Il mar­chio ine­so­ra­bi­le del­la no­stra na­po­le­ta­ni­tà

Corriere del Mezzogiorno (Campania) - - DA PRIMA PAGINA - Di An­to­nio Po­li­to

Èqual­co­sa di cui è dif­fi­ci­le par­la­re. Di so­li­to in­fat­ti lo evi­to. Ma me ne ha da­to il co­rag­gio Raf­fae­le La Ca­pria, con il suo nuo­vo li­bro edi­to da Mon­da­do­ri, «Il fal­li­men­to del­la con­sa­pe­vo­lez­za». In que­sto vo­lu­me c’è un ca­pi­to­lo espli­ci­ta­men­te in­ti­to­la­to «Il mar­chio ine­so­ra­bi­le del­la na­po­le­ta­ni­tà» che è sta­to an­ti­ci­pa­to dal Cor­rie­re del­la Se­ra. È una splen­di­da ana­li­si, per me li­be­ra­to­ria, del per­ché una per­so­na che pen­sa con la sua te­sta, e nel ca­so di La Ca­pria scri­ve ciò che pen­sa, non sop­por­ti di es­se­re in­ca­sel­la­ta e ri­dot­ta al­la sua pro­ve­nien­za geo­gra­fi­ca e cul­tu­ra­le.

In­ten­dia­mo­ci: na­sce­re a Na­po­li la­scia co­mun­que un se­gno, più net­to ri­spet­to al na­sce­re in al­tre cit­tà; e non c’è dub­bio che sia un se­gno po­si­ti­vo, per­ché una cer­ta scan­zo­na­tu­ra, un cer­to un­der­sta­te­ment, un cer­to hu­mour, la ca­pa­ci­tà di guar­da­re al­la co­se del­la vi­ta con fi­lo­so­fia e sop­por­ta­zio­ne, ol­tre a un’in­tel­li­gen­za vi­va e ir­re­quie­ta, so­no cer­ta­men­te ca­rat­te­ri­sti­che del ge­nius lo­ci, e per quan­to mi ri­guar­da be­ne­det­te, an­che se non sem­pre uti­li per co­strui­re uno spi­ri­to pub­bli­co vin­cen­te (su que­sto te­ma ho mol­ta curiosità di leg­ge­re il nuo­vo li­bro di Pao­lo Ma­crì, «Na­po­li, no­stal­gia di do­ma­ni»).

Pe­rò, da­to a Na­po­li ciò che è di Na­po­li, il re­sto è di ognu­no di noi. Il no­stro suc­ces­so o in­suc­ces­so, il no­stro sti­le di vi­ta e le no­stre scel­te, i no­stri pen­sie­ri più di tut­to, non so­no clas­si­fi­ca­bi­li sot­to il ti­to­lo «na­po­le­ta­ni­tà», e noi sba­glia­mo se ac­cet­tia­mo che le no­stre in­di­vi­dua­li­tà sia­no com­pres­se den­tro quel­la ap­par­te­nen­za men­tre in­ve­ce que­sto non av­vie­ne per un cit­ta­di­no di un’al­tra ori­gi­ne. Par­lan­do del suo la­vo­ro scri­ve La Ca­pria: «Que­sta sma­nia di omo­lo­ga­zio­ne è piut­to­sto ir­ri­tan­te, so­prat­tut­to per­ché uno scrit­to­re si sfor­za per tut­ta la vi­ta di cer­ca­re una pro­pria iden­ti­tà, a vol­te an­che una pic­co­la dif­fe­ren­za. Quel­la dif­fe­ren­za su cui uno scrit­to­re gio­ca la sua vi­ta di scrit­to­re. Se vie­ne an­nul­la­ta dal­la omo­lo­ga­zio­ne, che sen­so può ave­re la­vo­ra­re per una vi­ta?».

Il pro­ble­ma non con­si­ste so­lo nel fat­to che ognu­no nel suo la­vo­ro, so­prat­tut­to quan­do è un la­vo­ro crea­ti­vo, pro­va a ri­vol­ger­si a tut­ti, non so­lo ai na­po­le­ta­ni. Per­fi­no chi ha usa­to al mas­si­mo le ori­gi­na­lis­si­me ca­pa­ci­tà di espres­sio­ne e la lin­gua del­la no­stra cit­tà - pen­so a un Pi­no Da­nie­le o a un Eduar­do De Fi­lip­po - l’ha fat­to per pro­dur­re ope­re uni­ver­sa­li, per par­la­re a tut­ti. Nien­te di pro­vin­cia­le c’è in quel­le can­zo­ni o in quel­le com­me­die, tutt’al­tro. E ciò va­le an­che per chi fa me­stie­ri mol­to più umi­li, co­me il mio.

Pen­so in­fat­ti che uno dei peg­gio­ri di­fet­ti di noi na­po­le­ta­ni sia quel­lo di sen­tir­ci au­to­suf­fi­cien­ti, co­me se il mon­do si esau­ris­se a Po­sil­li­po, e tut­to ciò che ci sem­bra utile fa­re è par­lar­ci ad­dos­so, tra di noi, spes­so al so­lo fi­ne di li­ti­ga­re inin­ter­rot­ta­men­te e non rea­liz­za­re poi nien­te. Pen­so an­che che si pos­so­no ve­de­re me­glio le stra­de in gra­do di ri­lan­cia­re que­sta cit­tà, que­sta ca­pi­ta­le eu­ro­pea, co­me me­ri­ta e co­me ne­ces­si­ta, se ci si met­te per un at­ti­mo fuo­ri da Na­po­li e la si guar­da da lon­ta­no; se in­som­ma non ci si com­por­ta per for­za da na­po­le­ta­no, se si sfug­ge al mar­chio ine­so­ra­bi­le del­la «na­po­le­ta­ni­tà».

So che è un di­scor­so dif­fi­ci­le. Spes­so mi si con­te­sta il fat­to che non pren­do po­si­zio­ne a pre­scin­de­re dal­la par­te di Na­po­li, che non con­di­vi­do il sen­so di su­pe­rio­ri­tà che af­flig­ge noi na­po­le­ta­ni, o che cri­ti­co l’ap­pel­lar­si fur­bo al­la na­po­le­ta­ni­tà da par­te di chi ne ha fat­to una ren­di­ta, so­prat­tut­to quan­do non mi sem­bra com­pa­ti­bi­le con la mo­der­ni­tà e con il fu­tu­ro.

Nel­la no­stra cit­tà si è svi­lup­pa­to, for­se per rea­zio­ne a tan­te in­giu­ste umi­lia­zio­ni e a una og­get­ti­va dif­fi­col­tà di pro­spe­ra­re in un’Ita­lia che ma­ga­ri ci in­cen­sa ma ci tra­scu­ra, una sor­ta di pa­triot­ti­smo cit­ta­di­no su cui i de­ma­go­ghi lu­cra­no, che i po­li­ti­ci sfrut­ta­no, e che la fol­la ap­plau­de. Ma Na­po­li non è una pa­tria, la no­stra pa­tria è l’Ita­lia. Co­sì co­me La Ca­pria è un gran­de scrit­to­re ita­lia­no, e ri­ven­di­ca giu­sta­men­te di es­ser­lo, in­ve­ce di es­se­re in­se­ri­to nel maz­zo in­di­stin­to de­gli «scrit­to­ri na­po­le­ta­ni», e Pi­no Da­nie­le è sta­to un pro­ta­go­ni­sta del­la mu­si­ca leg­ge­ra eu­ro­pea, e De Fi­lip­po è sta­to un gran­de del­la cul­tu­ra mon­dia­le, co­sì tut­ti noi ab­bia­mo di­rit­to a es­se­re con­si­de­ra­ti e giu­di­ca­ti per quel­lo che sia­mo e di­cia­mo, e vo­glia­mo sfug­gi­re al mar­chio del­la na­po­le­ta­ni­tà.

Na­po­li è un luo­go dell’ani­ma, una pla­cen­ta cul­tu­ra­le, una ba­lia sen­ti­men­ta­le. Non una ca­mi­cia di for­za. Non fac­cia­mo il be­ne di Na­po­li quan­do ce ne di­men­ti­chia­mo, e ma­ga­ri, fin­gen­do di amar­la, ten­tia­mo di na­scon­de­re i no­stri di­fet­ti at­tri­buen­do­li a lei.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.