Won­der WO­MEN

Amica - - WONDER WOMEN - Te­sto Ga­briel­la Sa­ba Il­lu­stra­zio­ni Lu­ca La­cor­te

am­bi­zio­se, CARISMATICHE, pre­sen­zia­li­ste: le fir­st lady di og­gi of­fu­sca­no an­che i ma­ri­ti. Le più ag­guer­ri­te so­no le LA­TI­NO-AME­RI­CA­NE, se­gui­te dal­le STA­TU­NI­TEN­SI. E se in Eu­ro­pa an­che quel­le dal ca­rat­te­re più for­te man­ten­go­no un pro­fi­lo de­fi­la­to, le ASIA­TI­CHE co­min­cia­no a rom­pe­re le tra­di­zio­ni

CHE LA CIT­TÀ di Ma­na­gua, ca­pi­ta­le del Ni­ca­ra­gua, sia tap­pez­za­ta da cen­ti­na­ia di al­be­ri na­ta­li­zi non è il ghi­ri­biz­zo di un ar­chi­tet­to ec­cen­tri­co. Da qual­che an­no, an­che i pa­laz­zi isti­tu­zio­na­li han­no cam­bia­to ve­ste: ri­go­ro­sa­men­te di­pin­ti di un ro­sa che vi­ra al lil­la, co­lo­re au­gu­ra­le se­con­do Ro­sa­rio Mu­ril­lo, la po­ten­tis­si­ma fir­st lady che da quat­tro man­da­ti, di cui gli ul­ti­mi tre con­se­cu­ti­vi, as­si­ste il ma­ri­to 72en­ne Da­niel Or­te­ga, ex guer­ri­glie­ro che con il tem­po si è tra­sfor­ma­to in sa­tra­po (re­cen­te­men­te nell’occhio del ci­clo­ne per le pro­te­ste se­da­te con il san­gue). Poe­tes­sa ri­vo­lu­zio­na­ria che è riu­sci­ta a diventare por­ta­vo­ce del ma­ri­to e vi­ce­pre­si­den­te, Mu­ril­lo ha si­ste­ma­to gli ot­to fi­gli ai ver­ti­ci della co­sa pub­bli­ca e det­ta leg­ge sull’agen­da di go­ver­no. Non c’è mi­ni­stro a lei in­vi­so che re­sti in ca­ri­ca, né per­so­nag­gio che si sia per­mes­so una cri­ti­ca an­che ve­la­ta che non sia sta­to fal­ci­dia­to. E in­fat­ti la chia­ma­no “la pre­si­den­ta”, e tra le ri­ven­di­ca­zio­ni dei ma­ni­fe­stan­ti c’è il suo ri­ti­ro. Sia pu­re in ne­ga­ti­vo, Mu­ril­lo è so­lo l’esem­pio più cla­mo­ro­so di una ten­den­za che, da qual­che an­no, si è af­fer­ma­ta in Ame­ri­ca La­ti­na: quel­la del­le “pri­me­ra da­ma” che, dal­le quin­te di una po­si­zio­ne de­fi­la­ta, si so­no so­sti­tui­te a ma­ri­ti me­no ca­ri­sma­ti­ci. Co­me nel ca­so della bel­la Na­di­ne He­re­dia, ex fir­st lady pe­ru­via­na co­sì ama­ta dai suoi com­pa­trio­ti - per le ini­zia­ti­ve a fa­vo­re dei po­ve­ri e per la grin­ta - da of­fu­sca­re il più an­zia­no con­sor­te ed ex uf­fi­cia­le Ol­lan­ta Hu­ma­la. A di­re la ve­ri­tà, an­che lei ha per­so il con­trol­lo a un cer­to pun­to. Am­bi­zio­sis­si­ma e cor­teg­gia­ta dall’opi­nio­ne pub­bli­ca mon­dia­le, no­mi­na­ta am­ba­scia­tri­ce della Fao e in­vi­ta­ta ovun­que, è di­ven­ta­ta co­sì in­va­den­te e pre­sen­zia­li­sta da alie­nar­si il con­sen­so del Pae­se, ol­tre a es­se­re coin­vol­ta in fac­cen­de lo­sche e fi­ni­re sot­to pro­ces­so con l’ac­cu­sa di ri­ci­clag­gio di de­na­ro spor­co. A dif­fe­ren­za di al­tre zo­ne del pia­ne­ta, nel Sub­con­ti­nen­te mol­te pri­me­ra da­ma han­no un ruo­lo po­li­ti­co, ed è fre­quen­te che si can­di­di­no al­la pre­si­den­za una vol­ta ter­mi­na­to il man­da­to del con­sor­te. Co­me l’hon­du­re­gna Xio­ma­ra Ca­stro, che due an­ni fa ha per­so di po­co le ele­zio­ni, do­po che il ma­ri­to Ma­nuel Ze­la­ya era sta­to de­po­sto da un col­po di Sta­to. E l’ar­gen­ti­na Cri­sti­na Kirch­ner, che è sta­ta l’in­fluen­te fir­st lady di Né­stor Kirch­ner dal 2003 al 2007 e, poi, ha go­ver­na­to a sua vol­ta fi­no al 2015, con gran­de vi­go­re no­no­stan­te la pre­co­ce mor­te del ma­ri­to (2010) l’aves­se pri­va­ta di un lu­ci­do con­si­glie­re. Nei due an­ni che so­no in­ter­cor­si tra la sua ele­zio­ne e la scom­par­sa del con­sor­te, que­st’ul­ti­mo fu un per­fet­to “fir­st gen­tle­man”, im­man­ca­bi­le nel­le oc­ca­sio­ni pub­bli­che e in­ter­na­zio­na­li, e au­to­re in­con­sa­pe­vo­le di quel­la pic­co­la ri­vo­lu­zio­ne di ge­ne­re che tra­sfor­mò quel ruo­lo in un in­ca­ri­co che non ave­va nul­la di umiliante. Og­gi, in­fat­ti, è nor­ma­le che una pre­si­den­tes­sa ab­bia ac­can­to una fi­gu­ra ma­schi­le, an­che nel ca­so in cui sia di­vor­zia­ta, sin­gle o ve­do­va.

