Poe­sie e vi­deo di ado­le­scen­ti per com­bat­te­re le fra­gi­li­tà Tut­to in no­me di An­to­nel­la

Corriere del Mezzogiorno (Puglia) - - Città E Servizi - di Cin­zia Se­me­ra­ro

Pro­muo­ve­re il dia­lo­go e BA­RI l’em­pa­tia tra gli ado­le­scen­ti. Un pro­get­to no­bi­le, pre­sen­ta­to a Pa­laz­zo di Cit­tà dall’as­ses­so­ra Pao­la Ro­ma­no e dal pre­si­den­te dell’as­so­cia­zio­ne An­to Pa­ni­na­bel­la, Do­me­ni­co Dia­co­no. E che si è tra­dot­to nel Con­cor­so An­to­nel­la Dia­co­no, in­ti­to­la­to al­la stu­den­tes­sa ba­re­se ve­nu­ta a man­ca­re tra­gi­ca­men­te il 28 no­vem­bre 2017. Il con­cor­so è ri­vol­to agli stu­den­ti del pri­mo bien­nio del­le scuo­le se­con­da­rie sta­ta­li di se­con­do gra­do del Co­mu­ne di Ba­ri e si pro­po­ne di sen­si­bi­liz­za­re l’in­clu­sio­ne tra i ra­gaz­zi. «L’idea del con­cor­so na­sce dall’in­con­tro con Do­me­ni­co Dia­co­no, sua mo­glie An­ge­la e gli iscrit­ti all’as­so­cia­zio­ne An­to Pa­ni­na­bel­la - ha det­to Pao­la Ro­ma­no - e dal­la co­mu­ne vo­lon­tà di dif­fon­de­re nel­le scuo­le un mes­sag­gio di non vio­len­za. Ci sia­mo chie­sti co­me far sì che i ra­gaz­zi sia­no pro­ta­go­ni­sti e por­ta­to­ri di que­sto mes­sag­gio e per que­sto il con­cor­so è ri­vol­to agli stu­den­ti sin­go­li e al­le scuo­le e pre­mie­rà sia gli stu­den­ti pro­dut­to­ri di scrit­ti, fil­ma­ti, poe­sie, sia le scuo­le che vor­ran­no ac­com­pa­gnar­li in que­sto per­cor­so».

«Il con­cor­so par­te da due idee - ha sot­to­li­nea­to Do­me­ni­co Dia­co­no - quel­la di ri­cor­da­re An­to­nel­la e quel­la di ri­cor­da­re una co­sa a cui lei te­ne­va tan­tis­si­mo: il non fer­mar­si al­le ap­pa­ren­ze. Un mo­do si­cu­ro per far­la ar­rab­bia­re era di­re di una per­so­na qual­co­sa di brut­to ba­san­do­si sul suo aspet­to este­rio­re. Do­po la sua mor­te ab­bia­mo tro­va­to una let­te­ra in cui c’era que­sta fra­se che ci è sem­bra­ta si­gni­fi­ca­ti­va: an­da­te con­tro i pre­giu­di­zi e quan­do si ri­ve­la­no cor­ret­ti con­ti­nua­te a sca­va­re, per­ché ciò che gli al­tri pen­sa­no di noi si at­tac­ca co­me una se­con­da pel­le». Ov­ve­ro la fra­se scel­ta co­me trac­cia del con­cor­so. «Per­ché l’ab­bia­mo sen­ti­ta ve­ra - ha con­ti­nua­to Dia­co­no - e per­ché lei la pen­sa­va co­sì, per­ché l’ave­va vis­su­ta in quel mo­do. Il ti­to­lo del­la let­te­ra di An­to­nel­la era “so­no un pa­ni­no”, i suoi com­pa­gni la pren­de­va­no in gi­ro per una stu­pi­dag­gi­ne, per­ché man­gia­va un pa­ni­no e lei non sa­pe­va nean­che il per­ché. L’an­da­re con­tro i pre­giu­di­zi si­gni­fi­ca­va per lei quel­lo: voi mi sta­te guar­dan­do co­me una par­te di me che non mi rap­pre­sen­ta, an­da­te ol­tre. Vor­rem­mo por­ta­re ai ra­gaz­zi il suo mes­sag­gio e sti­mo­la­re la di­scus­sio­ne su una te­ma­ti­ca ca­ra ad An­to­nel­la, l’in­te­gra­zio­ne del “di­ver­so”, l’in­te­res­se an­zi per chi è più de­bo­le».

Pao­la Ro­ma­no e Do­me­ni­co Dia­co­no

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.