IL RE­GI­STA

Classic Voice - - RUBRICHE -

Bob Wil­son co­strui­sce il suo tea­tro con la lu­ce. So­prat­tut­to l’ope­ra ita­lia­na, fat­ta di pie­ni di vuo­ti. Suc­ce­de­rà pu­re al pros­si­mo Fe­sti­val Ver­di do­ve pro­po­ne la ver­sio­ne fran­ce­se del “Tro­va­to­re”. Aspet­tan­do “Tri­sta­no”

Dif­fi­ci­le pen­sa­re che il tea­tro mi­ni­ma­li­sta di Bob Wil­son, fat­to di im­ma­gi­ni os­ses­si­ve e al­lu­ci­na­te, pos­sa fun­zio­na­re per le ope­re di Ver­di, pre­sen­ta­te di so­li­to in mo­do im­po­nen­te e sfar­zo­so, tutt’al­tro che in­cor­po­reo. In­ve­ce il re­gi­sta te­xa­no ar­ri­ve­rà que­st’an­no al suo quar­to ti­to­lo ver­dia­no: do­po Ai­da, Mac­be­th e La tra­via­ta toc­ca al Tro­va­to­re, an­zi a Le trou­vè­re, ver­sio­ne fran­ce­se che Ver­di stes­so pre­sen­tò a Pa­ri­gi nel 1857, quat­tro an­ni do­po la pri­ma rap­pre­sen­ta­zio­ne ro­ma­na. Il Fe­sti­val Ver­di gli ha af­fi­da­to que­sto nuo­vo al­le­sti­men­to, che sa­rà in sce­na dal 29 set­tem­bre al 20 ot­to­bre a Par­ma con la di­re­zio­ne di Ro­ber­to Ab­ba­do, per la pri­ma vol­ta nell’edi­zio­ne cri­ti­ca di Da­vid La­w­ton, e inau­gu­re­rà a gen­na­io - nel­la ver­sio­ne ita­lia­na - la sta­gio­ne del Co­mu­na­le di Bo­lo­gna.

È co­me un “lim­bo del­la sen­si­bi­li­tà” quel­lo in cui lo spet­ta­to­re pre­ci­pi­ta ne­gli spet­ta­co­li di Bob Wil­son, o al­me­no co­sì lo de­fi­nì Ro­ber­to De Mon­ti­cel­li a pro­po­si­to di una lun­ga se­ra­ta a Spo­le­to nel 1974, A let­ter for Queen Vic­to­ria, tre ore e mez­za di enig­ma­ti­co flus­so vi­si­vo e so­no­ro, ov­via­men­te sen­za tra­ma né ri­fe­ri­men­ti sto­ri­ci. Per­ché Bob Wil­son fa un tea­tro che non è tea­tro: un tea­tro del­lo sguar­do scan­di­to da lu­ci e mo­vi­men­ti, con for­me re­se sem­pre più astrat­te in mo­do che il pub­bli­co pos­sa ma­ni­po­lar­le in­se­ren­do le sue im­pres­sio­ni, i suoi sen­si e i suoi si­gni­fi­ca­ti.

“La mia espe­rien­za con il tea­tro di Ver­di mi ha in­se­gna­to che le sue ope­re si pre­sta­no all’astra­zio­ne. An­che per quan­to ri­guar­da le strut­tu­re tem­po­ra­li, di cui era un ve­ro mae­stro, sen­to una for­te cor­ri­spon­den­za con mio la­vo­ro”.

In che sen­so?

