Corriere del Mezzogiorno (Puglia)

Beatrice Rana e la NY Philharmon­ic Debutto a giugno

- Francesco Mazzotta

C’è ancora New York negli orizzonti artistici di Beatrice Rana, la pianista salentina ormai entrata nell’Olimpo dei grandi interpreti dei nostri giorni, osannata in tutto il mondo da pubblico e critica, reduce dagli impegni al Gilmore Piano Festival, al Concertgeb­ouw di Amsterdam, a Monaco di Baviera e appena nominata artista in residenza per il 2023 all’Accademia di Santa Cecilia di Roma per una serie di concerti con i direttori Antonio Pappano e Jakub Hrusa. Lo scorso marzo, l’appuntamen­to più prestigios­o: il concerto da sogno nella Grande Mela, nella sala principale della Carnegie Hall. Ieri la notizia che il mese prossimo Beatrice Rana suonerà per la prima volta con la New York Philharmon­ic, la più antica e prestigios­a orchestra americana, in passato diretta da Toscanini, Stokowski, Mitropoulo­s, Bernstein e molti altri mostri sacri del podio.

La concertist­a pugliese è stata, infatti, insignita per il 2022 del Classical Piano Prize consistent­e in un assegno di 30 mila dollari e l’impegno a esibirsi con la NY Philharmon­ic, a suonare musica da camera con i maestri dell’orchestra e a diventare ambasciatr­ice della prestigios­a istituzion­e. «Sono rimasta senza parole quando l’ho saputo», ha commentato la musicista, che debutterà con la NY Philharmon­ic dal 2 al 4 giugno eseguendo il Primo Concerto di Ciaikovski­j diretta da Jaap van Zweden, mentre il 7 giugno suonerà il Quintetto per pianoforte di Shostakovi­ch. Le due esibizioni verranno precedute il 1° giugno da un concerto privato per gli allievi del liceo musicale intitolato all’ex sindaco di New York, Fiorello Henry La Guardia.

 ?? ?? Beatrice Rana, star mondiale del pianoforte classico
Beatrice Rana, star mondiale del pianoforte classico

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy