La no­na edi­zio­ne de­gli Ita­lian SPA Awards al­la BIT di Milano

Dal 2010 per le SPA in Ita­lia si rin­no­va l’ap­pun­ta­men­to per pre­mia­re l’ec­cel­len­za

Area Wellness - - Sommario - Di Gior­gio Bar­to­lo­muc­ci

Se­con­do i da­ti uf­fi­cia­li in Ita­lia ci so­no po­co più di 33.000 ho­tel. Qua­si la me­tà so­no clas­si­fi­ca­ti co­me 3 stel­le men­tre i 5 stel­le non ar­ri­va­no a 500. Da­ti che gli esper­ti con­si­de­ra­no mol­to più bas­si di quel­li di nor­ma ri­chie­sti dal­la clien­te­la in­ter­na­zio­na­le che vi­si­ta il no­stro Pae­se. Un’of­fer­ta ina­de­gua­ta an­che dal pun­to del nu­me­ro del­le ca­me­re (il 55% de­gli ho­tel ha me­no di 24 ca­me­re), de­gli stan­dard strut­tu­ra­li e del­le do­ta­zio­ni ener­ge­ti­che e dei ser­vi­zi ri­spet­to al­la me­dia eu­ro­pea. Ep­pu­re i tu­ri­sti so­no sem­pre sem­pre più orien­ta­ti a sce­glie­re strut­tu­re di ele­va­to stan­ding in­ter­na­zio­na­le e re­cen­ti da­ti di Ban­ca d'ita­lia in­di­ca­no che la spe­sa dei viag­gia­to­ri stra­nie­ri in Ita­lia, pa­ri a qua­si 40 mi­liar­di di eu­ro, cre­sce mag­gior­men­te nel seg­men­to dei viag­gi “lei­su­re” o dei sog­gior­ni pres­so al­ber­ghi di va­can­za e be­nes­se­re. Il dri­ver prin­ci­pa­le è la qua­li­tà, sia del­la strut­tu­ra al­ber­ghie­ra che dei ser­vi­zi, fra cui spic­ca­no le SPA. At­tual­men­te la re­pu­ta­tion di un ho­tel cor­ri­spon­de in ge­ne­re al­la qua­li­tà dell’espe­rien­za che i clien­ti vi­vo­no e rac­con­ta­no on­li­ne, e rappresenta un fat­to­re de­ci­si­vo quan­do un viag­gia­to­re de­ve sce­glie­re un al­ber­go. Tra­di­zio­nal­men­te ci si af­fi­da­va al nu­me­ro di stel­le ma que­sto si­ste­ma sem­bra aver per­so im­por­tan­za a fron­te del­le re­cen­sio­ni di chi ha sog­gior­na­to nel­la strut­tu­ra. Inol­tre,vie­ne pre­sa in se­ria con­si­de­ra­zio­ne dai viag­gia­to­ri al­la ri­cer­ca del pro­prio ho­tel an­che il ri­co­no­sci­men­to ot­te­nu­to at­tra­ver­so Awards na­zio­na­li e in­ter­na­zio­na­li. Per gli al­ber­ga­to­ri si trat­ta del mo­do più sem­pli­ce per far­si pub­bli­ci­tà sfrut­tan­do un li­vel­lo di qua­li­tà cer­ti­fi­ca­to da giu­rie in­di­pen­den­ti. Nel­la cul­tu­ra an­glo­sas­so­ne la giu­ria più lon­ta­na da con­flit­ti di in­te­res­se è quel­la dei let­to­ri del­le ri­vi­ste spe­cia­liz­za­te e a que­sto mo­del­lo di si è ispi­ra­ta Area Well­ness quan­do nel lon­ta­no 2010 lan­ciò la pri­ma edi­zio­ne de­gli Ita­lian SPA Awards, un ap­pun­ta­men­to an­nua­le che ri­co­no­sce l’ec­cel­len­za nell’am­bi­to del tu­ri­smo del be­nes­se­re con 3 ca­te­go­rie di pre­mia­ti: le De­sti­na­tion SPA, le Ur­ban SPA e le Me­di­cal SPA. Un si­ste­ma di clas­si­fi­ca­zio­ne ac­cet­ta­to a li­vel­lo in­ter­na­zio­na­le no­no­stan­te le dif­fe­ren­ze cul­tu­ra­li, eco­no­mi­che e nor­ma­ti­ve. Da due an­ni, poi, al vo­to po­po­la­re è sta­to ag­giun­to il vo­to pon­de­ra­to di una giu­ria di esper­ti che ga­ran­ti­sce nes­su­na in­ter­fe­ren­za e vo­ta­zio­ne gui­da­ta. La qua­li­tà del­le strut­tu­re che fi­no­ra si so­no ag­giu­di­ca­ti gli am­bi­ti Awards è la mi­glio­re pub­bli­ci­tà per una ini­zia­ti­va che non si av­va­le di stel­le, ma ciò no­no­stan­te aiu­ta le strut­tu­re a bril­la­re di più.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.