Per nien­te Can­di­da

Corriere del Mezzogiorno (Puglia) - - Da Prima Pagina - di Can­di­da Mor­vil­lo

Gen­ti­le Can­di­da, il mio com­pa­gno ha de­ci­so di cam­bia­re vi­ta. Vuo­le lasciare il la­vo­ro, che lo an­no­ia fi­no a esau­rir­lo e sfi­nir­lo e vuo­le but­tar­si in una start up che è un’av­ven­tu­ra e che non gli dà al­cu­na cer­tez­za, che pe­rò so­stie­ne lo riem­pie di adre­na­li­na, vo­glia di fa­re, lo fa sen­ti­re be­ne e che può ave­re gran­di pro­spet­ti­ve per il fu­tu­ro. Que­sto suc­ce­de pro­prio ades­so che sia­mo an­da­ti a vi­ve­re in­sie­me e io lo vi­vo co­me un col­po a tra­di­men­to al­le cer­tez­ze che pen­sa­vo di ave­re rag­giun­to e che con­di­vi­de­vo con lui. Non di­co che non ce la fa­rà, ma le co­se van­no già be­ni­no co­sì. Ab­bia­mo qua­si 40 an­ni, una fa­mi­glia da co­strui­re, ab­bia­mo fa­ti­ca­to tan­to per ar­ri­va­re qui e ho pau­ra che stia but­tan­do tutto all’aria per nien­te. So­no mol­to de­lu­sa dal suo egoi­smo e non so co­me com­por­tar­mi.

Giu­lia

Ca­ra Giu­lia, gli uo­mi­ni si di­vi­do­no in vin­cen­ti e per­den­ti. E chi, per pau­ra, non co­min­cia una nuo­va av­ven­tu­ra ha già per­so in par­ten­za. Lei sa che i ri­nun­cia­ta­ri av­ve­le­na­no se stes­si e chi sta lo­ro vi­ci­no. Lei par­la di egoi­smo, che è un con­cet­to spes­so de­mo­niz­za­to a tor­to. Di so­li­to, rea­liz­zan­do noi stes­si e il po­ten­zia­le che sen­tia­mo di ave­re, di­ven­tia­mo per­so­ne mi­glio­ri e più fe­li­ci ed è un do­no an­che per chi ci sta ac­can­to. Lei ha si­cu­ra­men­ti ar­mi e astu­zie per pro­va­re a trat­te­ne­re il suo com­pa­gno da sfi­de che ri­tie­ne ri­schio­se. Ma pre­fe­ri­sce vi­ve­re con una per­so­na fru­stra­ta e in­fe­li­ce o con una che al­me­no sta pro­van­do a rea­liz­za­re i suoi so­gni? Il dif­fi­ci­le dell’amo­re è che ci met­te in re­la­zio­ne con es­se­ri uma­ni che non so­no im­mu­ta­bi­li. Il so­gno di tut­ti è cri­stal­liz­za­re l’at­ti­mo in cui tutto è per­fet­to, fer­ma­re il tem­po quan­do tutto va be­ne. In­ve­ce, ogni co­sa in­tor­no a noi cam­bia e noi stes­si cam­bia­mo. Il bel­lo dell’amo­re è pro­prio che ci im­po­ne un con­fron­to rad­dop­pia­to con la real­tà, ci sti­mo­la a cam­bia­re e mi­glio­ra­re più ve­lo­ce­men­te che se fos­si­mo da so­li. L’amo­re per­fet­to è un mol­ti­pli­ca­to­re, e non un ca­stra­to­re, di po­ten­zia­li­tà.

Nes­su­no può e de­ve to­glier­ci la bel­lez­za di sen­tir­ci di nuovo vi­vi

Ca­ra Can­di­da, sia­mo un grup­po di ami­che ve­do­ve, chi da più tem­po, chi da me­no. Ami­che da sem­pre, ab­bia­mo vi­sto i fi­gli cre­sce­re e i ma­ri­ti mo­ri­re. Ora, la­scia­mo che il tem­po pas­si, ci go­dia­mo tut­te, per for­tu­na, una di­scre­ta sa­lu­te, ci fre­quen­tia­mo per gio­ca­re a bur­ra­co, fa­re i fer­ri, rac­con­tar­ci dei ni­po­ti, fa­re un gi­ro per i ne­go­zi, ri­cor­da­re le co­se bel­le del pas­sa­to, con­fron­tar­ci sul­le vi­cen­de dei fi­gli, del­le nuo­re, dei ge­ne­ri, su un libro let­to, sul­le no­ti­zie. Ci te­nia­mo ag­gior­na­te, cer­chia­mo di non far­ci pren­de­re dall’apa­tia. Io ho per­so mio ma­ri­to due an­ni fa, so­no sta­ta l’ul­ti­ma di noi cin­que ami­che. Que­sta vi­ta da ve­do­va, pe­rò, non mi ap­pa­ga co­me ap­pa­ga le mie com­pa­gne. Mi sem­bra co­mun­que di in­tri­stir­mi e mi è ve­nu­ta vo­glia di fa­re co­se mai fat­te. Co­sì, sei me­si fa, mi so­no iscrit­ta a una scuo­la di bal­lo. L’ave­vo sem­pre de­si­de­ra­to, ma a mio ma­ri­to non pia­ce­va bal­la­re. Le mie ami­che l’han­no con­si­de­ra­ta un’ec­cen­tri­ci­tà e nes­su­na di lo­ro ha vo­lu­to se­guir­mi. Poi è suc­ces­so che a que­sta scuo­la ho co­no­sciu­to un si­gno­re, ve­do­vo an­che lui da po­co. Ab­bia­mo ini­zia­to a bal­la­re e chiac­chie­ra­re e, ina­spet­ta­ta­men­te, io ho ri­pre­so a ri­de­re di cuo­re. Non co­me quan­do so­no con le al­tre ve­do­ve, che c’è sem­pre quel sen­so di di­sgra­zia e sfor­tu­na di fon­do, il so­spi­ro di trop­po, non so spie­gar­le, spe­ro che ca­pi­sca. In­som­ma, que­sto si­gno­re mi ha riac­ce­so il cuo­re. Non par­le­rei di amo­re, ma di un af­fet­to, un’in­te­sa. E io non ci tro­vo nien­te di ma­le a ve­de­re che co­sa ne vie­ne. Le mie ami­che, pe­rò, han­no ini­zia­to, in mia pre­sen­za, a scam­biar­si oc­chia­te stra­ne, a dar­si di go­mi­to e con me, quan­do par­lo del bal­lo e di que­st’uo­mo, a ma­ni­fe­sta­re fred­dez­za. Fin­ché han­no co­min­cia­to pro­prio aper­ta­men­te a dir­mi che cer­te co­se al­la no­stra età non van­no be­ne, che il cor­so del­la vi­ta è fa­re la non­na e al­tri di­scor­si astru­si che non sto a ri­pe­ter­le. So­no ar­ri­va­te a di­re che que­st’uo­mo è un pro­fit­ta­to­re, per­ché ha una pen­sio­ne non buo­na co­me la mia e una si­tua­zio­ne di qua­si in­di­gen­za. An­che mio fi­glio si è pre­oc­cu­pa­to un po’. Mi do­man­do se a qua­si 80 an­ni io mi deb­ba tro­va­re in que­sta si­tua­zio­ne. Ni­na

Ca­ra Ni­na, nes­su­no può e de­ve to­glier­ci la bel­lez­za di sen­tir­ci di nuovo vi­vi quan­do da tem­po vi­ve­va­mo as­so­pi­ti. A vol­te, per buo­na crean­za, fac­cia­mo dell’abi­to a lut­to l’abi­to da in­dos­sa­re per an­ni, buo­no per con­dur­ci di­rit­to al­la ba­ra. Ma a chi gio­va que­sta vi­ta di so­spi­ri

e rim­pian­ti? Co­me in mil­le al­tri fran­gen­ti che la vi­ta ci met­te da­van­ti, ade­guar­si al­la tra­di­zio­ne è la via più con­for­te­vo­le, ma non ne­ces­sa­ria­men­te la più fe­li­ce. Può es­se­re che le sue ami­che sia­no sin­ce­ra­men­te pre­oc­cu­pa­te per lei. O che te­ma­no di per­de­re la sua com­pa­gnia. Può es­se­re an­che che si sen­ta­no mi­nac­cia­te dal­la sua vitalità. Sia­mo abi­tua­ti a cre­de­re che la vi­ta sia già scrit­ta nel­le sue sta­gio­ni e ne­gli ac­ci­den­ti che ne mu­ta­no il cor­so. Pre­fe­ria­mo di­men­ti­ca­re che c’è sem­pre qual­co­sa che pos­sia­mo fa­re per scom­bi­na­re le car­te sul ta­vo­lo. Lei fa be­nis­si­mo a go­der­si la vi­ta e a non re­spin­ge­re la pos­si­bi­li­tà di un ami­co par­ti­co­la­re o di un nuovo amo­re. I saggi han­no sem­pre det­to che la vi­ta è qui e ora, e non mi sem­bra si sia­no mai pre­oc­cu­pa­ti di con­fron­ta­re l’as­se­gno di pen­sio­ne. È sem­pre me­glio vi­ve­re co­me se do­ves­si­mo mo­ri­re do­ma­ni che vi­ve­re co­me se fos­si­mo già mor­ti.

Se uno smet­te di sen­tir­si per­fet­to, ac­cet­ta qual­che im­per­fe­zio­ne nell’al­tro Gen­ti­le Can­di­da, ai miei ge­ni­to­ri non sem­bra nor­ma­le che io, 46 an­ni, non sia an­co­ra spo­sa­to, cam­bi sem­pre fi­dan­za­ta, non par­li di dar lo­ro dei ni­po­ti­ni. Han­no so­lo me vor­reb­be­ro ve­der­mi si­ste­ma­to. Ma io so­no un far­fal­lo­ne, mi pre­sen­to ogni me­se con una ra­gaz­za di­ver­sa e fac­cio una gran con­fu­sio­ne. La co­sa che me­no ca­pi­sco­no è che non so­no le ra­gaz­ze che la­scia­no me, ma io che la­scio lo­ro! Cer­co so­lo il ve­ro amo­re, la ra­gaz­za perfetta, al­la mia al­tez­za. Che c’è di ma­le? Um­ber­to

Ca­ro Um­ber­to, mi pre­oc­cu­pe­rei di più se lei fos­se un so­li­ta­rio, in­ca­pa­ce di ave­re rap­por­ti con l’al­tro ses­so. Mi pre­oc­cu­pe­rei di più se lei fos­se quel­lo che ogni vol­ta vie­ne la­scia­to. Ma an­che «il ve­ro amo­re» è un fal­so mi­to. Co­me di­ce­va Al­bert Ca­mus, ca­pi­ta due o tre vol­te in un se­co­lo, all’in­cir­ca. Di so­li­to, ag­giun­go io, quan­do uno la smet­te di sen­tir­si per­fet­to, con­di­zio­ne in­di­spen­sa­bi­le per ac­cet­ta­re qual­che im­per­fe­zio­ne nell’al­tro.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.