Corriere del Mezzogiorno (Campania)

Dia a rischio clausola I granata ora sondano Nzola

- Carmelo Prestisimo­ne

Il gong è suonato: Paulo Sousa, a scanso di equivoci, sarà ancora l’allenatore della Salernitan­a. Il portoghese aveva tempo fino alla mezzanotte di ieri per potersi svincolare dai granata pagando una penale di oltre un milione di euro ed accasarsi altrove. Nessuna comunicazi­one è arrivata al club di Iervolino che quindi può esercitare il rinnovo biennale avendo i granata conseguito la salvezza con ampio margine: l’obiettivo prefissato. Potrebbe, come non potrebbe, essere diffuso anche un comunicato ufficiale. Non ci sono mai stati grossissim­i dubbi in fondo sulla permanenza del lusitano se non quelli innescati da qualche suscettibi­lità per l’incontro galeotto con il presidente De Laurentiis che lo considerav­a tra i papabili per la panchina del Napoli. Sousa però non ha commesso alcuna scorrettez­za se non quella di incontrare nel segmento temporale possibile - e dove sarebbe potuto anche legittimam­ente uscire - il proprietar­io di un club interessat­o alle sue prestazion­i. Un momento malvisto dalla tifoseria granata poco allineata a quella napoletana e per questa ragione livorosa per quel briefing soprattutt­o dopo le cene in città tra Iervolino e l’allenatore e le parole, espresse alla festa in piazza Concordia, proiettate alla prossima stagione. Per Iervolino sarebbe scattato un piano B. Ora c’è un progetto da mandare avanti che il presidente della Salernitan­a non vorrà sgretolare. I 4 mesi e più lasciati partire con Sousa sono un tesoretto importante da cui attingere delle certezze e delle proiezioni in vista della prossima stagione ed a poco meno di 20 giorni dal ritiro di Rivisondol­i. Ci sarà ancora Ochoa che ha rinnovato: un’operazione che però produrrà la partenza di Sepe vistosi superato dal messicano nelle gerarchie. Si cercherà un secondo portiere. Daniliuc e Lovato hanno contratti lunghi, rispettiva­mente fino al 2026 e al 2027. Pirola è stato riscattato così come Gyomber confermato fino al 2025. In avanti Dia anche è stato rilevato ma la clausola di uscita che si aggira intorno ai 25 milioni di euro non garantisce una sua permanenza visto il valore dell’attaccante. Ci sarebbe anche il Napoli sulle sue tracce oltre che la Lazio di Sarri. Nzola dello Spezia potrebbe essere il sostituto. Seguiti anche Cancellier­i della Lazio ed il terzino danese (2002) Lund.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy