Di­men­ti­ca­re i det­ta­gli. Di­ri­ge­re pen­san­do a un cer­chio. Rag­giun­ge­re la pro­fon­di­tà

Di­men­ti­ca­re i det­ta­gli. Di­ri­ge­re pen­san­do a un cer­chio. Rag­giun­ge­re la pro­fon­di­tà. Pen­san­do a Giu­li­ni e Mes­siaen. Myun­gW­hun Chung si con­fes­sa agli Ami­ci del Log­gio­ne del­la Sca­la

Classic Voice - - CONTENTS - DI LU­CA BACCOLINI

Myung-Whun Chung si con­fes­sa ai log­gio­ni­sti ri­cor­dan­do i “san­ti” Giu­li­ni e Mes­siaen

Il Mae­stro Chung en­tra. Va di­ret­ta­men­te al pia­no­for­te e, con evi­den­te gu­sto, si met­te a suo­na­re. Quin­di pren­de po­sto al ta­vo­lo, do­ve lo ac­co­glie Gi­no Vez­zi­ni, Pre­si­den­te de­gli Ami­ci del Log­gio­ne del Tea­tro al­la Sca­la.

Gi­no Vez­zi­ni “Ec­co, il mae­stro si è pre­sen­ta­to fa­cen­do­ci ca­pi­re su­bi­to che lui a di­re il ve­ro avreb­be vo­lu­to es­se­re uno stru­men­ti­sta piut­to­sto che un di­ret­to­re d’or­che­stra. D’al­tra par­te è un trat­to di fa­mi­glia e, in­sie­me con sua so­rel­la con­cer­ti­sta, for­ma un duo for­mi­da­bi­le. In­som­ma, ab­bia­mo mol­to pia­ce­re di aver­la qui e sia­mo ono­ra­ti per­ché c’è una co­sa da di­re su­bi­to e che per noi lo qua­li­fi­ca in un mo­do al­tis­si­mo: lei è un di­ret­to­re d’or­che­stra co­rea­no con una un’in­cre­di­bi­le af­fi­ni­tà con Ver­di. Lei si ren­de con­to co­sa si­gni­fi­chi per noi che lei, uno de­gli in­ter­pre­ti più im­por­tan­ti di Ver­di, sia qui? Noi, a co­min­cia­re da me, la se­guia­mo da quan­do lei è ve­nu­to in Ita­lia per la pri­ma vol­ta, 37 an­ni fa. In par­ti­co­la­re io lo ri­cor­da­vo co­me di­ret­to­re a Bo­lo­gna con il Don Car­lo che è la se­con­da par­ti­tu­ra ver­dia­na che lei di­ri­ge fre­quen­te­men­te - mi ri­fe­ri­sco ad esem­pio an­che all’edi­zio­ne che lei ha gui­da­to re­cen­te­men­te al­la Sca­la con gran­de at­ten­zio­ne e af­fet­to. Ec­co, lei pro­va af­fet­to quan­do ese­gue la mu­si­ca di Ver­di?” Myung-Whun Chung “Af­fet­to?”. GV “Esat­to, lei si sen­te tra­spor­ta­to dall’af­fet­to, dall’amo­re per la mu­si­ca quan­do ese­gue Ver­di?” MVC “Af­fet­to è trop­po…trop­po po­co!”

GV “Ah, ec­co!” (qua­si con sol­lie­vo. Ri­sa­ta del pub­bli­co e ap­plau­so)

MWC “Al­lo­ra non mi ha ca­pi­to mol­to be­ne. Co­me es­se­ri uma­ni ci so­no co­se più im­por­tan­ti del­la mu­si­ca: l’amo­re, la fa­mi­glia. Ma su­bi­to do­po vie­ne la mu­si­ca, al­me­no per me, e il mas­si­mo amo­re che un mu­si­ci­sta può ave­re per un com­po­si­to­re io l’ho per Ver­di. E quin­di ho pas­sa­to una gran­de par­te del­la mia vi­ta con la sua mu­si­ca. In con­cer­to o al­le pro­ve se ne sen­te una pic­co­lis­si­ma par­te, ma in pri­va­to, quan­do stu­dio, io vi­vo con que­sta mu­si­ca. E mi sem­bra tut­ta la mia vi­ta e la sua mu­si­ca ogni vol­ta mi mo­stra qual­co­sa”.

“Il la­vo­ro di di­ret­to­re per la ve­ri­tà non mi pia­ce mol­to - io ho co­min­cia­to co­me pia­ni­sta - per­ché il po­ve­ro di­ret­to­re è l’uni­co che non pro­du­ce un suo­no. Co­sì non si può di­re che que­sto è com­ple­ta­men­te mu­si­ci­sta, è mu­si­ci­sta so­lo in par­te, quin­di può es­se­re un po’ fru­stran­te. Que­sta è la

ra­gio­ne per la qua­le mi è ne­ces­sa­rio suo­na­re il pia­no­for­te, non foss’al­tro che per me stes­so. Ma nel mio la­vo­ro bi­so­gna co­mu­ni­ca­re con un cen­ti­na­io di mu­si­ci­sti e que­sto con­tat­to non è co­sì im­me­dia­to. Mu­si­cal­men­te, pro­fes­sio­nal­men­te sì, ma uma­na­men­te è ab­ba­stan­za ra­ro. Ep­pu­re fin dal­la pri­ma pro­va ho avu­to la sen­sa­zio­ne che i mu­si­ci­sti del­la Sca­la mi ca­pis­se­ro, co­me uo­mo e co­me mu­si­ci­sta. Mi han­no ca­pi­to dall’ini­zio, e que­sto con­ti­nua an­che og­gi. Si trat­ta di un do­no ra­ro per­ché nor­mal­men­te si la­vo­ra in mo­do pro­fes­sio­na­le, sì, ma a me que­sto non in­te­res­sa. L’ho fat­to per qua­rant’an­ni, ma ades­so lo fac­cio mol­to me­no”.

GV “Ec­co, ci so­no de­gli au­to­ri che lei ha di­ret­to e che ades­so ha un po’ ab­ban­do­na­to, men­tre al­tri co­me Ver­di o Bee­tho­ven evi­den­te­men­te ri­man­go­no. Lei ha det­to ad­di­rit­tu­ra che ci so­no del­le co­se che so­no adat­te per es­se­re ese­gui­te da gio­va­ni di­ret­to­ri d’or­che­stra, men­tre ci so­no al­tre par­ti­tu­re che so­no per la vi­ta, eter­na, to­ta­le e con­ti­nua del di­ret­to­re d’or­che­stra. Mi pa­re che lei sia in que­sta se­con­da fa­se, in­fat­ti ne­gli ul­ti­mi con­cer­ti lei ha fat­to Bruc­k­ner, Bee­tho­ven e me­no So­sta­ko­vic o al­tri”.

MWC “Io pen­so ai gran­di com­po­si­to­ri co­me per­so­nag­gi. Nel­la vi­ta ci so­no di­ver­se ca­te­go­rie di per­so­ne. Ai miei fi­gli ho det­to: pri­ma di spo­sar­si bi­so­gna fa­re il se­guen­te te­st. C’è gen­te che da lon­ta­no è mol­to bel­la, ma quan­do ci si av­vi­ci­na e si co­min­cia a par­la­re non è poi co­sì in­te­res­san­te. In que­sto ca­so la re­la­zio­ne di­ven­ta cor­dia­le, nien­te di più. C’è un al­tro grup­po che non si può va­lu­ta­re da lon­ta­no, ma più si par­la e più c’è un fee­ling, un qual­co­sa. Con que­ste per­so­ne si di­ven­ta ami­ci. La ter­za è quel­la ca­te­go­ria che da lon­ta­no sem­bra bel­la ma non si sa. Poi quan­do ci si av­vi­ci­na e si par­la scat­ta qual­co­sa di ve­ra­men­te par­ti­co­la­re. Uni­co. E que­sti, ol­tre al­la pro­pria

mo­glie o ma­ri­to, so­no com­po­si­to­ri co­me Ver­di, Bee­tho­ven, Mo­zart. Gli al­tri so­no nel­la ca­te­go­ria, ‘sì per una vol­ta è an­da­ta be­ne, ma non ho tan­ta vo­glia di con­ti­nua­re’, e co­sì via. La li­sta di­ven­ta sem­pre più pic­co­la per­ché io, per co­me so­no fat­to, pre­fe­ri­sco fre­quen­ta­re la gen­te che co­no­sco mol­to be­ne. Gli ami­ci. Da trent’an­ni do­po i con­cer­ti io man­gio sem­pre con lo stes­so grup­po, cin­que sei per­so­ne dav­ve­ro ca­re”.

GV “A Los An­ge­les ha fat­to un ap­pren­di­sta­to con Car­lo Ma­ria Giu­li­ni”.

MWV “In tut­ta la vi­ta ho in­con­tra­to so­lo un mu­si­ci­sta più gran­de di lui, il com­po­si­to­re fran­ce­se Oli­vier Mes­siaen. Quin­di io di­co sem­pre che Giu­li­ni per me era un ‘pre­te’ e Mes­siaen era un ‘san­to’. Quin­di do­po aver co­no­sciu­to due uo­mi­ni co­sì mi di­co che al­la fi­ne non pos­so fa­re trop­po ma­le, se­guen­do i lo­ro con­si­gli”. GV “Ri­pren­de­rà la sua Sin­fo­nia Tu­ran­ga­lî­la?”

MWC “Più gran­de è San Fran­ce­sco. Ma è trop­po dif­fi­ci­le. Du­ra sei ore: dav­ve­ro trop­po dif­fi­ci­le”.

GV “Ma lo ha det­to a Pe­rei­ra di met­te­re in sce­na San Fran­ce­sco?”.

MWC “Ve­ra­men­te gli ho det­to di non far­lo!” (ri­de)

GV “Ma si ren­de con­to che ci to­glie la pos­si­bi­li­tà di sen­ti­re uno dei ca­po­la­vo­ri del se­co­lo scor­so”.

MWC “Per un di­ret­to­re d’or­che­stra e mu­si­ci­sta si­cu­ra­men­te va­le la pe­na. Ma mi ren­do con­to che per il pub­bli­co è dav­ve­ro mol­to mol­to dif­fi­ci­le”.

GV “Lei non ci cre­de­rà ma noi ab­bia­mo da­to qui la pro­ie­zio­ne dell’edi­zio­ne sa­li­sbur­ghe­se dell’ope­ra. Tut­te le sei ore, in due pun­ta­te, pen­si un po’. Tan­ti an­ni fa. E ci sia­mo sem­pre ri­cor­da­ti di Mes­siaen e del­le sue ope­re, e non so­lo di que­sta che pe­rò era la sua uni­ca ope­ra li­ri­ca”.

MWC “Ma lui pra­ti­ca­men­te era un san­to. Ho avu­to la for­tu­na di po­ter la­vo­ra­re con lui, so­prat­tut­to in­ci­den­do i di­schi, e lui era sem­pre pre­sen­te. Per­ché lo de­fi­ni­sco san­to? For­se qual­cu­no avrà un’al­tra in­ter­pre­ta­zio­ne. Ap­pe­na ar­ri­va­to a Pa­ri­gi, 36 an­ni, non par­la­vo fran­ce­se e non ave­vo mai di­ret­to un’ope­ra fran­ce­se nel­la mia vi­ta. Ero sta­to no­mi­na­to Di­ret­to­re Mu­si­ca­le dell’Opé­ra di Pa­ri­gi. Tal­vol­ta la vi­ta è in­cre­di­bi­le. Nel pri­mo an­no c’è sta­to un con­cer­to di mu­si­ca da ca­me­ra in pro­gram­ma il Qua­tuor pour la fin du temps di Mes­siaen, in un en­sem­ble ca­me­ri­sti­co con i pro­fes­so­ri dell’or­che­stra. Per me era la pri­ma vol­ta, e non era fa­ci­le. So­no ri­ma­sto or­ri­pi­la­to all’idea di ve­ni­re a sa­pe­re che Mes­siaen era pre­sen­te al con­cer­to. Ero co­sì im­ba­raz­za­to. Mi di­ce­vo, non è pos­si­bi­le, per fa­re be­ne ci vuo­le tem­po ed espe­rien­za. E lui è ve­nu­to a tro­var­mi e ha det­to ‘Oh, que­sta è la mi­glio­re ese­cu­zio­ne di que­sto quar­tet­to che io ab­bia mai sen­ti­to!’. E io ho pen­sa­to: quel­lo che di­ce non può es­se­re ve­ro. Ma lui l’ave­va det­to con mol­ta con­vin­zio­ne e ha pro­se­gui­to, ‘vor­rei scri­ver­lo sul­la vo­stra par­ti­tu­ra: Meil­leu­re exé­cu­tion… ecc.’. Do­po aver­lo co­no­sciu­to me­glio ho vi­sto che lui ave­va la ca­pa­ci­tà di di­re que­ste co­se più di una vol­ta. Co­sa si­gni­fi­ca? Ogni espe­rien­za era per lui nuo­va. In­ten­do di­re che ave­va la ca­pa­ci­tà di sen­ti­re o ve­de­re le co­se in ma­nie­ra di­ver­sa, nuo­va, in­no­cen­te, pu­ra. Con sem­pli­ci­tà. Ma con con­vin­zio­ne to­ta­le, non per es­se­re gen­ti­le o co­me un po­li­ti­co. Que­sto è ra­ro”.

GV “Già la ca­pa­ci­tà di sor­pren­der­si, sem­pre. C’è da di­re che que­sta com­po­si­zio­ne è una del­le pa­gi­ne più in­te­res­san­ti di Mes­siaen, com­po­sto fra la fi­ne del 1940 e i pri­mi gior­ni del 1941 quan­do era in pri­gio­nia nel cam­po di con­cen­tra­men­to di Gör­li­tz”.

MWC “Si, so­no sta­to a vi­si­ta­re il cam­po e ho an­che suo­na­to il Quar­tet­to. Han­no fat­to un pic­co­lo tea­tro pro­prio lì e l’ho suo­na­to. In­cre­di­bi­le pen­sa­re che lui l’ave­va com­po­sto in quel luo­go, du­ran­te la guer­ra”.

GV “Sen­ta, ades­so, vi­sto che sia­mo in que­sta se­de di me­lo­ma­ni ci tol­ga una cu­rio­si­tà. Co­me la­vo­ra lei con i can­tan­ti? Li pre­pa­ra al pia­no­for­te, in­ter­vie­ne, la­vo­ra con lo­ro du­ran­te le pro­ve?”

MWC “Io ho fat­to tut­te le co­se che di­ce, ma ades­so ho su­pe­ra­to que­sta fa­se. A Pa­ri­gi mi chia­ma­va­no il den­ti­sta per­ché en­tra­vo co­sì nei det­ta­gli, che non ne po­te­va­no più. Ma ora ba­sta, non so­no più un den­ti­sta. Ora mi pia­ce la­vo­ra­re di­ver­sa­men­te. E per quan­to ri­guar­da il ri­sul­ta­to a vol­te va be­ne al­tre vol­te me­no. Nor­mal­men­te il pro­ble­ma con i can­tan­ti è che non c’è mai ab­ba­stan­za con­tat­to. Lo­ro can­ta­no co­me vo­glio­no, non mi se­guo­no. Nei det­ta­gli, co­mun­que, og­gi non ho più vo­glia di en­tra­re. So­no pron­to a sa­cri­fi­ca­re qual­co­sa, i pic­co­li det­ta­gli tec­ni­ci per esem­pio, per­ché cer­can­do di vi­ve­re il più pos­si­bi­le nel­lo spi­ri­to del­la mu­si­ca qual­che vol­ta è ne­ces­sa­rio sa­cri­fi­ca­re pic­co­le co­se”. “Ad esem­pio, quan­do si fa una pro­va, una del­le re­spon­sa­bi­li­tà del di­ret­to­re - e io cer­co di far­lo il più pos­si­bi­le - è

