Vi pre­sen­to An­ce­lot­ti È co­me uno di noi

Corriere del Mezzogiorno (Campania) - - DA PRIMA PAGINA - Di Fran­ce­sco Di Sta­sio

La cit­ta­di­nan­za ono­ra­ria è una an­ti­ca ono­ri­fi­cen­za, in vi­go­re tutt’og­gi, con­ces­sa a chi, at­tra­ver­so le sue at­ti­vi­tà, di­mo­stra un for­te le­ga­me con la cit­tá.

Fra i pri­mi a be­ne­fi­ciar­ne Phi­lo­stra­tos di An­ka­lon, un ban­chie­re pro­ve­nien­te dal­la Fi­li­stea, nel 97 a.C. L’avrà cer­ta­men­te me­ri­ta­ta, e co­mun­que sa­reb­be dif­fi­ci­le ac­cer­tar­se­ne. Ma scor­ren­do l’elen­co dei cit­ta­di­ni ono­ra­ri na­po­le­ta­ni qual­che per­ples­si­tà sov­vie­ne: Ciam­pi, Scal­fa­ro, Abu Ma­zen. E Be­ni­to Mus­so­li­ni, Gi­no Pao­li, Goc­kan In­ler, uno sviz­ze­ro-tur­co na­po­le­ta­no. Su tre in­ve­ce so­no d’ac­cor­dis­si­mo, Bru­no Pe­sao­la, il mi­ti­co Pe­tis­so, Ren­zo Ar­bo­re e Die­go Ar­man­do Ma­ra­do­na. Que­sti per­so­nag­gi non han­no so­lo da­to lu­stro al­la cit­tà, ma han­no di­mo­stra­to ap­par­te­nen­za, han­no espres­so «na­po­le­ta­ni­tà». Ma­ra­do­na ha fat­to an­che di più, in una osmo­si na­zio­na­li­sti­ca ci ha re­so ar­gen­ti­ni. Quan­ti na­po­le­ta­ni han­no ti­fa­to con­tro l’Ita­lia in quel­la fa­mo­sa par­ti­ta di Ita­lia ‘90? Tan­ti. Ma non è sta­to un ti­fo con­tro la na­zio­na­le, se mio fra­tel­lo in­dos­sa una ma­glia, io ti­fo per quel­la. Era af­fet­to ver­so Ma­ra­do­na. Die­go, uno di noi.

Ma cos’è la na­po­le­ta­ni­tà? Na­po­li è la cit­tà del­le con­trad­di­zio­ni, mi­se­ria e no­bil­tà. Poe­ti­ca e barbara, ac­co­glien­te e sfrut­tan­te, col­tis­si­ma ed igno­ran­te. Ma po­te­va non es­se­re co­sì in una cit­tà di ma­re il cui sim­bo­lo è una montagna? Sia­mo tut­ti fi­gli del Ve­su­vio. Non è fa­ci­le tro­va­re un mi­ni­mo co­mu­ne de­no­mi­na­to­re che uni­sca le tan­te di­ver­si­tà. Se do­ves­si da­re una de­fi­ni­zio­ne in una pa­ro­la, di­rei la na­po­le­ta­ni­tà è adat­ta­bi­li­tà. Tan­ti se­co­li di tra­va­gli, in­va­sio­ni, do­mi­na­zio­ni, guer­re, han­no fat­to si che il fe­no­ti­po ab­bia avu­to una gros­sa in­fluen­za sul ge­no­ti­po, si di­ce che il na­po­le­ta­no si fa sec­co ma non muo­re, no­no­stan­te il ter­re­mo­to, il co­le­ra, i go­ver­nan­ti. A vol­te ca­pi­ta che la na­po­le­ta­ni­tà, quel­la buo­na ov­via­men­te, la si tro­va an­che in un bra­si­lia­no, in un ar­gen­ti­no o in un na­ti­vo di Reg­gio­lo. Car­lo An­ce­lot­ti è adat­ta­bi­le, sim­pa­ti­co, un po’ scu­gniz­zo, ele­gan­te nel­la cit­tà dei sar­ti di lus­so, do­ve la giac­ca de­ve ave­re la spal­la mor­bi­da che si adat­ta, al­tri­men­ti non è la spal­la na­po­le­ta­na, que­sta be­ne­det­ta adat­ta­bi­li­tà. Nien­te a che ve­de­re con la tu­ta.

An­ce­lot­ti è il più na­po­le­ta­no fra gli al­le­na­to­ri Au­re­lia­ni, Sar­ri e Maz­zar­ri, fan­no an­che ri­ma, bra­vis­si­mi al­le­na­to­ri, ma nel­le in­ter­vi­ste sem­bra­no per­so­nag­gi di Pie­rac­cio­ni. Il ru­bi­con­do Be­ni­tez è chia­ra­men­te non ita­lia­no, il pre­si­den­te è più pa­rio­li­no che po­sil­li­pi­no. Car­lo in­ven­ta, spa­ri­glia, la par­ti­ta con il Li­ver­pool un ca­po­la­vo­ro da con­ser­va­re a Ca­po­di­mon­te. La cit­tà lo sen­te, co­mu­ni­ca con lui, si sen­te fi­nal­men­te rap­pre­sen­ta­ta. Lo­ren­zo è ma­tu­ra­to, più tran­quil­lo, si af­fi­da al con­cit­ta­di­no Car­let­to, usa­no lo stes­so lin­guag­gio, quel­lo dei na­po­le­ta­ni ge­nia­li. Mai ar­ro­gan­za, non ser­ve se sei for­te.

La cit­ta­di­nan­za ono­ra­ria è con­ces­sa dal po­te­re, il ti­to­lo di «na­po­le­ta­no» è per ac­cla­ma­zio­ne po­po­la­re, è in­de­le­bi­le, no­bi­lia­re, tra­man­da­bi­le. È co­me il Sir de­gli in­gle­si, Na­ple­sman. Og­gi in una ipo­te­ti­ca par­ti­ta ami­che­vo­le fra Reg­gio­lo e Na­zio­na­le Ita­lia­na, ti­fe­rei Reg­gio­lo. Si po­treb­be iro­niz­za­re, vi­sti i ri­sul­ta­ti del­la Na­zio­na­le, di­cen­do che è fa­ci­le schie­rar­si con i più for­ti. Ma non è co­sì, non è per op­por­tu­ni­smo, è per quel­lo stra­no fe­no­me­no di «osmo­si» che nel ‘90 mi fe­ce sen­ti­re ar­gen­ti­no. An­ce­lot­ti, uno di noi.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.