UN ESEM­PIO è la ci­le­na Mi­chel­le Ba­che­let, che al suo se­con­do man­da­to (dal 2014 a mar­zo 2018) ha scel­to co­me “pri­mer da­mo” il fi­glio Se­ba­stián Dá­va­los, sdo­ga­nan­do uf­fi­cial­men­te il ter­mi­ne pres­so i me­dia e la gen­te. L’in­ca­ri­co di Dá­va­los non è fi­ni­to be­ne, per­ché ha do­vu­to da­re le di­mis­sio­ni per uno scan­da­lo in­ne­sca­to dal­la moglie, ma que­sto è re­la­ti­va­men­te im­por­tan­te. Quel­lo che con­ta è che l’in­ter­cam­bia­bi­li­tà dei ruo­li ha fat­to passi da gi­gan­te, e che non è un ca­so se in pri­ma li­nea ci so­no le don­ne la­ti­no-ame­ri­ca­ne, vit­ti­me di so­cie­tà ma­schi­li­ste e vio­len­te, quin­di più vo­li­ti­ve e ar­rab­bia­te. Se è ve­ro, in­fat­ti, che il ruo­lo del­le fir­st lady è cam­bia­to in tut­to il mon­do, è in Ame­ri­ca La­ti­na che que­sto fe­no­me­no è più evi­den­te: ne­gli ul­ti­mi an­ni ben sei don­ne so­no di­ven­ta­te pre­si­den­tes­se in Pae­si

del Centro e Su­da­me­ri­ca. Il cam­bio di pas­so è de­sti­na­to a dif­fon­der­si in tut­to il pia­ne­ta, an­che se per il mo­men­to è in quel­la im­men­sa terra com­pre­sa tra Pa­ta­go­nia e Messico che le “fir­st lady won­der wo­men” so­no più nu­me­ro­se e pla­tea­li, per­fi­no ri­spet­to all’evo­lu­ta Eu­ro­pa, do­ve an­che le mo­gli più carismatiche man­ten­go­no un pro­fi­lo de­fi­la­to. Co­me la fran­ce­se Bri­git­te Tro­gneux, che a quan­to di­co­no è la ve­ra ispi­ra­tri­ce della li­nea po­li­ti­ca di Ma­cron, suo alun­no al li­ceo, di cui ave­va in­tui­to le po­ten­zia­li­tà. O l’ex moglie del pre­si­den­te rus­so Vla­di­mir Pu­tin, la 60en­ne Lyud­mi­la Pu­ti­na, che il pre­mier ha co­no­sciu­to quan­do era un agen­te del Kgb e lei una ho­stess. Gli è ri­ma­sta ac­can­to fi­no al 2013 quan­do, stan­ca di es­se­re te­nu­ta nell’ombra da un ma­ri­to im­mer­so nel la­vo­ro e assente, ha de­ci­so di chiu­de­re quel ma­tri­mo­nio di cui, pe­ral­tro, non si è mai sa­pu­to mol­to.

MOL­TE SPE­RAN­ZE si ri­pon­go­no in­tan­to su Be­goña Gó­mez, la moglie del neo no­mi­na­to pre­mier spa­gno­lo Pe­dro Sán­chez, no­ta per la for­te per­so­na­li­tà e l’im­pe­gno in or­ga­niz­za­zio­ni non go­ver­na­ti­ve, che ha di­chia­ra­to di es­se­re fe­li­ce di sta­re ac­can­to al ma­ri­to, di cui con­di­vi­de idee e pro­gram­mi. Ci so­no dif­fe­ren­ze di co­di­ci e di cul­tu­ra. A una fir­st lady eu­ro­pea non ver­reb­be mai in men­te di par­te­ci­pa­re alle riu­nio­ni di ga­bi­net­to, né di pre­ce­de­re il ma­ri­to in una ce­ri­mo­nia uf­fi­cia­le, co­me ha fat­to He­re­dia, sca­te­nan­do le pro­te­ste dell’esta­blish­ment. E me­no che me­no di can­di­dar­si una vol­ta che que­sti ter­mi­na il suo man­da­to. Uno dei po­chi esem­pi al di fuo­ri dell’Ame­ri­ca La­ti­na è quel­lo di Hil­la­ry Clin­ton: po­li­ti­ca raf­fi­na­ta e don­na in­tel­li­gen­te, in qual­che ca­so ha of­fu­sca­to con il carisma l’im­ma­gi­ne del pre­si­den­te Bill, al cui po­sto si è in­fat­ti can­di­da­ta nel­le ultime ele­zio­ni, per­den­do per un sof­fio. La splen­di­da Me­la­nia Trump, in­ve­ce, ha pre­fe­ri­to ri­ta­gliar­si un ruo­lo di ico­na di ele­gan­za da cui lan­cia ogni tan­to qual­che az­zar­do, co­me ri­fiu­ta­re di pren­de­re la mano del ma­ri­to nel­le oc­ca­sio­ni pub­bli­che o di­chia­ra­re: “Odio ve­de­re i bam­bi­ni se­pa­ra­ti dal­le pro­prie fa­mi­glie”, in oc­ca­sio­ne dell’arresto di tut­ti i mi­gran­ti al con­fi­ne tra Messico e Sta­ti Uniti. An­che i se­gna­li di cam­bia­men­to che ar­ri­va­no dall’Afri­ca non so­no di­rom­pen­ti, e il ca­so della bel­lis­si­ma fir­st lady ma­roc­chi­na Lal­la Sal­ma, 40en­ne che gi­ra scal­za per le stan­ze del Pa­laz­zo di cor­te, ex in­ge­gne­re in­for­ma­ti­co, ap­pas­sio­na­ta di al­ta mo­da, è vi­sto co­me un’ope­ra­zio­ne co­sme­ti­ca più che co­me un cam­bia­men­to di so­stan­za, in gra­do di in­ci­de­re sul­la po­li­ti­ca. Dif­fi­ci­le, in­ve­ce, va­lu­ta­re i se­gna­li che ar­ri­va­no da Cina e Giap­po­ne, do­ve le mo­gli dei pre­mier Xi Jin­ping e Shin­zo Abe han­no sca­te­na­to i me­dia in di­ver­se oc­ca­sio­ni. La giap­po­ne­se Akie Abe è sa­li­ta al­le­cro­na­che per es­se­re sta­ta la pri­ma fir­st lady del Pae­se a par­te­ci­pa­re al Gay pri­de e per aver espres­so per­ples­si­tà su mol­te scel­te del go­ver­no, ma stan­do agli ana­li­sti si trat­ta di una tat­ti­ca per am­mor­bi­di­re l’im­ma­gi­ne con­ser­va­tri­ce del pre­mier. E la ci­ne­se Peng Liyuan ha fat­to sto­ria per aver rot­to con la tra­di­zio­ne di­scre­ta del­le mo­gli dei se­gre­ta­ri di par­ti­to, ac­com­pa­gnan­do il ma­ri­to nel­le vi­si­te uf­fi­cia­li. È ve­ro che l’ele­gan­te Liyuan non è una fir­st lady qua­lun­que. In pas­sa­to era una del­le can­tan­ti folk più fa­mo­se della Cina e, nel­le ve­sti di fer­ven­te co­mu­ni­sta, ha de­li­zia­to con la musica le trup­pe che han­no re­pres­so la ri­vol­ta di Tie­nan­men nel 1989. La de­scri­vo­no co­me una don­na du­ra, am­bi­zio­sa e mol­to ama­ta dai suoi con­cit­ta­di­ni, e per quel fat­to di Tie­nan­men di­co­no che Mi­chel­le Oba­ma non ab­bia vo­lu­to in­con­trar­la, ma lei non ha fat­to una pie­ga. Se c’è una fir­st lady che può pa­ra­go­nar­si for­se alle sue omo­lo­ghe la­ti­no-ame­ri­ca­ne è pro­prio lei.

Bri­git­te Tro­gneux-Ma­cron FRAN­CIA

Peng Liyuan-Jin­ping CINA

Me­la­nia Knauss-Trump STA­TI UNITI

Akie Ma­tsu­za­ki–Abe GIAP­PO­NE

Lyud­mi­la Škreb­ne­va– Pu­tin RUS­SIA

Xio­ma­ra Ca­stro-Ze­la­ya HONDURAS

Na­di­ne He­re­dia-Hu­ma­la PERô

Ro­sa­rio Mu­ril­lo-Or­te­ga NI­CA­RA­GUA

Lal­la Sal­ma Ben­na­ni MA­ROC­CO

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.