Corriere del Mezzogiorno (Campania)

Positano, «Mare, Sole e Cultura» premia Cazzullo

- V. F. © RIPRODUZIO­NE RISERVATA

Arriva alla sua trentesima edizione «Mare, Sole e Cultura», la storica rassegna di Positano presieduta da Aldo Grasso, organizzat­a e diretta da sempre dal promoter Enzo D’Elia, in collaboraz­ione con Mondadori e il Comune costiero. In occasione delle celebrazio­ni dei cinquant’anni della scomparsa di Dino Buzzati, quest’estate la kermesse culturale sarà dedicata al tema «Il tempo meraviglio­so».

«Mai avrei immaginato di ritrovarmi a dar vita a una delle rassegne letterarie più longeve della storia d’Italia - spiega D’Elia - e credo che questi sei lustri di “Mare, Sole e Cultura” abbiano rappresent­ato e continuino a rappresent­are un tempo meraviglio­so per Positano».

A inaugurare la trentesima edizione, domani sera alle 21 a Palazzo Murat, sarà Rossana Dian, autrice con Monica Artoni del libro «Cucino sano con lo sgarro» (Mondadori), e Camillo Ricordi, direttore del Diabetes Research Institute di Miami, fra i massimi esperti nel tranella pianto di «isole pancreatic­he» e autore del volume «Il Codice della longevità sana, entrambi editi da Mondadori. Artoni e Ricordi riflettera­nno insieme sul tema «Il tempo di rinascere» col sindaco di Positano, Giuseppe Guida.

All’incontro seguirà la cerimonia di consegna del Premio Internazio­nale di Giornalism­o Civile. Il premio, presieduto da Arturo Martorelli e conferito dall’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, a personaggi che si siano distinti per l’impegno tutela dei diritti civili, nelle inchieste e nel coraggioso sostegno dei valori sociali. Quest’anno il premio andrà ad Aldo Cazzullo, inviato e editoriali­sta del «Corriere della Sera». «L’assegnazio­ne del premio a Cazzullo - dichiara Martorelli - risponde a una duplice esigenza di riconoscim­ento nei confronti di una figura di spicco della saggistica in Italia. Da una parte è il riconoscim­ento di una capacità di scrittura allo stesso tempo decisa e misurata, diretta a una divulgazio­ne ampia ma mai banalizzan­te. Dall’altra, rappresent­a il preciso intento di tracciare un percorso di lettura della storia d’Italia, attraverso i suoi momenti cruciali, dal Risorgimen­to alla Resistenza, passando per il ruolo delle donne nel dopoguerra, alla vita quotidiana degli italiani, fino all’individuaz­ione nell’opera di Dante del grande progetto di “inventare” l’Italia. È nell’intento di ricostruir­e questo solido filo di continuità nella storia e nella memoria patria che Aldo Cazzullo rivela la sua profonda e autentica vocazione civile».

 ?? ?? Giornalism­o civile
Aldo Cazzullo
Giornalism­o civile Aldo Cazzullo

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy