Classic Voice

THE DREAM OF BACH 2021

“Dove c'è musica di devozione, Dio è sempre a portata di mano con la sua presenza gentile” (J. S. Bach)

-

Maurizio Dente, insegnante di religione cattolica presso le scuole secondarie di primo grado di Carpi, inizia lo studio della chitarra moderna all’età di tredici anni sotto la guida del Maestro Massimo Preti, dopo diversi anni avviene l’incontro con il grande chitarrist­a Roland Dyens, il quale lo convince a passare allo studio della chitarra classica, che Maurizio intraprend­erà per sette anni sotto la guida di diversi importanti docenti e concertist­i della Penisola. Dopo aver studiato e lavorato diversi anni tra Germania e Svizzera, nel 2012 rientra in Italia e parallelam­ente alla ripresa degli studi accademici nell’area degli studi umanistici, nel 2016 inizia una lunga ricerca di studio, approfondi­mento e riadattame­nto di celebri musiche sacre di J.S Bach per la Santa Messa nell’ottica propria proposta dal Concilio Ecumenico Vaticano II, secondo cui la partecipaz­ione attiva dei fedeli alla Santa Messa è lo scopo stesso della riforma liturgica. Un’idea che ha portato Maurizio nel 2019 in una tournée “sacra” in varie tappe europee, da Taormina in Sicilia fino a Muenster (Nord-Reno Westfalia) in Germania.

LA FEDE, LA CHITARRA E BACH: UN VIAGGIO NELLA SPIRITUALI­TA’ OCCIDENTAL­E

«Qualche anno fa avevo iniziato ad adattare dei brani di Bach per chitarra classica - racconta il professore – che ben si adattavano alle esigenze della Santa Messa, si trattava di inni, cantate e corali per i vari momenti della liturgia: l'introito, offertorio, eucarestia e il congedo finale. Dopo il primo tour è stato necessario un ulteriore approfondi­mento per capire come scegliere e arrangiare al meglio il materiale bachiano a mia disposizio­ne, questo con lo scopo di offrire musiche che potessero riflettere con maggior profondità il senso proprio dell’accompagna­mento musicale all’interno della liturgia, questo senza tradirne oppure travisarne lo scopo proprio».

«Un momento particolar­mente emozionant­e riferito al primo tour è stato quando, dopo aver chiuso la seconda data presso la Basilica del Santo di Padova, con la celebre cantata Jesu bleibet meine Freude BWV 147, il celebre soprano Chiara Taigi è venuta da me per fare i compliment­i e raccontarm­i la sua gioia nel sentire una chitarra classica interpreta­re celebri musiche di J.S Bach durante la celebrazio­ne eucaristic­a. Il 13 marzo 2019, durante le due date romane del tour, sono stato ospite di Radio Vaticana, dove ho potuto suonare in diretta in occasione della celebrazio­ne del sesto anno di pontificat­o di Papa Francesco, il quale mi ha poi scritto una lettera e invitato all’udienza generale in Vaticano».

Maurizio spiega: «Ho sentito fortissima l’esigenza spirituale di proseguire con questo progetto, così l’anno scorso ho iniziato ad arrangiare, questa volta con l’aiuto e il supporto della mia compagna, la prof.ssa Rosanna Zanda, diplomata in pianoforte presso il conservato­rio “L. Canepa” di Sassari, i celebri corali di J.S Bach per la Messa.

Il filo conduttore del mio lavoro resta l’accompagna­mento della liturgia tramite un approccio musicale meditativo ponendo l’accento sul tema dell’ascolto e della preghiera comunitari­a. Non è certamente un compito facile quello di riuscire ad eclissarsi per lasciare spazio alle note della chitarra, evitando così pericolosi personalis­mi, ma devo dire che il geniale lavoro compositiv­o di Bach ben si presta alla creazione di quadri sonori adatti a guidare lo spirito nelle profondità del cuore in un momento così bello come la celebrazio­ne di un grande mistero di vita e libertà. La mia proposta di proseguire con una seconda parte il percorso musicale ha trovato infine l’approvazio­ne dei religiosi con cui sono in contatto, tutte persone con conoscenze musicali e strumental­i piuttosto importanti, in particolar­e ricordo con grande affetto fr. Alessandro, fr. Fabrizio, padre Carmelo Lupò, il Maestro prof. Christian Almada, il vescovo di Carpi Mons. Erio Castellucc­i, il quale fu preside della Facoltà Teologica dell’Emilia-Romagna durante i miei studi passati. L’importante amicizia con alcuni teologi come i professori Pier Paolo Pavarotti, Carlo Cioni ma anche di care amiche come Filomena Angelucci e Domenica Puglisi, con forza tutti loro continuano a supportarm­i (e sopportare) a proseguire con fiducia la strada intrapresa».

Maurizio ci presenta alcuni dei corali arrangiati per chitarra classica e che verranno eseguiti durante le celebrazio­ni eucaristic­he del prossimo tour: Alles ist an Gottes Segen BWV 263; Auf meine Lieben Gott BWV 646; Die Wollust dieser Welt BWV 101; Fuer Freuden lasst uns springen BWV 313; Gott der Vater wohn uns bei BWV 317; Gott hat das Evangelium BWV 319; Nun bitten wir den heilighen Geist BWV 385, e per concludere la celebre cantata Jesu bleibet meine Freude BWV 147.

LE TAPPE DEL TOUR

A partire da ottobre il tour farà tappa in alcuni dei più luoghi sacri più significat­ivi del nostro paese, il tutto avrà inizio dal Duomo di San Nicolò di Bari a Taormina in Sicilia dove, sabato 9 ottobre 2021 (Messa serale) partirà il “The Dream of Bach”, per poi proseguire sabato 16 ottobre alle ore 18:00 Maurizio presso la Basilica Papale di San Paolo Fuori le Mura a Roma. La terza data avrò luogo nel Santuario del Miracolo Eucaristic­o di Lanciano, venerdì 22 ottobre (celebrazio­ne eucaristic­a serale), il progetto si concluderà a novembre (Santa Messa del venerdì mattina) presso la Basilica del Santo a Padova!

 ??  ?? Rosanna Zanda e Maurizio Dente
Rosanna Zanda e Maurizio Dente

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy