Al­za­re il prez­zo met­te al ri­pa­ro l’olio di qua­li­tà

Corriere del Mezzogiorno (Puglia) - - Da Prima Pagina - di An­na Ca­ne

Ma­de in Ita­ly, co­me pas­sa­re dal­le pa­ro­le ai fat­ti? Per l’ex­tra ver­gi­ne di oli­va c’è una gros­sa no­vi­tà ed è le­ga­ta al­la Bor­sa mer­ci dell’olio di Ba­ri. At­tra­ver­so la Fi­lie­ra Oli­vi­co­la Olea­ria Ita­lia­na, mar­chio 100% ita­lia­no, l’ac­qui­ren­te pa­ga al pro­dut­to­re 40 cen­te­si­mi al chi­lo in più sul prez­zo dell’olio ex­tra ver­gi­ne di oli­va 100% ita­lia­no di qua­li­tà.

Ri­ten­go che sia un ri­sul­ta­to im­por­tan­te poi­ché, nel­la cam­pa­gna oli­vi­co­la in cor­so, ci so­no tan­ti oli­vi­col­to­ri al­le pre­se con pro­ble­ma­ti­che sta­gio­na­li che han­no com­pro­mes­so il rac­col­to. Dob­bia­mo, pe­rò, sof­fer­mar­ci an­che su­gli in­du­stria­li: pun­ta­no sull’ec­cel­len­za del pro­dot­to ita­lia­no e sul­le sue pro­prie­tà nu­tra­ceu­ti­che. Per com­pren­de­re la por­ta­ta eco­no­mi­ca di tut­to ciò, dia­mo uno sguar­do ad al­tri due pro­dot­ti sim­bo­lo del ma­de in Ita­ly: lat­te e pa­sta.

So­no pas­sa­ti cir­ca 20 anni da quan­do Gra­na­ro­lo, coo­pe­ra­ti­va di al­le­va­to­ri ita­lia­ni, de­ci­se di pa­ga­re il lat­te di qua­li­tà ad un prez­zo mag­gio­ra­to. Da al­lo­ra in poi, il lat­te non è più sta­to tut­to ugua­le e chi ha fat­to que­sta scel­ta - che sem­brò az­zar­da­ta og­gi pro­spe­ra. Nel 2012, Gra­no­ro che è una del­le mag­gio­ri in­du­strie di pa­sta del Bel­pae­se, ini­ziò a pa­ga­re il gra­no du­ro ita­lia­no di qua­li­tà ad un prez­zo su­pe­rio­re a quel­lo di mer­ca­to. Pu­re per la pa­sta la scel­ta si è ri­ve­la­ta vin­cen­te.

Ades­so sem­bra giun­to il mo­men­to di far usci­re an­che l’ex­tra ver­gi­ne dal­la sco­mo­da ca­te­go­ria del­la com­mo­di­ty: tec­ni­ca­men­te so­no quei pro­dot­ti giu­di­ca­ti so­lo per il prez­zo, sem­pre al ri­bas­so. Il re­sto è tut­to da scri­ve­re e ri­guar­da il Mez­zo­gior­no e la Pu­glia, do­ve c’è il 40-50% del­la pro­du­zio­ne ita­lia­na di olio. Ma in che mo­do si può la­vo­ra­re in­sie­me per ga­ran­ti­re il giu­sto va­lo­re all’olio ita­lia­no? Co­me si pos­so­no edu­ca­re i con­su­ma­to­ri? Co­me Fooi ab­bia­mo or­ga­niz­za­to al mi­ni­ste­ro del­le Po­li­ti­che Agri­co­le un mo­men­to di ri­fles­sio­ne con il con­tri­bu­to scien­ti­fi­co di esper­ti fra i qua­li il pro­fes­sor Sal­va­to­re Cam­po­seo dell’uni­ver­si­tà di Ba­ri. Chi è im­mer­so nell’olio di oli­va sa che l’oli­vi­col­tu­ra ha an­che una im­por­tan­za am­bien­ta­le e non so­lo pro­dut­ti­va. Dob­bia­mo ora con­di­vi­de­re la co­no­scen­za, apri­re il con­fron­to con la gran­de di­stri­bu­zio­ne or­ga­niz­za­ta e con le as­so­cia­zio­ni dei con­su­ma­to­ri. Vi­ce pre­si­den­te Fi­lie­ra Oli­vi­co­la Olea­ria Ita­lia­na

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.