«Le mie ca­se di car­to­ne do­na­te ai clo­chard»

Con al­tri ami­ci ani­ma l’as­so­cia­zio­ne on­lus «Na­po­li 2035»

Corriere del Mezzogiorno (Campania) - - DA PRIMA PAGINA - di An­ge­lo Agrip­pa

SI chia­ma­no «Scorz’» e so­no le ca­se di car­to­ne a dop­pio stra­to, an­ti ven­to e im­per­mea­bi­li, che Giu­sep­pe D’Ales­san­dro (fo­to pic­co­la), de­si­gner di 30 an­ni, ha rea­liz­za­to e di­stri­bui­to con i suoi ami­ci del­la on­lus Na­po­li 2035 ai sen­za di­mo­ra che sta­zio­na­no nel­la Gal­le­ria e in via Ma­ri­na a Na­po­li. Un mo­do con­cre­to per aiu­ta­re chi non ha una di­mo­ra.

Il mot­to pub­bli­ca­to sul suo pro­fi­lo Fa­ce­book re­ci­ta «Nes­sun uo­mo è un’iso­la, io so­no il ma­re». Al­tro che He­ming­way e il poe­ta John Don­ne. Il de­si­gner Giu­sep­pe D’Ales­san­dro vi­ve la sua si­ned­do­che esi­sten­zia­le fa­cen­do vi­bra­re le cor­de (e le ma­ni) te­se del­la so­li­da­rie­tà. Fi­no a sognare di tra­sfor­mar­si in un ma­re di ab­brac­ci av­vol­gen­ti. Per­ciò ha di­se­gna­to una ca­set­ta di car­to­ne a dop­pio stra­to, eco­com­pa­ti­bi­le e re­si­sten­te al ven­to, al fuo­co e all’ac­qua, per i clo­chard. E con i suoi ami­ci del­la as­so­cia­zio­ne no-pro­fit Na­po­li 2035 (An­to­nio Al­tie­ri, Mo­ni­ca Mi­nel­li, Igor Di Mau­ro, Mi­che­la Sar­na­ta­ro, Ila­ria Feo­la: tut­ti, co­me lui, di Som­ma Ve­su­via­na) ne ha di­stri­bui­te, sa­ba­to scor­so, al­cu­ne de­ci­ne tra i sen­za fis­sa di­mo­ra del­la Gal­le­ria Um­ber­to I e di via Ma­ri­na a Na­po­li.

Si chia­ma Scorz’, in na­po­le­ta­no, per ri­chia­ma­re la buc­cia pro­tet­ti­va di un cor­po. Una se­con­da pel­le per chi non ha un tet­to. «Pri­ma di con­se­gnar­le, ci sia­mo con­fron­ta­ti con i clo­chard — rac­con­ta — . Ab­bia­mo vo­lu­to con­di­vi­de­re l’idea con chi poi sa­reb­be sta­to il de­sti­na­ta­rio se­re os­ses­sio­na­ti dal pro­ta­go­ni­smo in­di­vi­dua­le. Per quel­la da­ta mi pia­ce im­ma­gi­na­re che tor­ne­re­mo a col­ti­va­re re­la­zio­ni so­cia­li, a guar­dar­ci in­tor­no e a ri­co­no­sce­re noi ne­gli al­tri, non nel­le fo­to di noi stes­si». Na­po­li 2035 è an­che il ti­to­lo di una gra­phic no­vel, un fu­met­to in­te­rat­ti­vo, una sto­ria di fan­ta­scien­za am­bien­ta­ta nel­la cit­tà del fu­tu­ro, il cui pri­mo ca­pi­to­lo è sta­to di­se­gna­to dal ber­li­ne­se Ja­sper Pre­cht. «Chiun­que si col­le­ghi al no­stro si­to Na­po­li2035.it può im­ma­gi­na­re e as­se­gna­re un epi­lo­go di­ver­so al rac­con­to. Che for­se di­ven­te­rà ad­di­rit­tu­ra un film. Ja­sper l’ho co­no­sciu­to a Ber­li­no. Do­po Pa­ri­gi mi re­cai nel­la ca­pi­ta­le te­de­sca per com­ple­ta­re la te­si di lau­rea e lì ho par­te­ci­pa­to al­le at­ti­vi­tà di vo­lon­ta­ria­to a fa­vo­re dei sen­za fis­sa di­mo­ra: di­stri­bui­vo pa­sti e co­per­te. È lì che ho spe­ri­men­ta­to le pri­me ca­set­te di car­to­ne».

L’im­ma­gi­na­zio­ne è lo sten­dar­do di li­ber­tà che Giu­sep­pe agi­ta più spes­so men­tre par­la. Ad ogni gi­ro di pa­ro­le, ec­co che la for­za im­pe­tuo­sa del­la fan­ta­sia riap­pa­re co­me un in­no al so­gno che di­ven­ta real­tà. «Im­ma­gi­nar­si un fu­tu­ro mi­glio­re è un do­ve­re di noi tut­ti — con­fer­ma —. Ma mi chie­do se chi, co­me un clo­chard, è co­stret­to a lot­ta­re gior­no per gior­no per so­prav­vi­ve­re, ab­bia an­co­ra l’ener­gia per im­ma­gi­na­re un fu­tu­ro». La sua, quel­la dei tren­ten­ni, è una ge­ne­ra­zio­ne che com­bat­te una guer­ra di­spe­ra­ta: quel­la del la­vo­ro che non c’è e del fu­tu­ro ava­ro di pro­po­ste e, a vol­te, per­si­no di spe­ran­ze. Ed è evi­den­te che è un ri­ver­be­ro di em­pa­tia a con­net­te­re pe­ri­fe­rie esi­sten­zia­li e sen­si­bi­li­tà co­mu­ni. «La ma­lin­co­nia, che tut­ta­via non è tri­stez­za, ap­par­tie­ne ad una fa­se suc­ces­si­va a quel­la del­la rab­bia — con­ti­nua il de­si­gner — che vie­ne pri­ma di ogni al­tro sen­ti­men­to. Ed è que­sta la piat­ta­for­ma

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.