Corriere del Trentino

ROVERETO

-

Corso Bettini, tel. 0464/452253

«Bit» Per Oriente Occidente spettacolo al Teatro Zandonai con la Compagnie Maguy Marin. La ricerca costante di cambiament­o fa di Maguy Marin una coreografa resistente, non solo al tempo e agli eventi, ma alla vita. Per lei resistere significa creare mettendosi ogni volta in discussion­e, spingendo chi guarda a fare lo stesso. «Uno spettacolo - ama ribadire - non può certamente cambiare il mondo, ma può forse cambiare coloro che lo guardano». Così nel suo immenso repertorio (una cinquantin­a di titoli, di cui molti capolavori), che spazia dalla danza pura al Tanztheate­r, al quasi-teatro e all’installazi­one, il comune denominato­re resta parlare dell’uomo, dell’individuo in rapporto al gruppo e alla società. «BiT» è la sua ultima creazione realizzata per la Biennale de la Danse di Lione 2014. Il brano segna il ritorno al movimento, a un rapporto stringente, quasi ossessivo, con la musica. Tutto comincia da un lavoro sul ritmo, come il ritmo di ciascuno si articola in relazione a quello degli altri. Una questione politica per Marin sebbene lo spettacolo non la enfatizzi. Come si formano le masse? Come le solitudini? Quale mistero regola i flussi? Lo spettacolo è una sorta di lotta, di resistenza alla morte per sette interpreti ossessiona­ti dal ritmo, travolti in una farandole incessante che li trascina nel vuoto. E questo viaggio nell’abisso, nell’incapacità di sganciarsi dal passo della società, si svolge su un’ostinata musica techno creata dal giovane musicista

tolosano Charlie Aubry.

Alle ore 20.30.

 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy