Corriere del Mezzogiorno (Puglia)

Un «gelato sospeso» per i bimbi poveri

-

A Napoli si adopera la formula del “caffè sospeso”. Ovvero una tazzina di caffè pagata a beneficio di un successivo avventore nel caso in cui non abbia la possibilit­à di pagarlo in proprio. A Bari un gruppo di volontari ha approntato la formula del “gelato sospeso”, a beneficio di quanti vorrebbero regalare un sorriso a un bambino e gli manchino i soldi per l’acquisto. L’iniziativa, per ora, prenderà piede in un gruppo di locali del primo municipio di Bari. Al momento gli esercenti che hanno aderito a “gelato sospeso” sono la caffetteri­a Diaz, nella omonima piazza, il chiosco Mimmo Bucci in via don Bosco e il bar Marnarid a Bari Vecchia. Gli esercenti interessat­i a partecipar­e potranno esporre all’ingresso della propria attività l’adesivo realizzato dai promotori. «Ora - dice la presidente del Municipio, Micaela Paparella - facciamo affidament­o sulla sensibilit­à dei baresi perché il “gelato sospeso” diventi una pratica comune».

 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy