac­cia vuo­ta di tut­ti i gior­ni ed è di­ven­ta­ta nuo­va, un’ora in cui i pas­si stes­si han­no gui­da­to la men­te co­me se la cul­las­se­ro; e a un trat­to, in quell’ora o in quel mi­nu­to, ri­sve­glia­ti co­me da un sof­fio di aman­te sul­le pal­pe­bre, sor­pre­si da una can­zo­ne sco­no­sciu­ta can­ta­ta a mez­za vo­ce, ab­bia­mo vi­sto qual­co­sa che non ave­va­mo mai vi­sto pri­ma. Che co­sa è che non ave­va­mo mai vi­sto pri­ma? Po­treb­be es­se­re un pon­ti­le so­spe­so sul ma­re uni­to al cie­lo, che ci ap­pa­re il giu­sto so­gno di tut­te le par­ten­ze che dav­ve­ro ci por­ta­no via dal­la no­ia e dall’an­go­scia: ma po­treb­be

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.