IL CAM­BIO DI ROT­TA SUL­LA SI­CU­REZ­ZA

Corriere del Mezzogiorno (Puglia) - - Da Prima Pagina - di Be­pi Ca­stel­la­ne­ta

Per uno stra­no cor­to­cir­cui­to po­li­ti­co­me­dia­ti­co una que­stio­ne par­ti­co­lar­men­te de­li­ca­ta co­me la si­cu­rez­za, che do­vreb­be in qual­che mo­do ag­gre­ga­re al­me­no nel­le in­ten­zio­ni chi a qual­sia­si ti­to­lo è chia­ma­to ad am­mi­ni­stra­re la co­sa pub­bli­ca, è di­ven­ta­ta di­vi­si­va se non ad­di­rit­tu­ra ter­re­no di scon­tro. Al pun­to che an­che le con­vin­zio­ni più so­li­de ri­schia­no di va­cil­la­re di fron­te agli sce­na­ri del mo­men­to, spes­so pe­ral­tro in­fluen­za­ti da oriz­zon­ti elet­to­ra­li di bre­ve o me­dio ter­mi­ne.

L’ul­ti­mo ca­so ar­ri­va da Ba­ri. Do­ve l’esi­gen­za di al­tri poliziotti sem­bra fi­ni­ta al cen­tro di una par­ti­ta po­li­ti­ca a col­pi di tweet e co­mu­ni­ca­ti: da una par­te c’è il mi­ni­stro dell’In­ter­no, Mat­teo Sal­vi­ni, che an­nun­cia 1500 agen­ti in più per la Pu­glia en­tro l’an­no e ras­si­cu­ra la po­po­la­zio­ne in­vian­do­ne sol­tan­to 19 a Ba­ri; dall’al­tra c’è il sin­da­co, An­to­nio De­ca­ro, che in­cal­za il lea­der del­la Lega chie­den­do­gli ma­li­zio­sa­men­te se sia­no nuo­vi ar­ri­vi o se in­ve­ce sia sem­pli­ce­men­te per­so­na­le chia­ma­to a so­sti­tui­re quel­lo di­slo­ca­to al cen­tro di per­ma­nen­za per il rim­pa­trio.

Ep­pu­re pro­prio De­ca­ro l’8 di­cem­bre scor­so, quan­do al Vi­mi­na­le se­de­va il suo col­le­ga di par­ti­to del Pd Mar­co Min­ni­ti - che ha ot­te­nu­to ri­sul­ta­ti di as­so­lu­to ri­lie­vo nel­la lot­ta al­la cri­mi­na­li­tà e al traf­fi­co di es­se­ri uma­ni - , pre­sen­tò un son­dag­gio se­con­do cui il 60 per cen­to dei ba­re­si ri­tie­ne la cit­tà sicura; per raf­for­za­re il con­cet­to il sin­da­co di­chia­rò sen­za in­du­gio: «Al mi­ni­stro non chie­dia­mo più for­ze dell’or­di­ne, più con­trol­li o te­le­ca­me­re, ma pro­po­nia­mo un nuo­vo mo­del­lo di si­cu­rez­za e le­ga­li­tà che pas­sa at­tra­ver­so la so­lu­zio­ne del­le si­tua­zio­ni di de­gra­do». Evi­den­te­men­te, po­sto che il de­gra­do è sem­pre di­la­gan­te co­me ri­ve­la lo scem­pio del­la la­pi­de di Al­do Mo­ro fat­ta a pez­zi in una del­le piaz­ze più cen­tra­li, quel mo­del­lo che non pre­ve­de un in­cre­men­to del­le pat­tu­glie de­ve es­se­re in­vec­chia­to di col­po. Tan­to è ve­ro che ades­so il sin­da­co, pri­ma con­tra­rio a quel­la che ve­ni­va con­si­de­ra­ta «una mi­li­ta­riz­za­zio­ne del ter­ri­to­rio», bat­te con sem­pre mag­gio­re de­ci­sio­ne sul ta­sto dei rin­for­zi.

Nel­lo stes­so tem­po Sal­vi­ni ri­tie­ne ne­ces­sa­rio pun­tua­liz­za­re, qua­si fos­se una que­stio­ne fon­da­men­ta­le, che «tan­te ri­chie­ste ar­ri­va­no da sin­da­ci di si­ni­stra». Ma al di là del­le scher­ma­glie re­sta­no i nu­me­ri. E so­no tutt’al­tro che ras­si­cu­ran­ti: nel 2016 a Ba­ri so­no sta­ti de­nun­cia­ti 52.980 rea­ti (ne ve­ni­va­no com­mes­si sei ogni ora) e nel 2017 la cit­tà è spro­fon­da­ta al ter­zul­ti­mo po­sto in te­ma di si­cu­rez­za nel­la gra­dua­to­ria sul­la qua­li­tà del­la vi­ta ela­bo­ra­ta dal So­le 24 Ore. Uno sce­na­rio pre­oc­cu­pan­te. Che la que­stu­ra da an­ni de­ve fron­teg­gia­re con un de­fi­cit di or­ga­ni­co del 13 per cen­to: va­le a di­re 1.117 poliziotti sui 1.298 pre­vi­sti.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.