Re­gi­na di fio­ri

Amica - - CON­TEN­TS - di Ste­fa­no Mon­te­fio­ri

un’ita­lia­na in­se­gna ai fran­ce­si l’ar­te dei giar­di­ni. Com­pli­ce del suo suc­ces­so, un so­gno di bam­bi­na, la cor­te di Ma­ria an­to­niet­ta. Co­sì, men­tre la­vo­ra nel­la reg­gia più fa­mo­sa al mon­do tra au­le, par­chi e fon­ta­ne, ci con­fes­sa un obiet­ti­vo am­bi­zio­so: “Con­qui­sta­re gli spa­zi ver­di di parigi”

“Non mi con­si­de­ro un cer­vel­lo IN FU­GA. In Ita­lia STA­VO BE­NE, ma sen­ti­vo che il mio de­sti­no ERA A Ver­sail­les"

C’è Chi, da bam­bi­no, so­gna di di­ven­ta­re astro­nau­ta, o pri­ma bal­le­ri­na del­la Sca­la. Chia­ra San­ti­ni, in­ve­ce, so­gna­va la cor­te di Ma­ria An­to­niet­ta, fan­ta­sti­ca­va sul pa­laz­zo rea­le di Ver­sail­les e su Parigi. «A ot­to an­ni leg­ge­vo li­bri sul­la sto­ria di Fran­cia, all’esame di quin­ta ele­men­ta­re fe­ci un mo­no­lo­go sul­la Pa­lu­de du­ran­te la Ri­vo­lu­zio­ne. La mae­stra e le com­pa­gne mi guar­da­va­no stra­ni­te». Era l’ini­zio di una gran­de pas­sio­ne e Chia­ra ne par­la con la soddisfazione di chi, cre­scen­do, non è sta­ta co­stret­ta a ri­dur­re le am­bi­zio­ni. Non è di­ven­ta­ta Ma­ria An­to­niet­ta ma i col­le­ghi a Ver­sail­les la chia­ma­no “Ma­da­me del­le Col­le­zio­ni” per­ché, di re­cen­te, è sta­ta no­mi­na­ta an­che re­spon­sa­bi­le del pa­tri­mo­nio sto­ri­co dell’ar­te dei giar­di­ni del­la Scuo­la na­zio­na­le su­pe­rio­re del pae­sag­gio, do­ve da an­ni in­se­gna Hi­stoi­re des jar­dins. Un’ita­lia­na che spie­ga ai fran­ce­si, nel cuo­re del­la sto­ria di Fran­cia, l’ar­te por­ta­ta all’ec­cel­len­za da An­dré Le Nô­tre, è un ex­ploit si­mi­le a quel­lo di chi so­gna di di­ven­ta­re astro­nau­ta e poi ci rie­sce dav­ve­ro. E lei se ne ren­de con­to. Le per­so­ne che ama­no la vi­ta e ne so­no cor­ri­spo­ste han­no una lu­ce spe­cia­le, lei è di­ven­ta­ta più pa­ri­gi­na dei pa­ri­gi­ni ma una ca­rat­te­ri­sti­ca (per for­tu­na) le sfug­ge: non è bla­sé, non osten­ta di­stac­co, non­cu­ran­za, abi­tu­di­ne al­le gio­ie dell’esi­sten­za. Ha sem- pre so­gna­to di vi­ve­re a Parigi, ci abi­ta da una ven­ti­na d’an­ni e an­co­ra qua­si non ci può cre­de­re. Chia­ra San­ti­ni, na­ta 44 an­ni fa a Ce­se­na, è una sto­ri­ca che or­mai Fran­cia e Ita­lia si con­ten­do­no. Il mi­ni­stro dei Be­ni cul­tu­ra­li Da­rio Fran­ce­schi­ni a fi­ne 2016 l’ha chia­ma­ta a far par­te del con­si­glio di am­mi­ni­stra­zio­ne dell’Isti­tu­to au­to­no­mo Vil­la Adria­na e Vil­la d’Este a Ti­vo­li, ov­ve­ro «i giar­di­ni più bel­li del mon­do», di­ce lei, e qui «si de­vo­no es­se­re con­vin­ti che l’Ita­lia vo­glia ri­pren­der­mi» e con­ti­nua­no a pre­mia­re il suo lavoro. Ma lei par­la di Parigi con lo sguar­do di chi è sta­ta una stu­den­tes­sa Era­smus, e ne è an­co­ra in­na­mo­ra­ta. Ma­tu­ri­tà clas­si­ca con 60, lau­rea in Sto­ria mo­der­na a Bo­lo­gna con te­si sui giar­di­ni di Ver­sail­les e 110 e lo­de. «La mia fa­mi­glia ha sem­pre te­nu­to tan­to al fat­to che io e mia so­rel­la stu­dias­si­mo co­me si de­ve». Espe­rien­za Era­smus, ov­via­men­te al­la Sor­bo­na. Dot­to­ra­to di ricerca tra Bo­lo­gna e Parigi e cor­si all’Éco­le nor­ma­le su­pé­rieu­re in rue d’Ulm. «Poi ho scrit­to una let­te­ra all’Éco­le na­tio­nal su­pé­rieu­re de pay­sa­ge di Ver­sail­les e mi han­no pre­so», rac­con­ta. A Parigi abi­ta da sem­pre nel quar­tie­re del­la rue Mouf­fe­tard. Non po­te­va che la­vo­ra­re a Ver­sail­les, non po­te­va che vi­ve­re a Mouf­fe­tard. «Non sei tu che sce­gli il quar­tie­re, è il quar­tie­re che sce­glie te», di­ce. «Quan­do so­no ar­ri­va­ta qui ho pas­sa­to la pri­ma set­ti­ma­na a cer­ca­re ca­sa, co­me tut­ti, in un uf­fi­cio del Cts (Cen­tro tu­ri­sti­co stu­den­te­sco) in rue des Car­mes, e mi so­no det­ta: “Co­me mi pia­ce­reb­be vi­ve­re qui!”. Due gior­ni do­po fir­ma­vo un con­trat­to d’af­fit­to pro­prio lì, al numero 11, “l’ap­pas­si­to vi­co­lo in di­sce­sa” che sa­le al Pan­theon, co­me lo ha chia­ma­to Giu­sep­pe Un­ga­ret­ti, che ha abi­ta­to al numero 5. Era la man­sar­da di un in­ge­gne­re ame­ri­ca­no, dal­la ter­raz­za ve­de­va­mo No­tre Da­me. Man­ca­va­no so­lo gli Ari­sto­gat­ti. Mi ri­cor­do che, i pri­mi gior­ni, io e miei ami­ci pren­de­va­mo il metrò e cam­bia­va­mo li­nea per fa­re 200 me­tri, non ca­pi­va­mo be­ne le di­stan­ze. Ma mi so­no am­bien­ta­ta in fret­ta». Il mon­do di Chia­ra è il V ar­ron­dis­se­ment, il Quar­tie­re la­ti­no. «In Mouf­fe­tard fre­quen­ta­vo un caf­fè con gli ami­ci del dot­to­ra­to, quan­do man­ca­va­mo per due o tre gior­ni il ba­ri­sta di­ce­va: “È un po’ che non vi ve­do, sie­te tor­na­ti in Ita­lia?”. Ben pre­sto mi so­no sen­ti­ta una del po­sto, co­me una se­dia del bi­strot. Un po’ al­la vol­ta ca­pi­sci che ci so­no due real­tà: quel­la dei tu­ri­sti, con i suoi flus­si e i suoi orari, e quel­la di chi abi­ta qui. Per “qui” non si in­ten­de Parigi ma pro­prio Mouf­fe­tard. Ci

“L’ar­ri­vo del­la primavera si ve­de dal­la FIO­RI­TU­RA del ci­lie­gio del Giap­po­ne al Jar­din des Plan­tes”

so­no ri­ti pre­ci­si. Non si in­di­ca il bi­strot con il suo no­me ma con quel­lo del proprietario: si va “da Clau­de”; gli appuntamenti si dan­no “pri­ma o do­po le pou­bel­le”, cioè quan­do ar­ri­va il ca­mion del­la spaz­za­tu­ra, di so­li­to in­tor­no al­le 13. Poi, i tu­ri­sti stan­no in al­to, in pla­ce de la Con­tre­scar­pe, i “lo­ca­li” più in bas­so, ver­so Go­be­lins. Ades­so vi­vo in bou­le­vard de Port-Royal, in una par­te che teo­ri­ca­men­te sa­reb­be del XIII ar­ron­dis­se­ment. Ma con la com­pa­gnia dell’elet­tri­ci­tà ho un po’ ba­ra­to, co­sì l’in­di­riz­zo sul­la bol­let­ta in­di­ca il V, quel­lo del Quar­tie­re la­ti­no», di­ce ri­den­do. Chia­ra San­ti­ni sta per tra­slo­ca­re, cer­ca ca­sa con il com­pa­gno. «Ogni tan­to an­dia­mo a ve­de­re qual­che ap­par­ta­men­to e, an­che se è bel­lo, mi ca­pi­ta di di­re: “No, è trop­po lon­ta­no”». Lon­ta­no da do­ve? «Da Mouf­fe­tard, na­tu­ral­men­te». A Ver­sail­les Chia­ra si di­vi­de tra le au­le di le­zio­ne, i giar­di­ni, le fon­ta­ne e l’or­to del re, in­se­gna a stu­den­ti ven­ten­ni che la pren­do­no un po’ in gi­ro per l’ac­cen­to ita­lia­no - «di­co lo­ro che co­sì stan­no più at­ten­ti» - e pre­pa­ra il con­cor­so di abi­li­ta­zio­ne per di­ven­ta­re pro­fes­so­re or­di­na­rio con una ricerca sull’in­ge­gne­re Adol­phe Al­phand, «che ha una sto­ria in­cre­di­bi­le: il ba­ro­ne Hauss­mann, al qua­le si de­ve la ri­strut­tu­ra­zio­ne ur­ba­ni­sti­ca di Parigi per co­me la co­no­scia­mo ades­so, lo chia­mò per af­fi­dar­gli tut­ti i giar­di­ni e an­che l’il­lu­mi­na­zio­ne pub­bli­ca del­la cit­tà. Quan­do co­strin­se­ro Hauss­mann a di­met­ter­si, Al­phand ri­ma­se e si ri­tro­vò con tut­te le com­pe­ten­ze del ca­po, in pra­ti­ca tut­to quel­lo che c’era in su­per­fi­cie era af­far suo. E quan­do mo­rì, nel 1891, nel suo stu­dio tro­va­ro­no gli sche­mi pre­pa­ra­to­ri del metrò. È un ar­go­men­to sul qua­le lavoro da die­ci an­ni».

CHIA­RA non smet­te di so­gna­re e le pia­ce­reb­be un gior­no, co­me Al­phand, la­vo­ra­re al­la di­re­zio­ne degli spa­zi ver­di di Parigi, «da­gli Champs-Ély­sées al­la pic­co­la aiuo­la sot­to ca­sa». Tor­ne­reb­be in Ita­lia? «Ci va­do spes­so per la fa­mi­glia e per il nuo­vo in­ca­ri­co a Ti­vo­li, ca­pi­sco be­nis­si­mo chi vuo­le tor­na­re, ma io non mi sen­to un “cer­vel­lo” in fu­ga, ma­ga­ri ten­ta­to dal ri­tor­no. So­no ve­nu­ta in Fran­cia per una que­stio­ne per­so­na­le. Sta­vo be­ne in Ita­lia, so­lo che sen­ti­vo che il mio de­sti­no era a Ver­sail­les». E la fa­ma dei pa­ri­gi­ni sco­stan­ti? «Può dar­si che sia me­ri­ta­ta, ma la mia espe­rien­za è di­ver­sa. So­no sta­ta ac­col­ta in mo­do me­ra­vi­glio­so, da su­bi­to. Fac­cio co­se che non fa­ce­vo a Bo­lo­gna, ti­po usa­re il bi­strot sot­to ca­sa co­me una spe­cie di uf­fi­cio po­sta­le e por­ti­ne­ria, do­ve ma­ga­ri la­scia­re le bor­se del­la spe­sa per con­ti­nua­re gli ac­qui­sti. Parigi è una gran­de cit­tà, ma si fa vi­ta di quar­tie­re, con i suoi ri­ti. La primavera, per esem­pio: la no­ti­zia del suo ar­ri­vo la dà il pri­mo che, al Jar­din des Plan­tes, no­ta la fio­ri­tu­ra del ci­lie­gio del Giap­po­ne». Che co­sa di­co­no i fa­mi­lia­ri di que­sta pas­sio­ne? «Han­no ca­pi­to che non so­no vo­lu­ta an­da­re lon­ta­no per met­te­re una di­stan­za tra me e lo­ro. La fa­mi­glia di mio pa­dre è emi­gra­ta per al­cu­ni an­ni in Sviz­ze­ra e in ca­sa il fran­ce­se si è sem­pre un po’ ma­sti­ca­to. Quan­do so­no ar­ri­va­ta qui per l’Era­smus ave­vo tro­va­to un la­vo­ret­to da Mc­Do­nald’s, ma mio non­no, uo­mo sem­pli­ce e di straor­di­na­ria ele­gan­za, mi dis­se: “Ti as­su­mo io. Ti do gli stes­si sol­di, e quel tem­po lo pas­si in bi­blio­te­ca, co­me hai sem­pre so­gna­to”. Mia ma­dre, poi, ogni tan­to ve­ni­va a tro­var­mi e una vol­ta mi dis­se: “Hai pro­prio ra­gio­ne, a Parigi si ri­na­sce”. Ora è ri­ma­sto mio pa­dre, i miei ami­ci a Ver­sail­les lo han­no adot­ta­to, quan­do vie­ne gli or­ga­niz­za­no del­le vi­si­te pri­va­te al ca­stel­lo e nei giar­di­ni. E lui, a Ce­se­na, lo rac­con­ta or­go­glio­so ai suoi ami­ci».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.