MA ORA SER­VO­NO I SOL­DI

Corriere del Mezzogiorno (Campania) - - DA PRIMA PAGINA - Di Ni­co­la Sal­dut­ti

L’ac­cia­io è ma­te­ria sem­pre mol­to de­li­ca­ta nell’at­ti­vi­tà di go­ver­no. Lo è quan­do le ac­cia­ie­rie so­no an­co­ra at­ti­ve, co­me sta ac­ca­den­do a Ta­ran­to, e lo è quan­do le ac­cia­ie­rie so­no spen­te da 28 an­ni, co­me sta ac­ca­den­do all’area ex Ital­si­der di Ba­gno­li. La­scia­mo, per un mo­men­to, da par­te i no­stal­gi­ci del ma­re di Co­ro­glio che con­ti­nua­no a im­ma­gi­na­re quan­to sa­reb­be sta­to bel­lo non ave­re pro­prio quel­la fab­bri­ca all’ini­zio del No­ve­cen­to e ve­dia­mo quel­lo che sta ac­ca­den­do. La co­la­ta dell’al­to­for­no che ha se­gna­to la fi­ne dell’epo­ca in­du­stria­le ri­sa­le, può es­se­re uti­le ri­cor­dar­lo, al 20 ot­to­bre del 1990. Era­va­mo an­co­ra nel­la Pri­ma, pri­mis­si­ma Re­pub­bli­ca. Da al­lo­ra, sal­tan­do mol­ti pas­sag­gi, è ac­ca­du­to di tut­to in­tor­no e den­tro il de­sti­no di Ba­gno­li. So­lo pic­co­li fla­sh: il par­co rea­liz­za­to e fi­ni­to nel 2010 e mai aper­to, il crac di Ba­gno­li­fu­tu­ra, l’in­chie­sta del­la Pro­cu­ra per di­sa­stro am­bien­ta­le, l’in­cen­dio del­la Cit­tà del­la Scien­za. E so­prat­tut­to il tra­di­men­to del­le at­te­se di un pez­zo im­por­tan­te del­la cit­tà. Ve­nia­mo a og­gi: il go­ver­no af­fi­da la ge­stio­ne di que­sto gro­vi­glio di com­ples­si­tà a Fran­ce­sco Flo­ro Flo­res, che pren­de il po­sto di Sal­vo Na­sta­si. In per­fet­ta mo­da­li­tà spoils sy­stem.

Il pre­si­den­te del­la Re­gio­ne, Vin­cen­zo De Lu­ca, ri­pe­te in tut­ti i mo­di che non con­di­vi­de que­sta no­mi­na ma non vie­ne ascol­ta­to, non ven­go­no nep­pu­re ascol­ta­ti gli espo­nen­ti lo­ca­li del Mo­vi­men­to 5 Stel­le. La Re­gio­ne ha già fat­to sa­pe­re che «vi­gi­le­rà», men­tre stu­dia un pos­si­bi­le ri­cor­so al Tar.

Dun­que per Flo­ro Flo­res il can­tie­re si pre­an­nun­cia com­pli­ca­to. Ep­pu­re la com­pli­ca­zio­ne ve­ra, ad os­ser­va­re be­ne le co­se, ri­schia di es­se­re quel­la pro­ve­nien­te da chi lo ha no­mi­na­to. Fi­no­ra, co­me Flo­ro Flo­res ha ri­cor­da­to, so­no sta­ti spe­si in pro­get­ti 400 mi­lio­ni. Se­con­do i pia­ni per far mar­cia­re le ope­re di bo­ni­fi­ca e di rea­liz­za­zio­ne ser­vo­no 150 mi­lio­ni all’an­no. Ec­co il pun­to: il man­da­to di Flo­ro Flo­res in­clu­de an­che la ve­lo­ci­tà nell’ero­ga­zio­ne del­le ri­sor­se ne­ces­sa­rie per tra­sfor­ma­re l’area in un pez­zo di fu­tu­ro per la cit­tà? La bat­ta­glia sui no­mi, dal mo­men­to che lo spoils sy­stem vie­ne in­ter­pre­ta­to da tut­ti al­lo stes­so mo­do, è ri­le­van­te ma ri­schia di non es­se­re il cuo­re del pro­ble­ma.

In qua­si trent’an­ni Ba­gno­li è di­ven­ta­ta la pa­le­stra di tut­ti i ma­li dell’am­mi­ni­stra­zio­ne e del­la po­li­ti­ca, in­ca­pa­ci­tà ma­na­ge­ria­le, in­ca­pa­ci­tà am­mi­ni­stra­ti­va, lun­gag­gi­ni bu­ro­cra­ti­che, con­flit­ti per­so­na­li, in­gor­go tra com­pe­ten­ze lo­ca­li e quel­le na­zio­na­li. Con il ri­sul­ta­to che ba­sta pas­sar­ci in au­to per ve­de­re tut­to quel­lo che non si è fat­to.

Sem­bra il de­ser­to dei so­gni an­nun­cia­ti, per di più con i ri­schi am­bien­ta­li na­sco­sti nel­le sue pro­fon­di­tà.

Un po­sto do­ve la­vo­ra­va­no 8 mi­la per­so­ne, che di­ven­ta­va­no 25 mi­la con l’in­dot­to è una fe­ri­ta aper­ta nel­la cit­tà. E di­re che quell’area do­ve­va rinascere gra­zie a una so­cie­tà di tra­sfor­ma­zio­ne ur­ba­na. Pa­ro­la bu­ro­cra­ti­ca che suo­na co­me iro­ni­ca al­la lu­ce di quel­lo che sta ac­ca­den­do. Per le bo­ni­fi­che si par­la di 30 ga­re. Be­ne, il pun­to è far­le, af­fi­da­re i la­vo­ri al­le im­pre­se più com­pe­ti­ti­ve. E ben ven­ga­no i con­trol­li di De Lu­ca, e , ci au­gu­ria­mo, del­lo stes­so Flo­ro Flo­res. Il pun­to non è met­te­re, co­me è ac­ca­du­to in pas­sa­to, tan­ti me­tri di la­mie­ra per na­scon­de­re can­tie­ri che non esi­ste­va­no. Il pun­to è coin­vol­ge­re le Uni­ver­si­tà, il ter­ri­to­rio, le co­mu­ni­tà, le isti­tu­zio­ni, in mo­do che la fab­bri­ca, in­te­sa co­me som­ma di at­ti­vi­tà an­che se non più di co­la­te d’ac­cia­io, ri­na­sca. Il pun­to è tro­va­re i 150 mi­lio­ni che ser­vo­no ogni an­no e pro­ba­bil­men­te la via so­lo pub­bli­ca di ge­sti­re tut­to non è la for­mu­la mi­glio­re se non si met­to­no in mo­to an­che le ri­sor­se dei pri­va­ti. Pen­so al Pon­ti­le, rea­liz­za­to tan­ti an­ni fa dal co­mu­ne di Na­po­li, gra­zie all’im­pe­gno di un suo di­ri­gen­te il­lu­mi­na­to ci­vil ser­vant, l’ar­chi­tet­to Lui­gi Lo­pez. È lì, con i suoi 800 me­tri pro­te­si nel ma­re, a di­mo­stra­re che le co­se si pos­so­no fa­re. Una let­tu­ra con­si­glia­ta è la leg­ge che die­de vi­ta all’Ital­si­der, nel 1906: «Leg­ge per il ri­sor­gi­men­to eco­no­mi­co di Na­po­li». A vo­ler­la, Fran­ce­sco Sa­ve­rio Nit­ti, che an­dreb­be ri­stu­dia­to. Da tut­ti co­lo­ro che di­co­no di vo­ler far rinascere il Sud.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.