Edi­to­ria­le

Area Wellness - - Editoriale - di Gior­gio Bar­to­lo­muc­ci

Se­con­do al­cu­ne ri­cer­che mo­ti­va­zio­na­li, l’ita­lia­no che sce­glie una de­sti­na­zio­ne tu­ri­sti­ca pre­fe­ri­sce quel­le lo­ca­li­tà in cui si man­gia e be­ve me­glio. E non si par­la so­lo di chef bla­so­na­ti e stel­le Mi­che­lin, ma so­prat­tut­to di cu­ci­na del ter­ri­to­rio, oste­rie e can­ti­ne che pro­pon­go­no ri­cet­te sem­pli­ci e di qua­li­tà. È ve­ro che è dif­fi­ci­le pen­sa­re che in Ita­lia ci sia­no luo­ghi o cit­tà do­ve si man­gi ma­le, ma è in­ne­ga­bi­le che il ci­bo in­sie­me all’ar­te e al­la cul­tu­ra, vi­vo­no di una nar­ra­zio­ne che af­fon­da le sue ori­gi­ni in tra­di­zio­ni an­ti­che, o me­glio in un ge­nius lo­ci ar­ti­sti­co o eno-ga­stro­no­mi­co, che fan­no at­tri­bui­re ad al­cu­ne zo­ne più che ad al­tre un pro­prio sta­tus di ec­cel­len­za, come un va­lo­re ag­giun­to dif­fi­cil­men­te con­te­sta­bi­le. Ad ogni piat­to, dal­la po­len­ta al­le ta­glia­tel­le al tar­tu­fo, dal ca­ciuc­co al sar­tù di ri­so, sia­mo so­li­ti ac­cop­pia­re men­tal­men­te un luo­go do­ve que­ste spe­cia­li­tà so­no na­te e da cui, teo­ri­ca­men­te, si so­no dif­fu­se in al­tre zo­ne d’ita­lia. Per que­sto nell’odier­na ri­cer­ca di na­tu­ra­li­tà e ori­gi­na­li­tà, la va­can­za o il week-end si orien­ta­no lì do­ve si pro­pon­go­no la­bo­ra­to­ri e cor­si di cu­ci­na, sho­w­coo­king, de­gu­sta­zio­ni gui­da­te che esal­ti­no il pa­la­to, ma al­lo stes­so tem­po raf­for­zi­no la con­vi­via­li­tà. Non è un ca­so che la mag­gior par­te del­le de­sti­na­tion SPA ita­lia­ne, sia­no es­se lo­ca­liz­za­te in pros­si­mi­tà di bor­ghi in­can­ta­ti o cit­tà sto­ri­che, si pro­pon­ga­no an­che come pic­co­le oa­si del gu­sto, pal­co­sce­ni­co per mae­stri del­la cu­ci­na e del buon be­re, se­de di per­cor­si ine­di­ti al­la ri­cer­ca di nuo­vi sa­po­ri e di un be­nes­se­re mai aset­ti­co e im­per­so­na­le. Le Beau­ty farm e le Me­di­cal SPA che pro­pon­go­no die­te e ré­mi­se en for­me, con­ti­nue­ran­no a la­vo­ra­re con suc­ces­so, ma la ve­ra scom­mes­sa per tut­ti gli al­tri è og­gi le­ga­re al con­cet­to di well­ness quel­lo di un’ali­men­ta­zio­ne, non so­lo sa­lu­ti­sti­ca ma so­prat­tut­to buo­na, da as­sag­gia­re, de­gu­sta­re, spe­ri­men­ta­re in no­me del sa­po­re e del buon vi­ve­re. Of­fri­re una SPA ac­co­glien­te e con ot­ti­mi ser­vi­zi può non ba­sta­re a com­ple­ta­re quel­la in­ten­sa espe­rien­za che il clien­te ri­cer­ca in un sog­gior­no all’in­se­gna di un be­nes­se­re real­men­te coin­vol­gen­te. Og­gi il so­gno di ogni ap­pas­sio­na­to di una va­can­za re­lax non è so­lo fat­to di sau­ne e mas­sag­gi, ma sta nel pia­ce­re del­la con­vi­via­li­tà, nel ri­co­no­sce­re al ci­bo il suo va­lo­re più pro­fon­do di nu­tri­men­to non so­lo per il cor­po ma an­che per lo spi­ri­to. È co­sì che ogni SPA può me­glio mo­stra­re la pro­pria sto­ria, uni­ta a quel­la del ter­ri­to­rio in cui è in­clu­sa, dei suoi vi­ni o del­le sue bol­li­ci­ne, del­le pa­ste, del pa­ne o del­le er­be del ter­ri­to­rio. Raf­for­zan­do la pro­pria iden­ti­tà.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.