Conde Nast Traveller (Italy) - - AC­QUA -

Co­me per mol­ti «cu­gi­ni» dis­se­mi­na­ti sull’ar­co al­pi­no, il ghiac­cia­io del il più este­so di tut­te le al­pi ita­lia­ne (15 km2), ha una sto­ria di chia­ro­scu­ri: nel cor­so del se­co­lo scor­so, que­sta fa­vo­lo­sa lin­gua di ghiac­cio e ne­ve nel al con­fi­ne tra Lom­bar­dia e Tren­ti­no, do­po aver pa­ti­to un quin­quen­nio di du­ris­si­me bat­ta­glie in quo­ta tra ita­lia­ni e au­stroun­ga­ri­ci nel­la Guer­ra Bian­ca, si è as­sot­ti­glia­ta ine­so­ra­bil­men­te per il glo­bal war­ming.

Og­gi, pur re­stan­do uno spet­ta­co­lo che to­glie il re­spi­ro, il fron­te del­la ve­dret­ta si è ri­ti­ra­to pa­rec­chio (400 mi­lio­ni di me­tri cu­bi con­tro gli 800 del 1990): al suo po­sto ci so­no ca­sca­te su­per spet­ta­co­la­ri per i tu­ri­sti, a pic­co sul­le roc­ce mag­ma­ti­che le­vi­ga­te dall’azio­ne del ghiac­cio nell’ar­co di mil­len­ni. Se il Man­dro­ne è la star del

an­che gli al­tri ghiac­ciai (so­no 17 sull’Ada­mel­lo e 7 sul­la del­la zo­na of­fro­no gi­te e scor­ci in­di­men­ti­ca­bi­li, tan­to in in­ver­no quan­to in esta­te, con iso­la­ti ri­fu­gi (ve­di box sot­to) ba­se idea­le per av­ven­tu­ro­se escur­sio­ni. Po­co più in là, an­co­ra più cri­ti­ca è la si­tua­zio­ne dei ghiac­ciai si­tua­ti nel­la splen­di­da cor­ni­ce del­le

ne so­no ri­ma­sti cir­ca ven­ti, ma tut­ti di di­men­sio­ni tal­men­te con­te­nu­te che si te­me scom­pa­ri­ran­no pre­sto. Gli aman­ti del­le Do­lo­mi­ti, ca­te­go­ria di an­no in an­no sem­pre più nu­me­ro­sa, si pos­so­no con­so­la­re col mi­ti­co ghiac­cia­io che at­tra­ver­sa e pla­sma la leg­gen­da­ria la «re­gi­na» che an­no­ve­ra la ci­ma più al­ta dei «mon­ti pal­li­di»: no­no­stan­te an­che qui il ri­scal­da­men­to glo­ba­le ab­bia avu­to ef­fet­ti im­por­tan­ti sui suoi vo­lu­mi ne­gli ul­ti­mi de­cen­ni, è sem­pre un’emo­zio­ne am­mi­ra­re la pen­nel­la­ta del man­to bian­co – il più este­so del­le Do­lo­mi­ti – af­fac­cia­to sul Mec­ca de­gli scia­to­ri e cam­mi­na­to­ri è in­fi­ne il ghiac­cia­io del

sul ver­san­te del­la po­sto tra i 2.700 e i 3.000 me­tri di quo­ta nel

lo si rag­giun­ge con una te­le­ca­bi­na e, ol­tre a una skia­rea ri­no­ma­ta (in par­ti­co­la­re la lun­ga pi­sta ne­ra «Pa­ra­di­so»), of­fre pa­no­ra­mi straor­di­na­ri sul­le vet­te cir­co­stan­ti.

Do­lo­mi­ti di Bren­ta: Pre­se­na sa­nel­la, Man­dro­ne, le Ada­mel­lo Bren­ta, tren­ti­no Grup­po dell’Ada­mel­lo, Par­co Na­tu­raP­re­sa­nel­la) Mar­mo­la­da, la­go di Fe­da­ia.