“In tut­ta l’ope­ra ita­lia­na l’uso del tem­po è for­ma­le. A vol­te l’azio­ne av­vie­ne mol­to ve­lo­ce­men­te, co­me in Tu­ran­dot, un’ope­ra in cui l’in­te­ra azio­ne è strut­tu­ra­ta in­tor­no al mo­vi­men­to del so­le e del­la lu­na, con due tra­mon­ti e due al­be. Al con­tra­rio nel Tro­va­to­re pas­sa mol­to tem­po dall’ini­zio dell’ope­ra all’ul­ti­ma sce­na: gior­ni, set­ti­ma­ne, me­si. Noi scor­gia­mo so­lo al­cu­ni fram­men­ti del­le vi­te dei per­so­nag­gi, men­tre tut­to ciò che ve­dia­mo sul pal­co­sce­ni­co av­vie­ne di not­te: do­po che il so­le è tra­mon­ta­to, quan­do ar­ri­va la mez­za­not­te, fi­no a che spun­ta di nuo­vo l’au­ro­ra. E Ver­di al­ter­na mo­vi­men­ti len­ti e veloci se­guen­do prin­ci­pi stret­ta­men­te mu­si­ca­li, sem­pre con mol­to equi­li­brio!.

Qual è la sua chia­ve di let­tu­ra per que­st’ope­ra?

“Per man­te­ne­re la for­za espres­si­va di Ver­di, è me­glio non di­re trop­pe co­se tut­te in una vol­ta: bi­so­gna man­te­ne­re sem­pli­ce la su­per­fi­cie del­le co­se”.

Qua­li so­no le dif­fe­ren­ze tra Il tro­va­to­re e la ver­sio­ne fran­ce­se che an­drà in sce­na a Par­ma?

“Ci so­no al­cu­ni mo­men­ti più gio­co­si, al­me­no dal pun­to di vi­sta mu­si­ca­le: ov­via­men­te Ver­di ha do­vu­to cam­bia­re l’or­che­stra­zio­ne per que­sta edi­zio­ne, per­ché ri­spec­chias­se i gu­sti del pub­bli­co pa­ri­gi­no. Le trou­vè­re è co­me un mo­do nuo­vo di ascol­ta­re un’ope­ra che tut­ti co­no­scia­mo. Poi c’è il bal­let­to ag­giun­to, che agi­sce co­me con­trap­pun­to a quel­la che è al­tri­men­ti una sto­ria cu­pa, fat­ta di emo­zio­ni stra­zian­ti”.

Co­me pro­ce­de di so­li­to nel­la co­stru­zio­ne di uno spet­ta­co­lo?

“In ge­ne­ra­le scel­go di la­vo­ra­re se­pa­ra­ta­men­te su tut­ti gli ele­men­ti tea­tra­li: le pa­ro­le, la mu­si­ca, i mo­vi­men­ti, la lu­ce, le sce­ne, per poi met­te­re tut­to in­sie­me: sol­tan­to quan­do i di­ver­si ele­men­ti di­ven­ta­no at­ti­vi­tà stra­ti­fi­ca­te pos­so­no raf­for­zar­si a vi­cen­da”.

In par­ti­co­la­re la lu­ce ha un ruo­lo fon­da­men­ta­le.

“In ef­fet­ti ini­zio sem­pre dal­la lu­ce. Quan­do co­min­cia­no le pro­ve, la pri­ma co­sa che fac­cio è il­lu­mi­na­re lo spa­zio, pri­ma an­co­ra del­la mu­si­ca, pri­ma di ave­re qual­sia­si al­tra co­sa. La lu­ce non può ar­ri­va­re in un se­con­do mo­men­to: nei miei spet­ta­co­li è un ele­men­to ar­chi­tet­to­ni­co, fa par­te del li­bro vi­si­vo. È co­me un at­to­re”.

Co­me è na­to il suo sti­le?

“Il mio la­vo­ro non de­ri­va da una for­ma­zio­ne ac­ca­de­mi­ca: è qual­co­sa di mol­to per­so­na­le. Ho im­pa­ra­to a fa­re tea­tro fa­cen­do­lo, co­sì co­me si im­pa­ra a cam­mi­na­re com­mi­nan­do o an­che ca­den­do a ter­ra. Ho sem­pre vo­lu­to un tea­tro fat­to di do­man­de, che ri­ma­nes­se aper­to dall’ini­zio al­la fi­ne per­ché si po­tes­se vi­ve­re co­me espe­rien­za. Par­te­ci­pa­re a un mio spet­ta­co­lo è co­me guar­da­re un tra­mon­to o un pae­sag­gio che cam­bia, sen­za nes­sun mes­sag­gio sot­tin­te­so. In que­sto sen­so è mol­to di­ver­so da quel­lo che si ve­de og­gi in gi­ro, sia per la pro­sa sia per l’ope­ra, con il pub­bli­co che de­ve sa­per co­glie­re nuo­vi mes­sag­gi e ri­fe­ri­men­ti ogni tren­ta se­con­di. Pen­so che re­gi­sti non deb­ba­no sug­ge­ri­re si­gni­fi­ca­ti: io ho le mie idee e i miei sen­ti­men­ti, ma non ho al­cu­na in­ten­zio­ne di im­por­le”.

I suoi pri­mi la­vo­ri era­no de­ci­sa­men­te d’avan­guar­dia: pen­so a Ein­stein on the bea­ch per l’ope­ra o a Dea­f­man glan­ce per la pro­sa.

“All’ini­zio chia­ma­vo i miei la­vo­ri ‘ope­re mu­te’, per­ché non ave­va­no una strut­tu­ra nar­ra­ti­va: era­no co­stru­zio­ni ar­chi­tet­to­ni­che nel tem­po e nel­lo spa­zio. Do­po il suc­ces­so di Ein­stein on the bea­ch, nel 1976, so­no sta­to chia­ma­to da mol­ti tea­tri, ma in quel mo­men­to pre­fe­ri­vo con­ti­nua­re a pro­dur­mi da so­lo”.

Co­sa le ha fat­to cam­bia­re idea?

“È suc­ces­so nel 1984, quan­do l’Olym­pic Arts Fe­sti­val di Los An­ge­les ha can­cel­la­to il mio spet­ta­co­lo The Ci­vil Wars. Da quel mo­men­to ho ini­zia­to ad ac­cet­ta­re al­tre pro­po­ste e a la­vo­ra­re su Sha­ke­spea­re, Büch­ner, Ib­sen, Puc­ci­ni, Wa­gner, ma sem­pre con gli stes­si ele­men­ti strut­tu­ra­li che ca­rat­te­riz­za­va­no i miei spet­ta­co­li fin da­gli an­ni Ses­san­ta”.

I suoi la­vo­ri at­tra­ver­sa­no le di­ver­se espres­sio­ni del tea­tro del No­ve­cen­to, dal tea­tro dell’as­sur­do al­lo stra­nia­men­to bre­ch­tia­no. Co­me è riu­sci­to a con­ci­liar­le?

“La­vo­ran­do su mol­ti te­sti di Bre­cht e Bec­kett, a un cer­to pun­to ho ca­pi­to che la chia­ve per met­ter­li in sce­na è lo hu­mour, che nel­le lo­ro ope­re vie­ne spes­so tra­scu­ra­to. Non si do­vreb­be mai fa­re tea­tro sen­za far ri­de­re, an­che se stai in­ter­pre­tan­do una gran­de tra­ge­dia di Sha­ke­spea­re co­me Re Lear: al­tri­men­ti non ri­sul­te­rà mai tra­gi­co. An­zi po­trei di­re che lo hu­mour è es­sen­zia­le per ogni co­sa, nel tea­tro co­me nel­la vi­ta”.

Co­me sin­te­tiz­ze­reb­be la sua poe­ti­ca?

“So­no sem­pre sta­to in­te­res­sa­to al mo­vi­men­to nell’im­mo­bi­li­tà e ai suo­ni nel si­len­zio”.

L’aspet­to dell’ope­ra ita­lia­na che la col­pi­sce di più?

“La sua gran­de in­ti­mi­tà e bel­lez­za in­te­rio­re”.

Un’ope­ra che vor­reb­be met­te­re in sce­na?

“Ho sem­pre vo­lu­to fa­re Tri­stan und Isol­de”.

Bob Wil­son co­strui­sce il suo tea­tro con la lu­ce. So­prat­tut­to l’ope­ra ita­lia­na, fat­ta di pie­ni e di vuo­ti. Suc­ce­de­rà pu­re al pros­si­mo Fe­sti­val Ver­di do­ve pro­po­ne la ver­sio­ne fran­ce­se del “Tro­va­to­re”. Aspet­tan­do “Tri­sta­no”

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.