An­ce­lot­ti a Sal­vi­ni: «Il raz­zi­smo non è go­liar­dia»

An­ce­lot­ti: se si vuo­le ri­sol­ve­re lo si fa E re­pli­ca a Sal­vi­ni: as­sur­do par­la­re di go­liar­dia a San Si­ro Nes­su­no si è di­ver­ti­to

Corriere del Mezzogiorno (Campania) - - DA PRIMA PAGINA - di Mo­ni­ca Scoz­za­fa­va

Dif­fi­ci­le di­re se cin­que par­ti­te pos­sa­no es­se­re tan­te o ad­di­rit­tu­ra po­che per rag­giun­ge­re l’obiet­ti­vo. Il tem­po giu­sto, nel cal­cio, lo det­ta il cam­po e sta­se­ra al San Pao­lo va in sce­na il pri­mo round. La Cop­pa Ita­lia con­tro il Sas­suo­lo è per Car­lo An­ce­lot­ti un tor­neo che il Na­po­li ha i mez­zi e le pos­si­bi­li­tà per vin­ce­re.

La sfi­da nel­la sfi­da sta nel fat­to che da quat­tro an­ni è un ti­to­lo (an­che que­sto) che ap­par­tie­ne al­la Ju­ven­tus e il re di Cop­pe vuo­le spez­za­re la tra­di­zio­ne.

«In cin­que ga­re puoi far be­ne e ar­ri­va­re si­no in fon­do, sa­pen­do pe­rò che ba­sta po­co per usci­re. Sia­mo con­cen­tra­ti, que­sto è il no­stro pri­mo obiet­ti­vo. Par­tia­mo al­la pa­ri con tut­ti e, co­si co­me sa­rà in Eu­ro­pa Lea­gue, di­pen­de da noi. In cam­pio­na­to, è ve­ro, sia­mo un po’ in­die­tro».

Si ri­co­min­cia, dun­que, con il cal­cio gio­ca­to. An­che se gli stra­sci­chi del Bo­xing Day so­no po­le­mi­che an­co­ra vi­ve ri­spet­to a un te­ma, il raz­zi­smo, che ap­pas­sio­na tut­ti ma al tem­po stes­so di­vi­de. Ad An­ce­lot­ti il me­ri­to al­la coe­ren­za, ol­tre che al­la di­spo­ni­bi­li­tà a chia­ri­re an­co­ra una vol­ta la sua po­si­zio­ne. Par­ten­do, sta­vol­ta, da un al­tro pre­sup­po­sto, an­che que­sto sa­cro­san­to.

«Sem­bra che il raz­zi­smo sia un pro­ble­ma del Na­po­li ma è un pro­ble­ma del cal­cio ita­lia­no», co­me a sot­to­li­nea­re, lad­do­ve ce ne fos­se an­co­ra bi­so­gno, che la bat­ta­glia cul­tu­ra­le di cui si è fat­to por­ta­vo­ce rap­pre­sen­ta un mo­to di ci­vil­tà di cui tut­to il cal­cio ita­lia­no ha bi­so­gno. E gli epi­so­di di ie­ri all’Olim­pi­co ne so­no ot­ti­ma te­sti­mo­nian­za. «È un fe­no­me­no - di­ce il tec­ni­co emi­lia­no - de­bel­la­to in gran par­te de­gli al­tri pae­si, noi sia­mo in­die­tro ma non ci dob­bia­mo sco­rag­gia­re, il po­po­lo ita­lia­no è in­tel­li­gen­te e crea­ti­vo, ci vuo­le vo­lon­tà di ri­sol­ver­lo e si ri­sol­ve­rà. Si è svi­lup­pa­to un di­bat­ti­to, c’è sta­ta una sol­le­va­zio­ne po­po­la­re, poi ognu­no ha una sua po­si­zio­ne a ri­guar­do».

E poi sot­to­li­nea: «È in­com­pren­si­bi­le che an­co­ra og­gi i co­ri raz­zi­sti sia­no de­fi­ni­ti go­liar­die. A San Si­ro nes­su­no si è di­ver­ti­to». Il ri­fe­ri­men­to al mi­ni­stro Sal­vi­ni è evi­den­te, ma An­ce­lot­ti ini­zia l’an­no sen­za al­cu­na po­le­mi­ca, ri­ba­den­do la li­nea del Na­po­li: «Chie­dia­mo il ri­spet­to del pro­to­col­lo, l’in­ter­ru­zio­ne del­le par­ti­te in se­gui­to ai buu. Nes­su­no di­ce che vuo­le an­dar­se­ne, ma esi­gia­mo che le re­go­le esi­sten­ti sia­no ap­pli­ca­te».

Pun­to, sta­se­ra al San Pao­lo in cam­po ci sa­rà il pro­ta­go­ni- sta in­vo­lon­ta­rio de­gli in­sul­ti di San Si­ro. «È se­re­no - ras­si­cu­ra An­ce­lot­ti - e aspet­ta l’esi­to del ri­cor­so».

La cop­pa Ita­lia ini­zia nel bel mez­zo di un ina­spet­ta­to tur­ba­men­to di mer­ca­to per Il Na­po­li. Pa­ri­gi, Al­lan e le of­fer­te fa­rao­ni­che che pe­rò an­co­ra non so­no ar­ri­va­te. An­ce­lot­ti non ha par­ti­co­la­ri ti­mo­ri ri­spet­to all’even­tua­li­tà che pos­sa per­de­re uno dei suoi gio­iel­li più pre­gia­ti. «Stia­mo va­lu­tan­do con la so­cie­tà la ces­sio­ne in pre­sti­to di un giocatore e non ne­go pos­sa es­se­re Rog. Con­tro il Sas­suo­lo Al­lan non gio­ca per­ché co­me Ospi­na è tor­na­to dal Su­da­me­ri­ca con due gior­ni di ri­tar­do, per un per­mes­so. E dun­que non co­min­cia la par­ti­ta. Non cre­do pos­sa suc­ce­de­re qual­co­sa sul mer­ca­to, non te­mo di per­der­lo. Que­sta so­cie­tà e squa­dra so­no de­sti­na­te a cre­sce­re an­che per il fu­tu­ro. In esta­te ab­bia­mo pun­ta­to su gio­va­ni co­me, Me­ret, Ruiz, Ver­di e You­nes. Con la lo­ro cre­sci­ta e gl’in­se­ri­men­ti giu­sti in esta­te sa­li­re­mo an­co­ra di li­vel­lo».

Vo­glia di mi­glio­ra­re dun­que, par­ten­do da un’al­tra sag­gia e lea­le con­sa­pe­vo­lez­za: «Fin qui nes­su­no ha an­co­ra da­to il cen­to per cen­to». Chia­mia­mo­la pu­re spin­ta mo­ti­va­zio­na­le del lea­der cal­mo.

È in­com­pren­si­bi­le che an­co­ra og­gi i co­ri raz­zi­sti sia­no de­fi­ni­ti uno scher­zo In cam­po nes­su­no si è di­ver­ti­to È un fe­no­me­no de­bel­la­to in gran par­te de­gli al­tri Pae­si Noi sia­mo in ri­tar­do ma non ci dob­bia­mo sco­rag­gia­re

In cam­poA de­stra An­ce­lot­ti in­co­rag­gia Kou­li­ba­ly a San Si­ro: a si­ni­stra Al­lan con­tro il Li­ver­pool

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.