Lo­pud: cuo­re del­le Ela­fi­ti per re­lax e well­ness con vi­sta ma­re

Area Wellness - - Sommario -

Ogni iso­la ha sem­pre una sua sto­ria da rac­con­ta­re. Mi­ti e leg­gen­de, fe­ste e tra­di­zio­ni che af­fon­da­no le ra­di­ci in un pas­sa­to spes­so sconosciuto fi­no a quan­do il tu­ri­smo non ha prov­ve­du­to a sve­lar­lo. È il ca­so del­la tran­quil­la iso­la di Lo­pud, una del­le 1185 iso­le, per lo più ri­co­per­te di una ri­go­glio­sa ve­ge­ta­zio­ne, che in Croa­zia si esten­do­no lun­go una del­le co­ste più fra­sta­glia­te del mon­do. Po­sta a po­chi chi­lo­me­tri a nord del por­to di Du­bro­v­nik, Lo­pud fa par­te, in­sie­me al­le iso­le di Ko­lo­cep, Si­pan, Ja­klian e Oli­pa, del grup­po del­le bel­lis­si­me Ela­fi­ti, in gre­co le iso­le dei cer­vi, di­ret­ta­men­te col­le­ga­te al­la cit­tà di Du­bro­v­nik e a tut­ta la sto­ria ma­ri­na­ra del­la Re­pub­bli­ca di Ra­gu­sa. Du­ran­te que­sto pe­rio­do Lo­pud con­ta­va 3.000 abi­tan­ti, 2 con­ven­ti (do­me­ni­ca­no e fran­ce­sca­no) e 4 con­ven­ti fem­mi­ni­li, una tren­ti­na tra chie­se, chie­set­te e cap­pel­le, Pa­laz­zo del Ret­to­re e di­ver­se di­mo­re esti­ve del­le fa­mi­glie no­bi­li ra­gu­see. Ll’iso­la, il cui an­ti­co no­me ita­lia­no era Iso­la di Mez­zo, con­ta su una su­per­fi­cie di ap­pe­na 4,63 chi­lo­me­tri qua­dra­ti, 11,5 chi­lo­me­tri di co­sta di cui una ba­ia dal­la spiaggia di sab­bia fi­ne af­fac­cia­ta sull’ac­qua cri­stal­li­na, è vietato l’uti­liz­zo di mez­zi a mo­to­re tant’è che ru­mo­re e in­qui­na­men­to at­mo­sfe­ri­co so­no qua­si del tut­to as­sen­ti. La ci­ma più al­ta su­pe­ra di po­co i 200 me­tri e i 150 abi­tan­ti che tutt’ora ri­sie­do­no abi­tual­men­te sull’iso­la, pos­so­no con­ta­re in me­dia su ol­tre 2500 ore di so­le ogni an­no, che equi­val­go­no a cir­ca set­te me­si. A dif­fe­ren­za di mol­te del­le iso­le mi­no­ri do­ve il tu­ri­smo si sta an­co­ra svi­lup­pan­do, Lo­pud ha una vo-

ca­zio­ne tu­ri­sti­ca an­ti­ca: i pri­mi al­ber­ghi fu­ro­no aper­ti all'ini­zio del No­ve­cen­to e pri­ma del­la IIA Guer­ra Mon­dia­le con­ta­va 4 al­ber­ghi - tut­ti con­fi­sca­ti e poi na­zio­na­liz­za­ti - di cui ne ri­man­go­no in fun­zio­ne so­lo 2, men­tre gli al­tri aspet­ta­no di es­se­re ri­strut­tu­ra­ti. Al di fuo­ri dei di­ver­si pa­laz­zi si­gno­ri­li. gli al­log­gi per i fo­re­stie­ri era­no per lo più spar­ta­ni, e la vil­leg­gia­tu­ra è sta­ta sem­pre im­pron­ta­ta so­prat­tut­to al­la tran­quil­li­tà in un am­bien­te a mi­su­ra d’uo­mo. Il ter­ri­to­rio è in­fat­ti un pic­co­lo e ar­mo­nio­so pa­ra­di­so in cui con­vi­vo­no una flo­ra ri­go­glio­sa e nu­me­ro­se ro­vi­ne ap­par­te­nen­ti al­la ci­vil­tà romana, al­la gre­ca, non­chè nu­me­ro­se te­sti­mo­nian­ze del­la cul­tu­ra croa­ta a ca­val­lo tra il IX ed il X se­co­lo. Fin dal­le ori­gi­ni Lo­pud ha ospi­ta­to un can­tie­re na­va­le e nei bar del por­to si rac­con­ta­no an­co­ra sto­rie di vec­chi ca­pi­ta­ni che al­la fi­ne di lun­ghi viag­gi tor­na­va­no nel­le lo­ro vec­chie ca­se in pie­tra, por­tan­do con sé pian­te e fio­ri eso­ti­ci, pal­me e frut­ti che tutt’ora cre­sco­no nei par­chi del pae­se o na­sco­sti fra i pi­ni che co­lo­ra­no il pae­sag­gio. In que­sto con­te­sto fu co­strui­to ne­gli an­ni ‘60 il La­fo­dia Ho­tel, pri­ma na­zio­na­liz­za­to, poi ven­du­to ne­gli an­ni ‘90 e fi­nal­men­te ria­per­to con il no­me di La­fo­dia Sea Re­sort. Con le sue 182 ca­me­re tut­te con vi­sta ma­re, e i suoi co­lo­ri cal­di pro­pri del­lo sti­le ita­lia­no, re­cen­te­men­te è sta­ta ag­giun­ta la Wa­te­rhill SPA, pro­get­ta­ta dall’ar­chi­tet­to pi­sto­ie­se Silvia Gian­ni­ni che si col­lo­ca su due li­vel­li che be­ne­fi­cia­no del pa­no­ra­ma sul­la ba­ia. Al pia­no su­pe­rio­re c’è la pi­sci­na e un area re­lax, cor­re­da­ta di due va­sche idro­mas­sag­gio, men­tre la zo­na adi­bi­ta ai trat­ta­men­ti vi­so e cor­po è for­ma­ta da 6 ca­bi­ne per mas­sag­gi, ma­ni­cu­re e pe­di­cu­re. Al

pia­no ter­ra ci so­no gli spo­glia­toi e il ter­ma­rium, ol­tre a due SPA sui­te. Il ve­tro che ri­co­pre in­te­ra­men­te il pia­no su­pe­rio­re è co­me un in­vi­si­bi­le di­vi­so­re tra ester­no e in­ter­no, do­ve ele­men­ti di de­si­gn ri­pro­pon­go­no il co­lo­re ver­de del­la ve­ge­ta­zio­ne di cui l’iso­la è ric­ca, e il legno de­gli al­be­ri che la po­po­la­no vie­ne usa­to per i ri­ve­sti­men­ti. Nel cuo­re del­la SPA, al­la pi­sci­na si af­fian­ca­no il ter­ma­rium, le doc­ce emo­zio­na­li, la fon­ta­na di ghiac­cio e il pe­di­lu­vio, la sau­na fin­lan­de­se e la sau­na agli agru­mi, la cui cre­sci­ta è ri­go­glio­sa sull’iso­la, gra­zie al suo mi­cro­cli­ma fa­vo­re­vo­le. Nel­la pri­ma del­le due SPA sui­te tro­via­mo una va­sca idro­mas­sag­gio, una sau­na a in­fra­ros­si, un let­ti­no per massaggio di cop­pia ed una doc­cia emo­zio­na­le. L’al­tra SPA sui­te fa suo il te­ma del co­ral­lo, con un ba­gno di va­po­re, una doc­cia emo­zio­na­le e un’esclu­si­va area re­lax. Per chi, vi­si­tan­do Lo­pud, a un grande al­ber­go pre­fe­ris­se una pic­co­la strut­tu­ra po­sta di­ret­ta­men­te sul ma­re e con ap­pro­do pri­va­to, a fian­co del La­fo­dia Sea Re­sort, si tro­va la gra­zio­sa Vil­la Bi­ri­mi­sa, a bre­ve di­stan­za a pie­di dal­la spiaggia di sab­bia cit­ta­di­na, è ge­sti­ta a con­du­zio­ne fa­mi­lia­re. La strut­tu­ra è una in­can­te­vo­le ca­sa in pie­tra, 6 mi­niap­par­ta­men­ti pu­li­ti e or­di­na­ti, con an­go­lo cot­tu­ra, wi-fi, ca­me­re sem­pli­ci e con­for­te­vo­li con aria con­di­zio­na­ta e ba­gni spa­zio­si. C’è una pic­co­la e de­li­zio­sa ter­raz­za pri­va­ta sul ma­re do­ve è pos- si­bi­le ri­las­sar­si, in un am­bien­te mol­to tran­quil­lo e con una vi­sta in­cre­di­bi­le. La pro­prie­ta­ria ha vis­su­to in Ita­lia e quan­do ab­bia­mo vi­si­ta­to la strut­tu­ra era­no in cor­so i la­vo­ri per la co­stru­zio­ne di una trat­to­ria in cui si po­tran­no gu­sta­re pie­tan­ze a ba­se di pe­sce lo­ca­le e cu­ci­na­te in sti­le veramente ita­lia­no e croa­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.