Vir­gi­nia Sal­ze­do, i mi­ste­ri de­gli abis­si fis­sa­ti in una fo­to

La fo­to­gra­fa tren­ti­na si è ag­giu­di­ca­ta il con­cor­so «World Shoo­tout» «Lo scat­to più dif­fi­ci­le? Im­mor­ta­la­re i gi­ri­ni, so­no ve­lo­cis­si­mi»

Corriere del Trentino - - Da Prima Pagina - Roat

«Car­pe diem», di­ce­va­no i la­ti­ni. La lo­cu­zio­ne ben si ad­di­ce al­le sue fo­to­gra­fie. Ba­sta un at­ti­mo per co­glie­re la bel­lez­za, tal­vol­ta na­sco­sta dal­le te­ne­bre fan­go­se dei fon­da­li la­cu­stri, dal­le al­ghe scu­re che ce­la­no la vi­ta sott’ac­qua. «Non ser­ve an­da­re lon­ta­no per fa­re del­le bel­le fo­to, ba­sta sa­per guar­da­re con at­ten­zio­ne e un piz­zi­co di sen­si­bi­li­tà. Co­glie­re l’at­ti­mo» spie­ga, sor­ri­den­do.

Mam­ma e mo­glie a tem­po pie­no fi­no a qual­che an­no fa, ora il suo no­me è an­no­ve­ra­to tra i gran­di del­la fo­to­gra­fia su­bac­quea. È la sto­ria di Vir­gi­nia Sal­ze­do, 43 an­ni, tren­ti­na, an­che se il cuo­re la por­ta spes­so nel Sa­len­to, ter­ra di suo non­no («Per re­spi­ra­re il pro­fu­mo del ma­re» di­ce). È cam­pio­nes­sa ita­lia­na di fo­to­gra­fia su­bac­quea na­zio­na­le. A set­tem­bre ha vin­to l’oro in Sar­de­gna a Vil­la­si­mius, ai qua­li ha par­te­ci­pa­to con l’As­so­cia­zio­ne Me­di­ter­ra­neo, ora un suo scat­to sott’ac­qua nel ma­re di Pu­glia, ca­ri­co di emo­zio­ne ve­ra, ha con­qui­sta­to an­che la giu­ria del con­cor­so in­ter­na­zio­na­le pre­mio «World Shoo­tout» che si è svol­to nel­le scor­se set­ti­ma­ne a Düs­sel­dorf, sba­ra­glian­do fo­to­gra­fi pro­fes­sio­ni­sti e ar­ti­sti de­gli am­bien­ti ac­qua­ti­ci ma­ri­ni e tro­pi­ca­li, pro­ve­nien­ti da tut­to il mon­do. Con la sua pic­co­la mac­chi­na com­pat­ta è riu­sci­ta a su­pe­ra­re an­che i con­fi­ni del­le più tec­no­lo­gi­che re­flex. Va­ni­to­so e nel con­tem­po dol­ce. Il ca­val­luc­cio ma­ri­no, in­trap­po­la­to nel­lo scat­to di Vir­gi­nia, ha uno sguar­do pe­ne­tran­te, che ra­pi­sce. Ave­va già con­qui­sta­to il po­dio nel­la ca­te­go­ria del­le mac­chi­ne fo­to­gra­fi­che com­pat­te, poi, pe­rò, la giu­ria ha de­ci­so di in­se­rir­lo nel­la li­sta di die­ci fo­to­gra­fie scel­te sia del­la ca­te­go­ria com­pat­te che del­le re­flex, e ha vin­to ag­giu­di­can­do­si l’am­bi­ta sta­tuet­ta. Un ri­sul­ta­to che nep­pu­re lei si aspet­ta­va. «So­no stu­pi­ta an­che io, cer­to non me lo aspet­ta­vo, ho par­te­ci­pa­to con una mac­chi­na fo­to­gra­fi­ca com­pat­ta — spie­ga — ma for­se quel­lo che la giu­ria ha ap­prez­za­to di più è il mes­sag­gio, il sen­ti­men­to che tra­smet­te­va la fo­to».

Su­bac­quea per pas­sio­ne, è pas­sa­ta al­la fo­to­gra­fia qua­si per ca­so. Per an­ni era ri­ma­sta lon­ta­na dal suo gran­de amo­re, le escur­sio­ni sott’ac­qua. Bom­bo­le, ma­sche­ra, pin­ne e il si­len­zio del ma­re. «Lì sot­to rie­sco a pro­va­re una sen­sa­zio­ne di ar­mo­nia uni­ca» rac­con­ta. Nel 1995 ave­va con­se­gui­to il pri­mo bre­vet­to su­bac­queo, poi l’al­tro gran­de amo­re del­la sua vi­ta, la fa­mi­glia, ha as­sor­bi­to tut­te le sue ener­gie per an­ni. Ma ora i fi­gli so­no gran­di, il pri­mo ha 14 an­ni e il se­con­do 12, co­sì è riu­sci­ta a tor­na­re al suo pri­mo amo­re, se­gui­ta sem­pre dal ma­ri­to, l’av­vo­ca­to pe­na­li­sta Fi­lip­po Fe­driz­zi, di­ven­ta­to non so­lo il suo com­pa­gno di vi­ta, ma an­che una pre­sen­za in­di­spen­sa­bi­le nel­la sua nuo­va av­ven­tu­ra di fo­to­gra­fa su­bac­quea. Una pas­sio­ne che si sta tra­sfor­man­do in pro­fes­sio­ne e l’ha por­ta­ta a viag­gia­re mol­to all’este­ro.

«La pas­sio­ne per l’ac­qua l’ho sem­pre avu­ta — rac­con­ta an­co­ra Vir­gi­nia — so­no su­bac­quea e in­se­gna­vo. Poi ho ini­zia­to ad ap­pas­sio­nar­mi al­la fo­to­gra­fia su­bac­quea, ini­zial­men­te so­lo da au­to­di­dat­ta, leg­gen­do al­cu­ni ma­nua­li, suc­ces­si­va­men­te nel 2012 ho fre­quen­ta­to un cor­so di spe­cia­liz­za­zio­ne Fip­sas con la Bol­za­no sub, che mi ha av­via­to al­le com­pe­ti­zio­ni». Da qui al­le ga­re il pas­so è sta­to bre­ve e ora ha vin­to nien­te­me­no che il con­cor­so «World Shoo­tout». «Per me la fo­to­gra­fia è un’arte, fo­to­gra­fo l’ac­qua in ge­ne­ra­le, gli am­bien­ti ma­ri­ni, la­cu­stri. Ho fat­to del­le im­mer­sio­ni sot­to il ghiac­cio in Al­to Adi­ge, poi nel la­go di Gar­da, ma an­che a Mol­ve­no e nei la­ghi mon­ta­ni, do­ve è pos­si­bi­le».

Si è abi­tua­ti a guar­da­re le im­ma­gi­ni di squa­li e ba­le­ne, scat­ti che fer­ma­no il tem­po nei fon­da­li dei ma­ri tro­pi­ca­li, fo­to­gra­fie che di­ven­ta­no pro­ta­go­ni­ste del­la ri­vi­sta più pre­sti­gio­sa, il Na­tio­nal Geo­gra­phic, le stes­se che han­no par­te­ci­pa­to an­che al con­cor­so a Düs­sel­dorf , ma per Vir­gi­nia il mon­do sott’ac­qua non si fer­ma lì. Vir­gi­nia ama il Tren­ti­no e i suoi la­ghi. Vuo­le mo­stra­re al mon­do que­gli an­go­li na­sco­sti, for­se un po’ di­men­ti­ca­ti. Dal­la Ger­ma­nia ad Israe­le, all’Eu­ro­pa, Vir­gi­nia vuo­le far co­no­sce­re il Tren­ti­no e l’Ita­lia. È la sua mis­sion e i suoi scat­ti ri­vi­vo­no quel­le emo­zio­ni che ha pro­va­to nel­le lun­ghe at­te­se sott’ac­qua per riu­sci­re a fo­to­gra­fa­re es­se­ri­ni mi­nu­sco­li, co­me i gi­ri­ni. «So­no ve­lo­cis­si­mi, è dif­fi­ci­le im­mor­ta­lar­li — spie­ga — una vol­ta ci so­no riu­sci­ta, è emo­zio­nan­te. Spes­so si pen­sa che i fon­da­li la­cu­stri sia­no am­bien­ti cu­pi, non si ca­pi­sce co­sa c’è la sot­to e in­ve­ce c’è un mon­do bel­lis­si­mo, da sco­pri­re, da ve­de­re, an­che i la­ghi al­pi­ni han­no un gran­de fa­sci­no. A La­go­lo mi so­no im­mer­sa per fo­to­gra­fa­re le nin­fee in fio­re, ma non da so­pra co­me si è so­li­ti fa­re, ma da sot­to. Mi so­no ac­cor­ta che le fo­to dei la­ghi ven­go­no mol­to ap­prez­za­te all’este­ro». Vir­gi­nia Sal­ze­do con i suoi scat­ti ha col­la­bo­ra­to an­che al progetto al­la sco­per­ta del­la fo­re­sta som­mer­sa nel la­go di To­vel del Crn Ival­sa di San Mi­che­le, che ha ef­fet­tua­to le ana­li­si den­dro­cro­no­lo­gi­che per ca­pi­re l’ori­gi­ne e la da­ta in cui si è for­ma­ta.

Ora Vir­gi­nia ha ag­giun­to un nuo­vo suc­ces­so al­la sua neo car­rie­ra e per il fu­tu­ro? «Vor­rei con­ti­nua­re, cre­do sia una gran­de for­tu­na al gior­no d’og­gi ave­re la pos­si­bi­li­tà di col­ti­va­re una pro­pria pas­sio­ne. Ora so­no pas­sa­ta al­la re­flex, me l’ha re­ga­la­ta mio pa­pà, co­sì pos­so con­ti­nua­re con il mio amo­re per l’ac­qua e la fo­to­gra­fia».

Pre­mia­to Il ca­val­luc­cio ma­ri­no ri­trat­to da Vir­gi­nia Sal­ze­do nel Sa­len­to. A de­stra, la pre­mia­zio­ne av­ve­nu­ta a Dus­sel­durf

Im­mer­sio­ne Un al­tro scat­to di Sal­ze­do

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.