Val di So­le: Grup­po del­la Pre

Ac­qua

Lo ave­te già ca­pi­to, se ama­te gli sport d’ac­qua sie­te ca­pi­ta­ti nel po­sto giu­sto. Il Tren­ti­no è la di­mo­stra­zio­ne per­fet­ta che, per di­ver­tir­si tra nuo­ta­te, usci­te in ve­la, ca­nyo­ning e raf­ting, il ma­re non ser­ve. Del­le cen­ti­na­ia di la­ghi stu­pen­di ab­bia­mo già det­to in pre­ce­den­za, ma il bel­lo è che qua­si tut­ti in esta­te of­fro­no una ma­rea di at­ti­vi­tà per tut­ti. tren­ti­no a par­te, che re­sta la me­ta più fre­quen­ta­ta per ve­la, mec­ca di ca­ta­ma­ra­ni e wind­surf a

e an­che sul di so­li­to ci­ta­to so­lo per la sua bel­lez­za, il ca­ta­ma­ra­no è

le Ri­va, Gar­da La­go di Mol­ve­no, Tor­bo

l’idea­le: e non è co­sì stra­no vi­sto che il suo è il più gran­de ba­ci­no al­pi­no so­pra gli 800 me­tri. Ve­la a par­te, sul­le ac­que co­bal­to è pos­si­bi­le an­che fa­re SUP ol­tre, ov­via­men­te, a nuo­ta­te bel­lis­si­me e ro­man­ti­che escur­sio­ni in ca­noa. A due pas­si dal Gar­da c’è un al­tro spec­chio d’ac­qua scel­to da­gli spor­ti­vi: il è una me­ta top per i ve­li­sti, con mol­te com­pe­ti­zio­ni in­ter­na­zio­na­li in pro­gram­ma. Me­ta ama­tis­si­ma da­gli spor­ti­vi lo­ca­li è in­ve­ce il

in Val­su­ga­na – il mag­gio­re ba­ci­no la­cu­stre in­te­ra­men­te nel­la pro­vin­cia

go di Cal­do­naz­zo La­go di Le­dro La

di Tren­to –: par­ti­co­la­re per­ché è l’uni­co la­go del­la zo­na in cui si può fa­re sci d’ac­qua, ol­tre al­la ve­la per gran­di e pic­ci­ni. Non stu­pi­te­vi se sul­le sue pla­ci­de ac­que ve­dre­te sfrec­cia­re an­che qual­che «dra­gon boat» – le lun­ghe pi­ro­ghe di ori­gi­ne orien­ta­le con i re­ma­to­ri che pa­ga­ia­no al rit­mo del tam­bu­ro del ca­po­vo­ga –, vi­sto che qui si ten­go­no mol­te re­ga­te di que­sta pit­to­re­sca va­rian­te del ca­not­tag­gio. Ac­qua e di­ver­ti­men­to tro­va­no in uno dei tan­ti tor­ren­ti e fiu­mi tren­ti­ni il lo­ro pa­ra­di­so na­tu­ra­le: hy­dro­speed e ka­yak a mil­le all’ora sul­le ac­que in­quie­te del No­ce in in­di­ca­to tra i die­ci fiu­mi più bel­li del mon­do e se­de di cam­pio­na­ti mon­dia­li di ka­yak: il raf­ting pe­rò su que­ste ac­que è un ve­ro pa­ra­di­so, per fa­mi­glie e an­che spi­ri­ti più av­ven­tu­ro­si, vi­sto che il let­to del fiu­me è na­vi­ga­bi­le per ol­tre due ore ab­bon­dan­ti e of­fre mil­le emo­zio­ni di­ver­se. Ca­nyo­ning estre­mo, per fi­ni­re nel­le paz­ze­sche go­le del tor­ren­te e an­co­ra raf­ting nel­le ac­que im­pe­tuo­se dell’Avi­sio, tor­ren­te di mon­ta­gna che dal scor­re lun­go le val­li di e

Noa­na

pas­so Fe­da­ia Fas­sa Fiem­me. Val di So­le,

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.