L’EGO RISOLUTO DELL’ESULE DEM

Corriere del Mezzogiorno (Puglia) - - Da Prima Pagina - Di Gian­do­me­ni­co Amen­do­la

La con­fu­sio­ne po­li­ti­ca in Pu­glia ha rag­giun­to li­vel­li mas­si­mi. Con­fu­si, di con­se­guen­za, so­no i tan­ti cit­ta­di­ni che se­guo­no le vi­cen­de po­li­ti­che non tan­to per pas­sio­ne quan­to per­ché so­no con­sa­pe­vo­li che una buo­na fet­ta del pro­prio fu­tu­ro di­pen­de dal­le azio­ni, da­gli umo­ri e dal­le biz­ze di chi li go­ver­na ed am­mi­ni­stra.

La mo­bi­li­tà tra par­ti­ti e sim­bo­li è al­tis­si­ma. Se è dif­fi­ci­le pre­ve­de­re chi pos­sa es­se­re il vin­ci­to­re nel­le pros­si­me com­pe­ti­zio­ni elet­to­ra­li, sem­bra in­ve­ce mol­to chia­ro chi è de­sti­na­to a per­de­re. Più che di mo­bi­li­tà bi­so­gna, per­ciò, par­la­re di fu­ghe. For­za Ita­lia è in li­qui­da­zio­ne men­tre il Pd è in am­mi­ni­stra­zio­ne con­trol­la­ta. I 5 Stel­le non so­no più sul­la cre­sta dell’on­da e non sem­bra­no in gra­do di pro­dur­re can­di­da­ti in gra­do di con­ser­va­re i vo­ti del­la gran­de on­da­ta del­le po­li­ti­che. Re­sta la Le­ga che, na­ta nel­la ric­ca Lom­bar­dia, sem­bra pe­rò eser­ci­ta­re la mag­gio­re at­tra­zio­ne pro­prio nel­le pro­vin­ce più de­bo­li, Fog­gia e Brin­di­si.

An­co­ra una vol­ta al cen­tro del­lo spet­ta­co­lo è il go­ver­na­to­re Emi­lia­no, il qua­le ha an­nun­cia­to l’ab­ban­do­no del Pd. A ben guar­da­re non è una gran­de no­vi­tà vi­sto che nel­la cam­pa­gna elet­to­ra­le del 2015 per le Re­gio­na­li il sim­bo­lo del par­ti­to di cui era pe­ral­tro se­gre­ta­rio era sta­to can­cel­la­to da tut­ti i suoi ma­ni­fe­sti. Al po­sto del sim­bo­lo c’era un gi­gan­te­sco ego. Un ego che ha co­stan­te­men­te se­gna­to tut­ta la suc­ces­si­va azio­ne po­li­ti­ca: dal cor­teg­gia­men­to sen­za esi­to ai 5 Stel­le al­le pi­roet­te tra le cor­ren­ti, all’ul­ti­mo con­gres­so na­zio­na­le del Pd. Poi è ve­nu­to il mas­sic­cio re­clu­ta­men­to di grup­pi e grup­pet­ti, or­fa­ni del­la una vol­ta po­ten­te e ric­ca de­stra ber­lu­sco­nia­na, per i qua­li ci so­no sta­ti in­ca­ri­chi e ap­pe­ti­to­se pro­mes­se.

Og­gi, Emi­lia­no la­scia il Pd. An­che la Cor­te Co­sti­tu­zio­na­le gli ha ri­cor­da­to che il ri­spet­to del­la leg­ge che vie­ta ad un ma­gi­stra­to di mi­li­ta­re in un par­ti­to po­li­ti­co non è un op­tio­nal ma un ob­bli­go a cui an­che l’ego più risoluto, per giun­ta in to­ga, de­ve sot­to­sta­re. L’oc­ca­sio­ne era pe­rò trop­po ghiot­ta per non ap­pro­fit­tar­ne e per fon­da­re un nuo­vo par­ti­to a pro­pria im­ma­gi­ne e so­mi­glian­za. La gran­de ri­sor­sa per que­sto pro­get­to so­no le li­ste ci­vi­che. Il cit­ta­di­no e la de­mo­cra­zia so­stan­zia­le che evo­ca c’en­tra­no, pe­rò, nel­la mag­gior par­te dei ca­si ben po­co. Mol­te del­le li­ste co­sid­det­te ci­vi­che sem­bra­no piut­to­sto for­ma­zio­ni as­si­sti­te. So­lo in nu­me­ro mi­no­re, si trat­ta di or­ga­niz­za­zio­ni lo­ca­li che, nel­la cri­si dei par­ti­ti e del­la po­li­ti­ca, cer­ca­no di co­strui­re al­me­no nel­la pro­pria cit­tà una con­cre­ta de­mo­cra­zia par­te­ci­pa­ti­va.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.