met­te­re le co­se in or­di­ne, in­sie­me, equi­li­brar­le, se­guen­do le in­di­ca­zio­ni dell’au­to­re. Ma ci so­no del­le co­se as­so­lu­ta­men­te im­pos­si­bi­li da in­di­ca­re sul­la pa­gi­na scrit­ta. Per me è mol­to più in­te­res­san­te la­scia­re la pos­si­bi­li­tà di pro­dur­re qual­co­sa di più pro­fon­do. Es­se­re in­sie­me (bat­te le ma­ni), que­sto è es­se­re in­sie­me. Ma co­sa si­gni­fi­ca es­se­re in­sie­me pro­du­cen­do qual­co­sa di più pro­fon­do? Cor­re­re ri­schi, ri­schia­re che qual­cu­no ar­ri­vi trop­po pre­sto o tar­di. Ma il ri­sul­ta­to è più pro­fon­do. Que­sto, pe­rò, si può fa­re con mu­si­ci­sti che ti ca­pi­sco­no e che so­no di­spo­sti a ri­schia­re in­sie­me”.

GV “Quel­lo che ri­ve­la chia­ri­sce a noi, per lo me­no a me, pro­prio al­cu­ni dei suoi meriti dal pun­to di vi­sta del­la qua­li­tà del suo suo­no. Che è un suo­no suo per­so­na­le ma ca­lo­ro­so, par­te­ci­pan­te, non sec­co, non pun­ti­glio­sa­men­te pre­ci­so. Sa co­sa di­ce­va Klei­ber al­la sua or­che­stra che sta­va pro­van­do l’ou­ver­tu­re dall’Obe­ron di We­ber? Era scon­ten­to e con­ti­nua­va a far ri­pe­te­re al­cu­ne bat­tu­te: sie­te trop­po veloci, trop­po len­ti, non gli an­da­va mai be­ne nien­te. Ad un cer­to pun­to, al­la tren­te­si­ma ri­pe­ti­zio­ne, fer­ma l’or­che­stra e di­ce: ‘ades­so sie­te an­da­ti trop­po in­sie­me’. Pro­ba­bil­men­te era­no pas­sa­ti a una ese­cu­zio­ne ac­ca­de­mi­ca, fred­da, pre­ci­sa ma non par­te­ci­pa­ta”.

MWC “Ognu­no de­ve tro­va­re il suo mo­do per fa­re usci­re la sua vo­ce. E que­sto va­le per tut­ti, per tut­ti i mu­si­ci­sti e per tut­to il mon­do. Da do­ve vie­ne il suo­no? Per il pia­ni­sta dal pia­no­for­te, dal vio­li­ni­sta dal vio­li­no. No, non è co­sì. Ab­bia­mo tut­to in co­mu­ne. Tut­ti gli es­se­ri uma­ni han­no la stes­sa co­sa. Ab­bia­mo tut­ti un suo­no, un suo­no bel­lis­si­mo den­tro. Que­sto è le­ga­to al de­si­de­rio di cer­ca­re qual­co­sa che non si ve­de. Esi­ste un suo­no e i mu­si­ci­sti han­no il com­pi­to di fa­re usci­re que­sto suo­no. Il pia­ni­sta, il vio­li­ni­sta, il can­tan­te in ma­nie­ra an­co­ra più na­tu­ra­le. Ma ti­ra­re fuo­ri que­sto suo­no è un la­vo­ro mol­to dif­fi­ci­le, non fi­ni­sce mai. Sem­pli­fi­can­do: il suo­no più pia­no de­ve es­se­re an­che il più espres­si­vo, co­me se aves­se vis­su­to tut­ta la vi­ta e ora esce fuo­ri. Que­sto è già co­sì dif­fi­ci­le per­ché nor­mal­men­te suo­nan­do pia­no c’è me­no espres­sio­ne, c’è me­no di tut­to, per­ché c’è me­no suo­no, sa­reb­be più im­me­dia­to suo­na­re for­te. Ma bi­so­gna fa­re esat­ta­men­te il con­tra­rio. E quan­do c’è un for­te, un gran­de suo­no, ciò che bi­so­gna ten­ta­re di fa­re è man­dar­lo lon­ta­no, li­be­rar­lo. Nor­mal­men­te si fa esat­ta­men­te il con­tra­rio. Per­ché il pia­no non si sen­te, non sem­bra in­te­res­san­te. E con il for­te si usa­no i mu­sco­li: ma que­sto bloc­ca il suo­no. C’è un ef­fet­to for­se, ma non è quel­lo che cer­co”.

GV “Ri­ma­ne il fat­to che lei, co­me tut­ti i gran­di di­ret­to­ri d’or­che­stra, fi­ni­sce per da­re un suo­no all’or­che­stra a pre­scin­de­re dall’or­che­stra”.

MWC “Io non do un suo­no. È un gran­de er­ro­re pen­sar­lo. Il di­ret­to­re può aiu­ta­re l’or­che­stra a tro­var­lo. Il di­ret­to­re è ne­ces­sa­rio so­lo per­ché qual­cu­no de­ve pur fa­re il la­vo­ro di stu­dia­re la par­ti­tu­ra com­ple­ta”.

“Tec­ni­ca­men­te la di­re­zio­ne è un fat­to mol­to sem­pli­ce. Bat­ten­do in uno (ac­cen­na can­tic­chian­do) si può di­ri­ge­re la Quin­ta di Bee­tho­ven.

Bat­ten­do in due (fa un dop­pio se­gno ver­ti­ca­le, in di­sce­sa e in sa­li­ta) si pos­so­no fa­re tut­te le mar­ce. Su, giù, su giù e si può es­se­re an­che più o me­no ele­gan­ti. In tre, (de­scri­ve un trian­go­lo) tut­ti i val­zer (can­tic­chia di nuo­vo). Il quat­tro è un po’ più com­pli­ca­to (com­pie un qua­dra­to nell’aria con quat­tro se­gni). Un bra­vo di­ret­to­re pro­fes­sio­na­le può es­se­re più ele­gan­te di uno me­no bra­vo, ma so­stan­zial­men­te ci so­no que­ste quat­tro pos­si­bi­li­tà e ba­sta­no, per­ché tut­te le al­tre so­no del­le lo­ro com­bi­na­zio­ni. So­lo do­po 25 an­ni ho sco­per­to un quin­to li­vel­lo. Guar­da­te­mi be­ne: uno-uno-uno-due uno­due, uno-due-tre, uno- due tre quat­tro (Se­gna una lun­ga li­nea ret­ta). E con que­sto non è più ne­ces­sa­rio fa­re al­tro. Pe­rò c’è un al­tro li­vel­lo an­co­ra e io ho una spe­ran­za, un so­gno, di ar­ri­va­re all’ul­ti­mo li­vel­lo. Nel­la mia im­ma­gi­na­zio­ne si rea­liz­za co­sì (di­se­gna un cer­chio nell’aria). Fi­ni­to. E tut­to de­ve es­se­re all’in­ter­no di que­sto. Den­tro la sem­pli­ci­tà c’è una vi­ta in­te­ra di la­vo­ro in­cre­di­bi­le, il la­vo­ro di un ge­nio per met­te­re tut­to den­tro in mo­do che sem­bri sem­pli­ce e pu­ro. Es­se­re pu­ri è la par­te più dif­fi­ci­le. Quan­do fac­cio mu­si­ca con mu­si­ci­sti co­me quel­li del­la Sca­la pos­so spe­ra­re che que­sto di­ven­ti pos­si­bi­le. Non han­no bi­so­gno di me - for­se so­lo ogni tan­to - ma per lo­ro e per me que­sta ri­cer­ca del­la par­te espres­si­va, del­la par­te che non può es­se­re nean­che spie­ga­ta. Il la­vo­ro in­te­res­san­te, più dif­fi­ci­le è fra le no­te, o pri­ma o do­po la no­ta. Que­sto la­vo­ro è co­sì ric­co e non può mai fi­ni­re per­ché coin­ci­de con la ri­cer­ca di far ri­vi­ve­re lo spi­ri­to stes­so del­le co­se”.

Al­la Sca­la per “Don Car­lo”

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.