Corriere del Mezzogiorno (Campania)

Dai barconi ai balconi E il Paese si ritrovò unito

- di Marco Marsullo

Il passo dai barconi, con la erre, a quello con la elle, balconi, è stato rapido. È bastato un capovolgim­ento di fronte, essere noi quelli non desiderati nel resto del mondo.

È bastato per unire l’intera nazione in un rito che, da un

paio di giorni, viene salutato con gioia, commozione ma anche con diffidenza e polemiche. Le cantate dai balconi. Personalme­nte, mi emozionano, ma non distolgono la mia attenzione da quello che è il mio dovere di cittadino (cioè: restare in casa) e da ciò che è davvero importante, ora (e cioè gli ospedali e chiunque ci sia dentro, malati, medici

e infermieri). È bello che in Italia si respiri unità. Fondamenta­le.

Non conta che in altri momenti non l’abbiamo avuta e che, forse, quando tutto questo sarà finito torneremo cordialmen­te a schifarci (anche se io penso che questa epidemia cambierà per sempre il futuro dell’Italia e del mondo, in meglio). Ciò che conta è

che la gente, dalle proprie case, ha voglia di sentirsi vicina. Esprimere quello che ha dentro al cuore ed esorcizzar­e la solitudine. Siamo una grande nazione, un grande Paese, fatto di rocce e mare, eroi e artisti, ma soprattutt­o fatto di persone che sanno soffrire. Nello stesso tempo, però, possiamo cantare l’Inno di Mameli quanto ci pare fuori ai nostri terrazzi, ma le due vere battaglie si combattono dentro di noi e negli ospedali. Ho visto su Facebook un video di strade affollate a Secondigli­ano. Vi prego, ancora, signori: state a casa. Altrimenti complicher­emo molto le cose a quegli eroi che, negli ospedali, stanno provando a salvare vite come nel bel mezzo di in una guerra.

Queste, ora, sono le nostre battaglie. Dimostriam­o la vera solidariet­à al personale ospedalier­o standocene a casa. Fosse anche per un mese, un mese e mezzo. Lo dobbiamo a chi, per davvero, sta salvando la vita all’Italia. Fatto il nostro dovere: cantiamo quanto ci pare. Fino a riempire il silenzio delle nostre strade.

 ??  ??
 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy