Adot­ta­te chiun­que Ma non un fi­lo­so­fo

Corriere del Mezzogiorno (Campania) - - DA PRIMA PAGINA - Di An­to­nio Po­li­to

Se do­ves­si spie­ga­re l’Eu­ro­pa ai miei fi­gli, so­no one­sto, non adot­te­rei un fi­lo­so­fo. Non me ne vo­glia­no i quat­tro ac­ca­de­mi­ci, Bia­gio de Gio­van­ni, Al­do Ma­sul­lo, Ful­vio Tes­si­to­re e Vin­cen­zo Vi­tiel­lo, che si so­no me­ri­to­ria­men­te pre­sta­ti a fa­re da te­sti­mo­nial di una cam­pa­gna di edu­ca­zio­ne ci­vi­ca per ses­san­ta scuo­le, pro­mos­sa dal­la Fon­da­zio­ne Cam­pa­nia dei Fe­sti­val, e che do­vreb­be ser­vi­re a con­vin­ce­re i no­stri gio­va­ni del­la bon­tà del pro­get­to eu­ro­peo. Per ca­ri­tà, si trat­ta di cat­te­dra­ti­ci di gran­de eru­di­zio­ne e sa­pien­za. Ma l’idea che l’Eu­ro­pa sia qual­co­sa che ha a che fa­re prin­ci­pal­men­te con il mon­do del­le idee è for­se una del­le cau­se prin­ci­pa­li del­la sua cri­si odier­na.

E l’os­se­quio al­la fi­lo­so­fia co­me re­gi­na del­le di­sci­pli­ne uma­ni­sti­che è an­che il prin­ci­pa­le di­fet­to del­la cul­tu­ra par­te­no­pea, co­sì iden­ti­fi­ca­ta­si nel tem­po con i vo­li pin­da­ri­ci e l’em­pi­reo pla­to­ni­co da es­ser­si pro­gres­si­va­men­te se­pa­ra­ta dal­la real­tà, fi­nen­do per ve­ni­re per­ce­pi­ta co­me estra­nea e ari­sto­cra­ti­ca dal­la gen­te co­mu­ne, co­mun­que inu­ti­le per le sor­ti col­let­ti­ve del­la no­stra co­mu­ni­tà, e in­fat­ti ge­ne­ral­men­te ina­scol­ta­ta. D’al­tra par­te i quat­tro fi­lo­so­fi che si pro­pon­go­no per l’ado­zio­ne so­no da mol­to tem­po tra i prin­ci­pa­li opi­nion ma­kers, co­strut­to­ri di opi­nio­ne, nel­la no­stra cit­tà. Han­no spie­ga­to già a lun­go sul­le co­lon­ne dei gior­na­li e nel­le au­le par­la­men­ta­ri il va­lo­re di eman­ci­pa­zio­ne del­la cul­tu­ra, il di­sva­lo­re del­la de­ma­go­gia po­pu­li­sta, la ne­ces­si­tà per Na­po­li di es­se­re cit­tà eu­ro­pea, e non si può di­re che la lo­ro pre­di­ca­zio­ne ab­bia da­to fin qui gran­di frut­ti, ahi­noi.

Ci spie­ghia­mo ogni gior­no che all’ori­gi­ne del ri­fiu­to dell’Eu­ro­pa c’è una frat­tu­ra tra éli­te e po­po­lo. Vo­glia­mo pro­va­re a ri­cu­cir­la man­dan­do avan­ti la più so­fi­sti­ca­ta del­le no­stre éli­te, quel­le ac­ca­de­mi­ca?

Non ri­co­min­ce­rei dun­que dav­ve­ro dai fi­lo­so­fi, per ri­lan­cia­re l’Eu­ro­pa. Ma­ga­ri dai bo­ta­ni­ci. Si tie­ne og­gi a Mo­no­po­li, in Pu­glia, una ma­ni­fe­sta­zio­ne con­tro la Xy­lel­la. Ec­co. Non c’è ca­so più chia­ro per ca­pi­re a che ser­ve l’Eu­ro­pa. Se l’aves­si­mo ascol­ta­ta, e aves­si­mo ascol­ta­ti gli scien­zia­ti che a suo no­me par­la­va­no, avrem­mo già de­bel­la­to un bat­te­rio che si sta man­gian­do gli et­ta­ri più bel­li e più ric­chi del­la no­stra cam­pa­gna, pro­du­cen­do uno scem­pio che ci sia­mo pro­cu­ra­ti con le no­stre ma­ni, noi me­ri­dio­na­li, ri­fiu­tan­do­ci di fa­re ciò che an­da­va fat­to, e su­bi­to. Scuo­le, adot­ta­te un bo­ta­ni­co, dun­que. O adot­ta­te un in­ge­gne­re. Uno di quel­li che con i fon­di eu­ro­pei han­no co­strui­to la me­tro­po­li­ta­na na­po­le­ta­na, una del­le po­che co­se che di­stin­gue og­gi la no­stra cit­tà da quel­la che era al­la fi­ne dal­la guer­ra.

Vo­glio di­re che se vo­glia­mo ri­da­re un sen­so all’idea di Eu­ro­pa ci ser­ve spie­ga­re ai cit­ta­di­ni che co­sa ha fat­to per noi e che co­sa può fa­re an­co­ra: qual­co­sa di con­cre­to, una con­ve­nien­za, un fat­to. Per quan­to in­fat­ti le idee pla­to­ni­che spie­ga­te da Be­ne­det­to Cro­ce al­la cuo­ca sia­no pa­ra­go­na­bi­li a ca­cio­ca­val­li ap­pe­si, pur­trop­po non si man­gia­no. E og­gi nel sud non puoi pro­por­re una qual­sia­si op­zio­ne po­li­ti­ca o eti­ca che non sia in gra­do di sfa­ma­re an­che il bi­so­gno di svi­lup­po e di be­nes­se­re che si man­gia le no­stre ter­re, e le ha in­cat­ti­vi­te al pun­to da con­se­gnar­si ai de­ma­go­ghi di ogni ri­sma.

Adot­ta­te un eco­no­mi­sta, che pos­sa spie­ga­re ai no­stri ra­gaz­zi per­ché se aves­si­mo an­co­ra la li­ra il red­di­to dei na­po­le­ta­ni sa­reb­be an­che più bas­so di quel­lo che è og­gi, e per­ché se non è cre­sciu­to non è col­pa dell’eu­ro. Adot­ta­te un me­di­co, che spie­ghi per­ché da quan­do esi­sto­no stan­dard eu­ro­pei per l’igie­ne ali­men­ta­re si muo­re me­no (an­che se a Na­po­li si muo­re più che a Mi­la­no, ma que­sta è col­pa dell’Ita­lia, che non è ab­ba­stan­za eu­ro­pea). Adot­ta­te un cal­cia­to­re, co­sì che ri­sul­ti chia­ro che chiun­que og­gi vo­glia com­pe­te­re e vin­ce­re de­ve far­lo in Eu­ro­pa, e per que­sto ci te­nia­mo tan­to al­la Cham­pions. Adot­ta­te un can­tan­te, che ci rac­con­ti co­me il lo­cal og­gi pos­sa ave­re suc­ces­so di­ven­tan­do glo­bal, che si può can­ta­re in na­po­le­ta­no co­me Pi­no Da­nie­le e sfon­da­re in In­ghil­ter­ra. Adot­ta­te un in­se­gnan­te, che di­ca ai no­stri stu­den­ti per­ché è im­por­tan­te che pos­sa­no com­ple­ta­re i lo­ro stu­di in un al­tro pae­se eu­ro­peo, fa­re un Era­smus, an­da­re a Lon­dra sen­za il vi­sto che sa­rà ri­chie­sto dal­la Bre­xit.

Adot­ta­te chiun­que ma, per fa­vo­re, non un fi­lo­so­fo. È dal­la fi­ne del Me­dioe­vo che al­tri sa­pe­ri han­no pre­val­so sul­la me­ta­fi­si­ca e sul­la teo­lo­gia, to­glien­do lo scet­tro al­la fi­lo­so­fia e tra­sfor­man­do­la in an­cel­la. Il Ri­na­sci­men­to è sta­to scien­za e ar­te, Leo­nar­do e Cri­sto­fo­ro Co­lom­bo al po­sto di Ari­sto­te­le e Tom­ma­so d’Aqui­no. Per quan­ti sfor­zi la fi­lo­so­fia pos­sa fa­re nel ten­ta­ti­vo di spie­ga­re la se­pa­ra­zio­ne del mon­do in­tel­le­gi­bi­le dal mo­do sen­si­bi­le, è il mon­do sen­si­bi­le che in­te­res­sa ai no­stri ra­gaz­zi. Ba­sta dun­que fi­lo­so­fi. A Na­po­li ne ab­bia­mo già avu­ti ab­ba­stan­za.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.