«Bru­na è sta­ta uc­ci­sa due vol­te»

Do­po l’as­so­lu­zio­ne di Co­la­mo­ni­co la ma­dre dell’este­ti­sta si sfo­ga: «Noi la­scia­ti so­li»

Corriere del Mezzogiorno (Puglia) - - Da Prima Pagina - Di Lu­cia del Vec­chio

Tre gior­ni do­po la sen­ten­za di as­so­lu­zio­ne in appello di An­to­nio Co­la­mo­ni­co, con­dan­na­to in pri­mo gra­do a 25 an­ni, la ma­dre di Bru­na Bo­vi­no - l’este­ti­sta uc­ci­sa a Mo­la nel 2013 - rom­pe il si­len­zio. «Non c’è giu­sti­zia. E la no­stra fa­mi­glia è sta­ta ab­ban­do­na­ta da tut­ti. A mia ni­po­te, che non ha avu­to nean­che uno psi­co­lo­go, non so più co­sa rac­con­ta­re».

Una co­sa è cer­ta: Bru­na Bo­vi­no è an­co­ra sen­za giu­sti­zia. Lo gri­da la ma­dre, Li­lian Bal­do, scon­vol­ta dall’as­so­lu­zio­ne di An­to­nio Co­la­mo­ni­co, con­dan­na­to in pri­mo gra­do a 25 an­ni di re­clu­sio­ne per l’ef­fe­ra­to as­sas­si­nio di sua fi­glia, che a 29 an­ni ha tro­va­to la mor­te il 12 di­cem­bre del 2013 nel cen­tro este­ti­co che ge­sti­va a Mo­la di Ba­ri. L’as­sas­si­no ha poi cer­ca­to di da­re al­le fiam­me il cor­po mar­to­ria­to del­la gio­va­ne mam­ma. Do­po ol­tre quat­tro an­ni di de­ten­zio­ne, Co­la­mo­ni­co è sta­to scar­ce­ra­to tre gior­ni fa, a se­gui­to del­la sen­ten­za del­la Cor­te di as­si­se di Appello di Ba­ri che, ri­bal­tan­do le de­ci­sio­ni dei giu­di­ci di pri­mo gra­do, lo ha as­sol­to per «non aver com­mes­so il fat­to». Si­gno­ra Bal­do, se l’aspet­ta­va?

«As­so­lu­ta­men­te no. È sta­to tre­men­do. Se pen­so al­la mia po­ve­ra Bru­na sen­za giu­sti­zia, a lei che ave­va stu­dia­to per cin­que an­ni per co­ro­na­re il so­gno di apri­re un cen­tro este­ti­co, se pen­so ai suoi sa­cri­fi­ci, ave­vo an­che con me la sua bam­bi­na per po­ter­le per­met­te­re di la­vo­ra­re. È stra­zian­te, mi cre­da. A mia ma­dre di 88 an­ni non ho det­to che è sta­to scar­ce­ra­to». Chi le è sta­to ac­can­to?

«Nes­su­no. Né la Re­gio­ne Pu­glia, né gli av­vo­ca­ti. Nien­te e nes­su­no. L’av­vo­ca­to del­la Re­gio­ne Pu­glia non ci guardava nem­me­no in fac­cia. So­no sta­ta ab­ban­do­na­ta da tut­ti, con i miei ge­ni­to­ri an­zia­ni. Ho com­bat­tu­to da so­la e sen­za sol­di. Ma ce l’ho fat­ta».

La Re­gio­ne Pu­glia, le as­so­cia­zio­ni Sa­fiya e Gi­raf­fah on­lus si so­no co­sti­tui­te par­te ci­vi­le nel pro­ces­so.

«Sì, ma a che pro? Non ho ri­ce­vu­to nean­che una te­le­fo­na­ta da que­ste per­so­ne. In que­sti an­ni non so­no ve­nu­ti più al pro­ces­so. Quan­do è sta­ta let­ta la sen­ten­za di as­so­lu­zio­ne, l’al­tro gior­no, era­va­mo da so­li. Io, mia so­rel­la e mio co­gna­to. I no­stri av­vo­ca­ti se ne so­no an­da­ti via tut­ti». Co­me mai?

«Non lo so. So so­lo che mi so­no ar­rab­bia­ta mol­tis­si­mo con una can­cel­lie­ra che è rien­tra­ta in au­la do­po la pau­sa ri­den­do. Io non mi ca­pa­ci­to di que­sto fat­to. È sta­ta una ver­go­gna. So che il ca­pi­ta­no, ades­so pro­mos­so mag­gio­re, Raffaele Fe­de­ri­co, au­to­re del­le in­da­gi­ni che han­no con­dot«Non to poi all’ar­re­sto di Co­la­mo­ni­co, è di­spia­ciu­tis­si­mo per co­me so­no an­da­te le co­se. Tan­ti sol­di, tan­te ore di la­vo­ro, tan­ti sa­cri­fi­ci, tan­te pro­ve rac­col­te e poi si smon­ta tut­to co­sì».

Ma la sen­ten­za di appello di­ce che Co­la­mo­ni­co è in­no­cen­te.

❞ La Re­gio­ne si è co­sti­tui­ta par­te ci­vi­le Ma quan­do è sta­ta let­ta la sen­ten­za era­va­mo da so­li

ci so­no al­tri in­da­ga­ti, non ci so­no mai sta­ti. Io spe­ro nel­la Cas­sa­zio­ne. Spe­ro an­co­ra nel­la giu­sti­zia. I pro­prie­ta­ri dei lo­ca­li che abi­ta­va­no pro­prio so­pra il cen­tro este­ti­co di Bru­na, ave­va­no già sen­ti­to la puz­za di bru­cia­to pri­ma del­le 18,20. Noi ab­bia­mo pau­ra. Mia so­rel­la, con il bam­bi­no di mia fi­glia, non esce di ca­sa. La si­tua­zio­ne è ne­ra. Io, pe­rò, ho fi­du­cia in chi ha fat­to le in­da­gi­ni in tut­ti que­sti an­ni».

Co­me sta­te af­fron­tan­do que­sta as­sen­za ter­ri­bi­le? Vi han­no of­fer­to il so­ste­gno di uno psi­co­lo­go, spe­cie per i bam­bi­ni?

«Guar­di, la pic­co­la di sei an­ni mi ha chie­sto pro­prio ieri: non­na, ma co­me è mor­ta mam­ma? Non ho sa­pu­to co­me e co­sa ri­spon­der­le. Nes­su­no ci ha mai chie­sto nien­te. Nes­su­no ha pen­sa­to che que­sti bam­bi­ni han­no bi­so­gno di aiu­to so­prat­tut­to psi­co­lo­gi­co. La pic­co­la cer­te vol­te è co­me se si bloc­cas­se, non rea­gi­sce».

Per­ché ha de­ci­so di par­la­re?

«Non ab­bia­mo mai fat­to in­ter­vi­ste se non quan­do c’è sta­to l’ar­re­sto, an­che per non di­stur­ba­re le in­da­gi­ni in cor­so. Ab­bia­mo col­la­bo­ra­to con gli in­qui­ren­ti, con i ca­ra­bi­nie­ri che so­no sta­ti fan­ta­sti­ci. Vo­glio rin­gra­zia­re a que­sto pro­po­si­to il mag­gio­re Fe­de­ri­co che è sta­to il no­stro an­ge­lo in que­sti an­ni. Ora no, non pos­sia­mo re­sta­re in si­len­zio, do­po que­sta sen­ten­za. Giu­sti­zia non c’è. La vo­glio per Bru­na. Vo­glio po­ter di­re un gior­no al­la sua bim­ba, quan­do sa­rà più gran­de, che chi ha uc­ci­so la sua mam­ma ha avu­to ciò che me­ri­ta­va dal­la giu­sti­zia ter­re­na. Il car­ce­re, ma­ga­ri a vi­ta. Ho fe­de in Dio. E nel­la Cas­sa­zio­ne».

Il mag­gio­re Fe­de­ri­co è sta­to l’uni­co con le sue in­da­gi­ni a star­ci vi­ci­no Un an­ge­lo fra tan­ti sen­za cuo­re

A mia ni­po­te non so più co­sa rac­con­ta­re Pe­rò ho fe­de in Dio E an­che nel­la Cas­sa­zio­ne

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.