1940, con il nuo­vo co­di­ce il pro­ces­so ita­lia­no va in cri­si

Tor­na in li­bre­ria «Pie­ro Ca­la­man­drei e la pro­ce­du­ra ci­vi­le» di Franco Ci­pria­ni

Corriere del Mezzogiorno (Puglia) - - Cultura - Ales­san­dra Ben­ve­nu­to © RIPRODUZIONE RISERVATA

Men­tre com­pie un ven­ten­nio di ri­cer­che sul­la storia del co­di­ce e sul­le «sto­rie» che si svol­se­ro tra i Pa­dri del­la pro­ce­du­ra ci­vi­le ita­lia­na, Franco Ci­pria­ni pub­bli­ca con le Edi­zio­ni Scien­ti­fi­che Ita­lia­ne una nuo­va edi­zio­ne di Pie­ro Ca­la­man­drei e la pro­ce­du­ra ci­vi­le, am­plia­ta da re­cen­ti sag­gi e do­cu­men­ti, al­cu­ni tra i qua­li rac­con­ta­no dei rap­por­ti di Pie­ro Ca­la­man­drei con il fi­glio Franco: uno dei pro­ta­go­ni­sti dell’at­ten­ta­to di via Ra­sel­la, che si com­pì il 23 mar­zo di 66 an­ni fa, pro­vo­can­do la mor­te di 32 sol­da­ti te­de­schi e di al­cu­ni ita­lia­ni. Il gior­no do­po i na­zi­sti uc­ci­se­ro 325 ita­lia­ni al­le Fos­se Ar­dea­ti­ne.

E’ cu­rio­so che un pro­ces­sua­li­sta si oc­cu­pi di via Ra­sel­la. Ep­pu­re Ci­pria­ni con­fes­sa che ci sta­va pen­san­do da un sac­co di tem­po. « Ri­ten­go che quel­la vi­cen­da ab­bia in­flui­to non po­co su quel­lo che Pie­ro Ca­la­man­drei fe­ce do­po la guer­ra. So­no sta­te pa­gi­ne sof­fer­te. Per­ché è un ar­go­men­to mol­to de­li­ca­to ». Ha cer­ca­to di es­se­re il più pos­si­bi­le obiet­ti­vo, con l’au­si­lio di un ric­chis­si­mo ap­pa­ra­to do­cu­men­ta­rio: « Chi po­te­va im­ma­gi­na­re - spie­ga - che i pa­ren­ti del­le vit­ti­me di via Ra­sel­la aves­se­ro fat­to cau­sa per i dan­ni non so­lo a Franco Ca­la­man­drei, ma an­che ai suoi com­pa­gni e ai co­sid­det­ti man­dan­ti, Amen­do­la, Bauer e Per­ti­ni? ». Ep­pu­re la cau­sa ar­ri­vò in Cas­sa­zio­ne e le sen­ten­ze fu­ro­no tut­te re­go­lar­men­te pub­bli­ca­te nel­le ri­vi­ste giu­ri­di­che, con tan­to di no­te di com­men­to. Ma la pre­oc­cu­pa­zio­ne do­vet­te es­se­re al­tis­si­ma. Tan­to che qual­cu­no eb­be l’idea di con­fe­ri­re agli at­ten­ta­to­ri, che era­no sem­pli­ci ci­vi­li, del­le me­da­glie al va­lor mi­li­ta­re, sì da con­fer­ma­re che si trat­tò di un at­to di guer­ra. Non è chia­ro, pe­rò, se e quan­do la me­da­glia fu con­se­gna­ta a Franco Ca­la­man­drei. « A Car­la Cap­po­ni non l’han­no mai con­se­gna­ta. A Ro­sa­rio Ben­ti­ve­gna l’han­no con­se­gna­ta do­po più di trent’an­ni ». Il pro­fes­sor Ci­pria­ni esclu­de in ogni ca­so che sen­za il pa­dre Pie­ro la cau­sa ci­vi­le avreb­be pre­so una pie­ga di­ver­sa.

« E’ im­pen­sa­bi­le che l’Ita­lia re­pub­bli­ca­na con­dan­nas­se i pro­pri par­ti­gia­ni. Re­sta il fat­to che tut­to­ra la stra­gran­de mag­gio­ran­za dei ro­ma­ni tro­va quell’azio­ne inu­ti­le e con­tro­pro­du­cen­te per­ché sca­te­nò l’ira dei te­de­schi, che rea­gi­ro­no con la stra­ge del­le Fos­se Ar­dea­ti­ne ». E’ cer­to in­ve­ce che via Ra­sel­la in­fluì su Ca­la­man­drei, il qua­le, so­lo do­po la guer­ra, di­ven­ne il can­to­re del­la Re­si­sten­za. Ed è chia­ro che esal­tan­do la Re­si­sten­za, di­fen­de­va an­che il fi­glio. Ma ri­ma­ne dif­fi­ci­le so­ste­ne­re il dub­bio di una sor­ta di op­por­tu­ni­smo ideo­lo­gi­co. « La dis­si­mu­la­zio­ne e la dia­let­ti­ca fu­ro­no ar­mi che sa­pe­va ado­pe­ra­re mol­to be­ne. Si di­stri­cò al­la me­glio in ogni cir­co­stan­za. Non c’è il mi­ni­mo dub­bio che tra i pro­ces­sua­li­sti fos­se il più for­te di tut­ti. Ma, du­ran­te il fa­sci­smo, non si è mai bat­tu­to con­tro il fa­sci­smo, né ha mai det­to di es­se­re an­ti­fa­sci­sta. Nel 1925 fir­mò il Ma­ni­fe­sto Cro­ce, men­tre so­lo il 25 ago­sto 1943 si de­ci­se a scri­ve­re sul Cor­rie­re del­la Se­ra il fa­mo­so fon­do col qua­le si schie­rò aper­ta­men­te con­tro il fa­sci­smo ». E il no­do tor­na dun­que a es­se­re il ri­fles­so di que­ste vi­cen­de sul co­di­ce.

« Il fat­to è che Ca­la­man­drei, in quel pe­rio­do, as­si­cu­rò che il co­di­ce di pro­ce­du­ra ci­vi­le del 1940, al­la cui re­da­zio­ne egli ave­va più che col­la­bo­ra­to, non ave­va nul­la a che ve­de­re con l’au­to­ri­ta­ri­smo del fa­sci­smo. Con la con­se­guen­za che il co­di­ce, pu­re pre­sen­ta­to co­me il co­di­ce "fa­sci­sta per ec­cel­len­za", non fu abro­ga­to, ma Ca­la­man­drei, pro­prio per­ché più che no­to per il suo an­ti­fa­sci­smo, con­ti­nua a es­se­re - an­che per i gio­va­ni - il ga­ran­te del­la com­pa­ti­bi­li­tà del co­di­ce coi va­lo­ri del­la Co­sti­tu­zio­ne re­pub­bli­ca­na ». Ep­pu­re « il co­di­ce con­ces­se una mi­ria­de di po­te­ri di­scre­zio­na­li al giu­di­ce e com­pres­se dra­sti­ca­men­te le ga­ran­zie del­le par­ti. E sta di fat­to che il pro­ces­so ci­vi­le ita­lia­no, che pri­ma an­da­va più o me­no co­me un oro­lo­gio sviz­ze­ro, en­trò in cri­si. E que­sta cri­si, pur­trop­po, non si rie­sce an­co­ra a su­pe­ra­re ».

Pie­ro Ca­la­man­drei, fi­gu­ra cen­tra­le nel­la storia giu­ri­di­ca (e non) del No­ve­cen­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.