Non chiu­de­te quel­la por­ta che si è aper­ta al­la Sa­ni­tà

Corriere del Mezzogiorno (Campania) - - DA PRIMA PAGINA - Di An­to­nio Po­li­to

L’ul­ti­ma vol­ta che ho fir­ma­to un ap­pel­lo sa­rà sta­ta trent’an­ni fa. Ho per­so fi­du­cia nel­le mo­bi­li­ta­zio­ni a mez­zo stam­pa. Il più del­le vol­te han­no una ma­tri­ce par­ti­gia­na, un mes­sag­gio in co­di­ce crip­ta­to nel te­sto: non so­no al­tro che stru­men­ta­liz­za­zio­ni po­li­ti­che spac­cia­te per cam­pa­gne ci­vi­li. E in­ve­ce l’al­tro gior­no ho mes­so di cor­sa la mia fir­ma sot­to la pe­ti­zio­ne lan­cia­ta su chan­ge.org per sal­va­re la coo­pe­ra­ti­va so­cia­le La Pa­ran­za, per chie­de­re a Pa­pa Fran­ce­sco di non im­por­re un bal­zel­lo sul­la ge­stio­ne del­le Ca­ta­com­be di San Gen­na­ro che la stran­go­le­reb­be, but­tan­do a ma­re il la­vo­ro di die­ci an­ni. La sto­ria è no­ta, ne han­no par­la­to tut­ti i gior­na­li, le fir­me so­no già qua­si qua­ran­ta­mi­la in due gior­ni, se con­ti­nua co­sì in una set­ti­ma­na su­pe­re­ran­no le cen­to­mi­la. Non sta­rò dun­que a ri­pe­ter­la, an­che per­ché il Cor­rie­re del Mez­zo­gior­no ha in­for­ma­to con tem­pe­sti­vi­tà e pre­ci­sio­ne i suoi let­to­ri. Vo­glio pe­rò se­gna­la­re due aspet­ti il cui va­lo­re va ol­tre la sto­ria del­le Ca­ta­com­be e ri­guar­da il fu­tu­ro del­la cit­tà di Na­po­li, l’uni­co fu­tu­ro in cui pos­sa spe­ra­re. Il pri­mo pun­to è il no­me che si so­no da­ti i ra­gaz­zi, or­mai una cin­quan­ti­na, che han­no tro­va­to la­vo­ro in quel­la coo­pe­ra­ti­va, tra­sfor­man­do al­lo stes­so tem­po le Ca­ta­com­be in una at­tra­zio­ne mon­dia­le, vi­si­ta­ta l’ul­ti­mo an­no da cen­to­mi­la per­so­ne. «Pa­ran­za» è in­fat­ti una pa­ro­la tri­ste­men­te no­ta a Na­po­li, per­ché iden­ti­fi­ca i grup­pi di fuo­co ca­mor­ri­sti­ci, sem­pre più spes­so com­po­sti da mi­no­ren­ni.

I ra­gaz­zi del­la coo­pe­ra­ti­va, in­som­ma, mol­ti pro­ve­nien­ti da fa­mi­glie dif­fi­ci­li, con pa­ren­ti che han­no avu­to pro­ble­mi di giu­sti­zia, tal­vol­ta es­si stes­si se­dot­ti in pas­sa­to dal­le lu­sin­ghe del­la vi­ta cri­mi­na­le, han­no scel­to di apri­re un fron­te in se­no al po­po­lo: buo­ni con­tro cattivi, le­ga­li­tà con­tro il­le­ga­li­tà, im­pe­gno so­cia­le con­tro com­por­ta­men­to aso­cia­le. Un fat­to ri­vo­lu­zio­na­rio. So­lo se si av­via den­tro il po­po­lo na­po­le­ta­no una bat­ta­glia cul­tu­ra­le aper­ta, tra i per­be­ne e i ma­la­men­te, si può spe­ra­re in un ri­scat­to del­la cit­tà.

Il se­con­do pun­to che vor­rei sot­to­li­nea­re non ri­guar­da in­ve­ce il po­po­lo ma la bor­ghe­sia. So­no con­vin­to da tem­po, e ne ho scrit­to tan­te vol­te sul­le pa­gi­ne di que­sto giornale, che Na­po­li ab­bia bi­so­gno di una bor­ghe­sia che si sve­gli e pren­da in ma­no il de­sti­no del­la cit­tà, scen­da dal­le col­li­ne do­ra­te do­ve abi­ta, si im­mer­ga nei guai del­la cit­tà e l’aiu­ti a ti­rar­se­ne fuo­ri. Una bor­ghe­sia che sen­ta cioè co­me pro­pria una mis­sio­ne di lea­der­ship, di ege­mo­nia cul­tu­ra­le, e che aiu­ti co­sì quel­la par­te del po­po­lo che non vuo­le di­ven­ta­re ple­be, car­ne da can­no­ne per la ma­la­vi­ta. Per que­sto, nel­la mia bre­vis­si­ma — e so­stan­zial­men­te in­frut­tuo­sa — espe­rien­za da par­la­men­ta­re, nel­la le­gi­sla­tu­ra che du­rò dal 2006 al 2008, ten­tai di da­re una ma­no all’as­so­cia­zio­ne L’Al­tra Na­po­li, fon­da­ta da Er­ne­sto Al­ba­ne­se, un pro­fes­sio­ni­sta che ave­va per­so il pa­dre, un in­ge­gne­re, du­ran­te una ra­pi­na a via Co­stan­ti­no­po­li: bot­ti­no il pre­lie­vo al ban­co­mat che ave­va ap­pe­na fat­to.

Quel­la espe­rien­za non pro­vo­cò in Er­ne­sto, che al­lo­ra già vi­ve­va fuo­ri Na­po­li, un istin­to di ri­fiu­to e fu­ga che pu­re sa­reb­be sta­to com­pren­si­bi­le, ma al con­tra­rio la vo­lon­tà di de­di­car­si con tut­te le pro­prie for­ze al ri­scat­to del­la cit­tà. Pun­tan­do sui ra­gaz­zi, in­nan­zi­tut­to. Co­sì la sua as­so­cia­zio­ne ha av­via­to una se­rie di me­ra­vi­glio­si pro­get­ti di se­mi­na­gio­ne so­cia­le. Co­struen­do oa­si, co­me quel­la del­la Sa­ni­tà, dal­le qua­li le­ga­li­tà e ci­vil­tà pos­sa­no con­ta­gia­re un po’ al­la vol­ta il re­sto del tes­su­to ur­ba­no. E in­fat­ti la qua­li­tà an­che sim­bo­li­ca dell’ope­ra­zio­ne Ca­ta­com­be sta in quel­la por­ta che è sta­ta aper­ta tra la ba­si­li­ca pro­to-cri­stia­na e il rio­ne del­la Sa­ni­tà, e che fa sì che le mi­glia­ia di tu­ri­sti che van­no a vi­si­ta­re il si­to poi di­la­ghi­no nel quar­tie­re, uno dei più tor­men­ta­ti di Na­po­li, do­ve ogni gior­no si com­bat­te la bat­ta­glia tra la vio­len­za e la convivenza ci­vi­le.

Per riu­scir­ci, quel pez­zo di bor­ghe­sia na­po­le­ta­na che si è riu­ni­ta in L’Al­tra Na­po­li ha tro­va­to un fon­da­men­ta­le al­lea­to nel­la fon­da­zio­ne Con il Sud di Car­lo Bor­go­meo, che rac­co­glie l’im­pe­gno so­cia­le del­le fon­da­zio­ni ban­ca­rie, un al­tro tas­sel­lo cru­cia­le del­la sto­ria del­la bor­ghe­sia meridionale, e che ha con­tri­bu­to a fi­nan­zia­re fin dall’ini­zio la scom­mes­sa di pa­dre An­to­nio Lof­fre­do, il co­rag­gio­so e di­na­mi­co par­ro­co del rio­ne.

In die­ci an­ni di vi­ta que­sto gio­iel­lo di be­ne co­mu­ne che è sboc­cia­to in mez­zo a tan­to ma­le ha in­ve­sti­to tut­ti i pro­fit­ti nel mi­glio­ra­men­to del si­to, uno dei po­chi a Na­po­li og­gi sen­za

bar­rie­re ar­chi­tet­to­ni­che, do­ta­to di un’il­lu­mi­na­zio­ne ai Led che è all’al­tez­za di quel­la del Camp Nou a Bar­cel­lo­na, ca­pa­ce di re­cu­pe­ra­re e re­stau­ra­re gli af­fre­schi. Tut­te co­se che pri­ma non c’era­no. Ec­co, ci sen­tia­mo di chie­de­re al Va­ti­ca­no al­me­no que­sto: che nel si­ste­ma­re i con­ti del­le Ca­ta­com­be non di­men­ti­chi quei due mi­lio­ni di eu­ro che vi so­no sta­ti in­ve­sti­ti, in­sie­me al pa­tri­mo­nio uma­no che vi è cre­sciu­to. All’ini­zio del suo pon­ti­fi­ca­to, Fran­ce­sco dis­se che la sua Chie­sa sa­reb­be sta­ta un «ospe­da­le da cam­po». San­ti­tà, le pos­sia­mo ga­ran­ti­re che sul fron­te di Na­po­li non c’è un ospe­da­le da cam­po mi­glio­re di quel­lo sor­to al rio­ne Sa­ni­tà.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.