VE­DE­RE “ol­tre”

Co­me li­be­rar­si di una ma­dre cat­ti­va e con­vin­cer­si di esi­ste­re, gra­zie a una mac­chi­na fo­to­gra­fi­ca

Amica - - TRAME - di Li­dia Ra­ve­ra

Dai tuoi oc­chi so­la­men­te di Fran­ce­sca Dio­tal­le­vi ti pren­de fin dal­la pri­ma pa­gi­na, co­me un ro­man­zo ro­sa cu­po, dal­le pas­sio­ni for­ti: Vi­vian è una crea­tu­ra sen­si­bi­le e do­ta­ta di un im­pre­ve­di­bi­le ta­len­to. Cre­sce fra la cam­pa­gna fran­ce­se e New York, vit­ti­ma di una ma­dre in­fe­li­ce e per­ciò cat­ti­va, che la strap­pa via da tut­to ciò che ama e le im­po­ne con­vi­ven­ze in ca­se mai sue, che nau­fra­ga­no ine­vi­ta­bil­men­te in gri­da e litigi. In que­sto fol­le pen­do­la­ri­smo in­ter­con­ti­nen­ta­le, im­po­sto dall’in­quie­tu­di­ne di una don­na che fug­ge da se stes­sa, Vi­vian ma­tu­ra an­zi­tem­po: so­li­ta­ria e in­tro­spet­ti­va, timida e con­vin­ta che nes­su­no la ve­da, al pun­to da so­spet­ta­re di non esi­ste­re. Sia­mo a ca­val­lo del­la me­tà del se­co­lo scor­so, e la mi­se­ria e la di­sat­ten­zio­ne ri­schia­no di sof­fo­ca­re una crea­tu­ra spe­cia­le. La sal­vez­za, per Vi­vian, ar­ri­va da Jean­ne, ami­ca di sua non­na, e fie­ra ne­mi­ca di sua ma­dre, ma, so­prat­tut­to, fo­to­gra­fa di­let­tan­te e ge­nia­le, sa­lu­ta­ta in gio­ven­tù co­me pro­mes­sa del set­to­re. È lei che met­te nel­le ma­ni di quel­la bam­bi­na si­len­zio­sa una Rol­lei­flex, ed è lei che le rac­co­man­da: “Non guar­dar­ti la pun­ta del­le scar­pe Viv, quel­la re­sta sem­pre ugua­le! Guar­da da­van­ti a te. Guar­da le per­so­ne. Le ve­di? È so­lo den­tro gli oc­chi di ognu­na di lo­ro che si può ve­de­re il mon­do”. Vi­vian in­qua­dra, scat­ta e sco­pre che la real­tà “si può di­vi­de­re in porzioni... de­li­mi­tan­do uno spa­zio, ed esclu­den­do tut­to il re­sto”. An­drà avan­ti, per tut­ta la sua lun­ga e gra­ma esi­sten­za, a eser­ci­ta­re il pri­vi­le­gio di chi sa guar­da­re, e per­ciò ve­de più de­gli al­tri. Fa­rà, per mol­tis­si­mi an­ni, la bam­bi­na­ia, chiu­sa in stan­ze pic­co­le do­ve sti­ve­rà mi­glia­ia di rul­li­ni mai svi­lup­pa­ti, per­ché il pia­ce­re è nell’in­qua­dra­re e scat­ta­re, non nel mo

stra­re o ven­de­re il pro­dot­to del pro­prio sguar­do. Per de­cen­ni cu­re­rà i fi­gli del­le al­tre don­ne, per de­cen­ni co­glie­rà la vi­ta sui vol­ti de­gli al­tri: fe­li­ci, in­fe­li­ci, in­na­mo­ra­ti, sgo­men­ti... Per­ché i ve­ri ar­ti­sti san­no rac­con­ta­re co­sì tan­te vi­te, da po­ter­si scor­da­re del­la pro­pria. Sol­tan­to al­la fi­ne di que­sto ro­man­zo po­po­la­re e av­vin­cen­te, l’au­tri­ce ci ri­ve­la che Vi­vian Ma­ier, per chi non lo sa­pes­se, è dav­ve­ro esi­sti­ta. È mor­ta ot­tan­ta­treen­ne a Chi­ca­go nel 2009, sco­no­sciu­ta e as­sen­te a se stes­sa. Sen­za sa­pe­re che il con­te­nu­to di quei cin­que ar­ma­di pie­ni di rul­li­ni e mac­chi­ne fo­to­gra­fi­che, cu­sto­di­ti in un de­po­si­to di cui non ave­va più pa­ga­to l’af­fit­to, era sta­to ac­qui­si­to per 380 dol­la­ri da un ban­di­to­re d’aste che, do­po aver svi­lup­pa­to il pri­mo dei 3mi­la ne­ga­ti­vi ab­ban­do­na­ti, si era re­so con­to di aver sco­per­to una del­le più gran­di fo­to­gra­fe di tut­ti i tem­pi. Trop­po tar­di?

Dai tuoi oc­chi so­la­men­te Fran­ce­sca Dio­tal­le­vi Ne­ri Poz­za, pp. 240, € 17 li­bro, € 6,99 e-book

“Guar­da­li uno al­la vol­ta. ognu­no di lo­ro ha una sto­ria. le sto­rie so­no sem­pre nei vol­ti, sai? Im­pa­ra a de­ci­fra­re gli sguar­di, a leg­ge­re le pie­ghe del­la pel­le, il mo­do in cui si at­teg­gia una boc­ca, e avrai la sto­ria di una per­so­na”

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.