Ma­tri­mo­nio Que­stio­ne di for­za

Corriere del Mezzogiorno (Campania) - - DA PRIMA PAGINA - di An­na Pao­la Me­ro­ne

In fon­do il ma­tri­mo­nio è tut­ta una que­stio­ne di for­za. L’equi­li­brio di una cop­pia è nei ri­sul­ta­ti con­se­gui­ti do­po una se­rie di pro­ve che si com­pio­no quo­ti­dia­na­men­te. «Nè vin­ci­to­ri, né vin­ti...» can­ta­va Ari­sa, con una me­lan­co­nia che non ren­de giu­sti­zia al­le po­ten­zia­li­tà di una unio­ne che può of­fri­re dav­ve­ro sor­pre­se in­te­res­san­ti.

L’im­por­tan­te è tro­va­re le le­ve giu­ste, quel­le van­tag­gio­se, per am­pli­fi­ca­re le pro­prie po­ten­zia­li­tà. E si po­treb­be ri­par­ti­re dal re­cu­pe­ro dei ruo­li: cia­scu­no in un ma­tri­mo­nio de­ve fa­re la pro­pria par­te, con­si­de­ran­do la pos­si­bi­li­tà di scen­de­re a qual­che com­pro­mes­so e di re­cu­pe­ra­re mar­gi­ni di una tra­di­zio­ne che non spia­ce. Del re­sto se ci si spo­sa è per af­fron­ta­re un ri­to di pas­sag­gio an­ti­chis­si­mo. Si po­treb­be con­vi­ve­re, si po­treb­be sot­to­scri­ve­re un pat­to di fron­te ad un uf­fi­cia­le di Sta­to ci­vi­le per ga­ran­ti­re i di­rit­ti e i do­ve­ri re­la­ti­vi ad una con­vi­ven­za e al­la tu­te­la dei be­ni in co­mu­ne. Ma in­ve­ce so­no an­co­ra in tan­ti quel­li che in­dos­sa­no il ri­tua­le abi­to del­la fe­sta e pro­nun­cia­no «sì» da­van­ti a un sa­cer­do­te o al sin­da­co, fra pa­ren­ti esul­tan­ti e ami­ci pron­ti a fa­re la stes­sa scel­ta. Per ot­te­ne­re il di­rit­to a spo­sar­si si so­no a lun­go bat­tu­te le cop­pie omo­ses­sua­li, chie­den­do pa­ri­tà di trat­ta­men­to e con­fer­man­do l’inos­si­da­bi­li­tà di un’ isti­tu­zio­ne tra­sver­sa­le. «Noz­ze, tri­bu­na­li ed are» scri­ve­va Ugo Fo­sco­lo, a con­fer­ma­re la ne­ces­si­tà di po­ter con­ta­re, nel­la so­cie­tà, su una se­rie di pun­ti fer­mi. In­som­ma le noz­ze re­sta­no una co­sa se­ria, so­prat­tut­to nel Mez­zo­gior­no. E tut­te le co­se se­rie ruo­ta­no in­tor­no ad equi­li­bri com­ples­si che ven­go­no ge­ne­ral­men­te ga­ran­ti­ti dal sod­di­sfa­ci­men­to di esi­gen­ze pic­co­le. Ci si è scel­ti per­ché so­spin­ti da un gran­de amo­re, si fi­ni­sce per li­ti­ga­re sul tap­po del den­ti­fri­cio. Si met­te su ca­sa per­ché tra­vol­ti dall’idea di rea­liz­za­re in­sie­me un pro­get­to di vi­ta, ci si ri­tro­va a di­scu­te­re del co­lo­re dei cu­sci­ni del di­va­no. Le in­si­die quo­ti­dia­ne di un’ unio­ne che pre­sen­ta sva­ria­ti ri­schi so­no mol­te­pli­ci: ci si spo­sa co­me una vol­ta, ma ci si muo­ve in una so­cie­tà pro­fon­da­men­te dif­fe­ren­te da quel­la in cui vi­ve­va­no i no­stri non­ni e an­che i no­stri ge­ni­to­ri.

Vi­via­mo in ca­se più pic­co­le, ab­bia­mo una se­rie di esi­gen­ze so­cia­li che una vol­ta era­no va­li­de so­lo per le gio­va­ni cop­pie sen­za fi­gli o per quel­le con un co­té mon­da­no so­li­dis­si­mo, si la­vo­ra con rit­mi in­ten­si e si di­spo­ne di una re­te di aiu­ti fa­mi­lia­ri mol­to me­no ef­fi­ca­ce di quel­la di un tem­po. Il qua­dro è pro­fon­da­men­te cam­bia­to, ma le coor­di­na­te del ma­tri­mo­nio re­sta­no, im­bri­glia­te nel rit­mo sin­co­pa­to di esi­sten­ze dro­ga­te dall’in­va­den­za dei so­cial e da mo­del­li po­co rea­li. Le gio­va­ni spo­se sfo­glia­no su In­sta­gram gli scat­ti di Wan­da Na­ra o di Chia­ra Fer­ra­gni men­tre i no­vel­li ma­ri­ti, si sen­to­no più «eso­ti­ci» di Mau­ro Icar­di o di Fe­dez.

In real­tà le vi­te di tut­ti i gior­ni, an­che quel­le del­le cop­pie pa­ti­na­te, so­no co­stel­la­te da vi­cen­de esi­sten­zia­li che van­no ben ol­tre uno scat­to, una fo­to da po­sta­re, una spiag­gia bian­ca e lon­ta­na.E la for­za da met­te­re in cam­po è pro­prio que­sta: di­ver­tir­si a cer­ca­re una ri­cet­ta pos­si­bi­le da rea­liz­za­re con tut­ti gli in­gre­dien­ti di una vi­ta a due. È com­pli­ca­to, ma è una sfi­da in­te­res­san­te. L’in­na­mo­ra­men­to e l’amo­re se­con­do al­cu­ni so­no di­men­sio­ni emo­ti­ve a tem­po: do­po un po’ gli en­tu­sia­smi si af­fie­vo­li­sco­no. Ma se si ha un pro­get­to bel­lo e im­por­tan­te da con­di­vi­de­re al­lo­ra si di­spo­ne di una mal­ta im­por­tan­te, in gra­do di te­ne­re in­sie­me i pez­zi di una vi­ta in­te­ra.

Nel giu­sto equi­li­brio Le noz­ze re­sta­no una co­sa se­ria so­prat­tut­to al Sud, un pro­get­to bel­lo da con­di­vi­de­re

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.