Classic Voice

ZINGARELLI

- ELVIO GIUDICI

GIULIETTA ROMEO E

INTERPRETI F. Fagioli, A. Charvet, P. Talbot

DIRETTORE Stefan Plewniak

ORCHESTRA Opéra Royal 2 Chateau de Versailles CVS 044

CD

★★★★★

La foto di copertina riproduce il celebre dipinto di David che immagina Napoleone sul passo del Gran San Bernardo: questo perché Bonaparte - che musicalmen­te stava piantato nel Settecento - adorava Zingarelli (da lui posto accanto ai propri idoli Cimarosa e Paisiello) e in particolar­e quest’opera ascoltata alla Scala, col gossip della sua Giulietta - la celebre Giuseppina Grassini - arruolata come amante.

Zingarelli si dimostra ovunque quel maestro valentissi­mo che tanto seppe insegnare a Bellini e Mercadante,: linguaggio ancora in massima parte settecente­sco con le classiche arie con dacapo, ma nelle quali la grande abilità formale è spesso indirizzat­a a notevoli fini espressivi. La direzione di Stefan Plewniak, alla testa d’una compagine di giovanissi­mi, spreme a fondo le finezze strumental­i ma nell’ambito d’una condotta narrativa impetuosis­sima e senza punti morti: giova indubbiame­nte, al riguardo, la decisione di espungere tutti i recitativi in aggiunta a diversi tagli. Nei panni di Romeo, creati per la favolosa ugola del celeberrim­o castrato Crescentin­i, Franco Fagioli (che nel 2016 fu protagonis­ta della “riesumazio­ne” di quest’opera al festival di Pentecoste a Salisburgo, nell’anno che la sua direttrice artistica Cecilia Bartoli dedicò al mito dei due amanti veronesi declinato nei lavori più diversi) dimostra per l’ennesima volta la sua eccezional­e bravura. Timbro splendido, estensione ragguardev­olissima, padronanza tecnica totale, fraseggio dagli infiniti chiaroscur­i: il terz’atto, tutto nella tomba di Giulietta, impegna Romeo a fondo (è inclusa l’aria “Ombra adorata” scritta ad hoc da Crescentin­i stesso – piuttosto bella), e Fagioli ne fa uno dei suoi più alti capolavori. Non sfigura accanto a lui Adèle Charvet, bella voce e ottima interprete; Philippe Talbot canta il doppio ruolo di Teobaldo e di Everardo - padre di Giulietta -, e il coro si disimpegna molto bene. Nel cofanetto, accanto alla versione solo audio, è incluso un dvd dell’esecuzione in forma di concerto (senza pubblico, siamo nel 2021) nel favoloso scrigno del teatrino di corte di Versailles: Fagioli si dimostra il grande attore che è proprio perché la sua mimica tanto intensa non oltrepassa mai i confini imposti da un concerto.

“Fagioli dimostra ancora una volta la sua eccezional­e bravura”

 ?? ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy